Salute 1 Settembre 2015 17:40

Febbre del Nilo, aumentano i casi del virus delle zanzare

Quindici casi dall’inizio dell’anno: due ricoveri in Lombardia

Febbre del Nilo, aumentano i casi del virus delle zanzare

Che le zanzare potessero dare qualche fastidio ben più grosso di una puntura arrossata è fatto noto.


Uno fra tutti, il virus della malaria, che nei Paesi tropicali rappresenta ancora una delle principali cause di morte per le popolazioni locali e un rischio importante per i turisti, dal momento che il veicolo d’infezione – l’insetto – è poco controllabile attraverso le normali misure precauzionali, il che costringe i visitatori a massicce terapie farmacologiche preventive.

Ma che succede, invece, quando le zanzare infette vivono molto più vicine a noi? Succede quello che sta accadendo, da qualche settimana, nel Nord Italia. Per fortuna non si tratta di malaria, ma di una – meno grave – febbre del Nilo, che ha tuttavia immobilizzato a letto due anziani (dichiarati fuori pericolo) e colpito in totale sette persone tra la provincia di Lodi e l’Emilia Romagna. Quindici, ad oggi, i casi registrati in Europa. Non è un caso che l’area più colpita sia quella della Pianura Padana, nelle cui acque stagnanti questi insetti trovano un habitat particolarmente favorevole per la riproduzione.

Si tratta di un virus simile a quello dell’influenza, che può essere pericoloso – e causare sintomi a carico dell’encefalo come una meningite – se a contrarlo sono persone anziane, fragili o immunocompromesse. Scoperto in Africa, il virus si è diffuso nel tempo nel resto del mondo. «Viene trasmesso all’uomo e agli animali dalla puntura delle zanzare comuni, le Culex – spiega Marco Tinelli, direttore del Reparto di Malattie infettive e tropicali dell’ospedale di Sant’Angelo Lodigiano –  e la prevenzione è mirata proprio ad evitare le punture. La terapia – aggiunge Tinelli – è sintomatica».  In via cautelare l’Avis ha disposto la sospensione delle donazioni di sangue  per 28 giorni da quando si è soggiornato, anche per una sola notte, nelle zone ritenute a rischio.

Gli esperti suggeriscono l’uso di repellenti e abiti coprenti, soprattutto all’imbrunire. Attuare una strategia preventiva sembra fondamentale, per evitare un aumento di casi vertiginoso: il Cesme, Istituto zooprofilattico di Teramo, ha infatti riscontrato positività al virus su 9 uccelli stanziali appartenenti a specie bersaglio in Lombardia ed Emilia Romagna, e di 18 pool di zanzare nelle stesse Regioni. L’arma fondamentale per combattere questa ed altre epidemie resta, tuttavia, un’adeguata informazione e formazione del personale medico – sanitario.

Articoli correlati
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Vaiolo delle scimmie, pazienti contagiosi fino a 4 settimane
Il virus del vaiolo può essere trasmesso fino a 4 settimane dalla comparsa dei sintomi. Nel frattempo in Italia si registra il quarto caso e negli Usa viene approvato un nuovo farmaco
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Secondo booster under 80, Speranza: «Possibile prima dell’autunno. Covid non è un’influenza»
Il ministro della salute, ospite su La7, ha dichiarato: «Se positivi al virus è giusto restare a casa per evitare di contaminare altre persone e far circolare il virus in maniera eccessiva». E sulle mascherine al chiuso «valutiamo ma restano presidio importante»
Guerra batteriologica, anche le epidemie possono essere un’arma
Intervista al Brig. Gen. Vincenzo Barretta (ex Policlinico Militare Celio Roma): «Gestire una pandemia durante una guerra? Si smette di pensare alla prima». Un altro scenario, dai contorni ben diversi, si delinea invece quando un agente virale o batterico viene usato come arma vera e propria allo scopo di determinare le sorti del conflitto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali