Salute 1 settembre 2015

Febbre del Nilo, aumentano i casi del virus delle zanzare

Quindici casi dall’inizio dell’anno: due ricoveri in Lombardia

Immagine articolo

Che le zanzare potessero dare qualche fastidio ben più grosso di una puntura arrossata è fatto noto.


Uno fra tutti, il virus della malaria, che nei Paesi tropicali rappresenta ancora una delle principali cause di morte per le popolazioni locali e un rischio importante per i turisti, dal momento che il veicolo d’infezione – l’insetto – è poco controllabile attraverso le normali misure precauzionali, il che costringe i visitatori a massicce terapie farmacologiche preventive.

Ma che succede, invece, quando le zanzare infette vivono molto più vicine a noi? Succede quello che sta accadendo, da qualche settimana, nel Nord Italia. Per fortuna non si tratta di malaria, ma di una – meno grave – febbre del Nilo, che ha tuttavia immobilizzato a letto due anziani (dichiarati fuori pericolo) e colpito in totale sette persone tra la provincia di Lodi e l’Emilia Romagna. Quindici, ad oggi, i casi registrati in Europa. Non è un caso che l’area più colpita sia quella della Pianura Padana, nelle cui acque stagnanti questi insetti trovano un habitat particolarmente favorevole per la riproduzione.

Si tratta di un virus simile a quello dell’influenza, che può essere pericoloso – e causare sintomi a carico dell’encefalo come una meningite – se a contrarlo sono persone anziane, fragili o immunocompromesse. Scoperto in Africa, il virus si è diffuso nel tempo nel resto del mondo. «Viene trasmesso all’uomo e agli animali dalla puntura delle zanzare comuni, le Culex – spiega Marco Tinelli, direttore del Reparto di Malattie infettive e tropicali dell’ospedale di Sant’Angelo Lodigiano –  e la prevenzione è mirata proprio ad evitare le punture. La terapia – aggiunge Tinelli – è sintomatica».  In via cautelare l’Avis ha disposto la sospensione delle donazioni di sangue  per 28 giorni da quando si è soggiornato, anche per una sola notte, nelle zone ritenute a rischio.

Gli esperti suggeriscono l’uso di repellenti e abiti coprenti, soprattutto all’imbrunire. Attuare una strategia preventiva sembra fondamentale, per evitare un aumento di casi vertiginoso: il Cesme, Istituto zooprofilattico di Teramo, ha infatti riscontrato positività al virus su 9 uccelli stanziali appartenenti a specie bersaglio in Lombardia ed Emilia Romagna, e di 18 pool di zanzare nelle stesse Regioni. L’arma fondamentale per combattere questa ed altre epidemie resta, tuttavia, un’adeguata informazione e formazione del personale medico – sanitario.

Articoli correlati
Latina, attivati i controlli per i casi di West Nile sui cavalli
Il virus della febbre del Nilo si trasmette di animale in animale principalmente tramite le zanzare. «In merito ai casi di West Nile a Cisterna di Latina riscontrati su tre cavalli sono immediatamente scattate le procedure del protocollo indicato dal Piano nazionale integrato di sorveglianza. La situazione è sotto controllo e costantemente monitorata dalla Asl […]
Virus West Nile, parla l’esperto: «Erano 10 anni che non avevamo casi in Italia di questo virus»
Il Professor Massimo Galli, Presidente SIMIT (Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali) è intervenuto questa mattina nel corso del programma “Genetica Oggi” su Radio Cusano Campus in relazione ai casi di infezione da West Nile Virus.  «È da almeno 10 anni che non avevamo casi di West Nile nel nostro paese, capitò appunto nel 2008 con […]
Milano, registrati due nuovi casi di West Nile
L’Ats Città Metropolitana di Milano fa sapere che due uomini sono stati ricoverati a Milano e provincia per aver contratto il virus della Febbre del Nilo. Si tratta di un uomo di 63 anni di Milano – ricoverato presso il Policlinico –  e di un 80enne – in cura a Legnano – . I casi […]
Virus West Nile, quattro morti in Veneto. L’Assessore Coletto: «Niente allarmismi»
L’epidemia scoppiata in diverse Regioni del Nord preoccupa la popolazione, ma i vertici veneti tranquillizzano: «Nell’80% dei casi il virus è asintomatico, nel 20% provoca una febbricola e solo nello 0,1% evolve nella più pericolosa forma neuroinvasiva che, in persone con patologie pregresse e basse difese immunitarie, può portare al decesso»
Centro Nazionale Sangue: «Sorveglianza continua sul West Nile Virus»
Il sistema sangue regge di fronte all’epidemia di West Nile Virus che sta colpendo molte regioni del Nord Italia. Il virus del Nilo Occidentale che si trasmette attraverso la puntura di una zanzara di genere Culex, spesso non manifesta sintomi e solo in casi molto rari, in pazienti già indeboliti da altre patologie, può causare […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila