Salute 27 Aprile 2023 13:47

Aviaria si sta diffondendo tra animali «in modo efficiente». Allarme degli esperti: «Può essere peggio del Covid»

A lanciare l’allarme è uno studio condotto da una collaborazione di ricercatori in Canada, che ha definito la scoperta «molto preoccupante». Il virus degli uccelli si diffonde «in modo efficiente» nei furetti e questo suggerirebbe una possibile diffusione negli esseri umani

Aviaria si sta diffondendo tra animali «in modo efficiente». Allarme degli esperti: «Può essere peggio del Covid»

L’influenza aviaria si diffonde «in modo efficiente» nei furetti e questo suggerirebbe che il virus si sta avvicinando sempre di più alla sua diffusione negli esseri umani. A lanciare l’allarme è uno studio condotto da una collaborazione di ricercatori in Canada, che ha definito la loro scoperta «molto preoccupante». I risultati, non ancora sottoposti a revisione paritaria, inducono ad alzare il livello di allerta. Si tratta infatti del primo studio noto che conferma chiaramente che i mammiferi non solo possono contrarre la malattia individualmente, ma anche diffonderla ad altri.

A preoccupare sono le mutazioni del virus che facilitano la trasmissione da mammifero a mammifero

Al momento H5N1 – il ceppo di influenza aviaria dietro l’attuale epidemia che sta investendo il mondo, considerata la più grande di sempre – non si trasmette facilmente tra gli esseri umani. Ma, secondo gli scienziati, le mutazioni del virus che facilitano la trasmissione da mammifero a mammifero potrebbero cambiare la situazione. A livello globale, sono stati registrati meno di 900 casi umani di H5N1, che uccide quasi il 50% di tutti coloro che colpisce. Il virus viene solitamente rilevato attraverso uno stretto contatto con un uccello infetto, vivo o morto. I furetti sono stati scelti per lo studio in quanto hanno una composizione respiratoria simile a quella umana, fornendo agli esperti un’idea di come un virus interagirebbe nelle persone.

Se l’attuale ceppo di aviaria facesse il salto nell’uomo ci sarebbero conseguenze disastrose

I ricercatori hanno scoperto che il «contatto diretto» con un ceppo di H5N1 isolato da un uccello infetto ha provocato «esiti letali», si legge nel paper. Questo solleva la prospettiva che il ceppo possa aver sviluppato «alcuni adattamenti che consentono un grado più elevato di replicazione, patogenicità e trasmissione». I ricercatori hanno avvertito che se un tale ceppo facesse il salto verso l’uomo, le conseguenze potrebbero essere catastrofiche. «Poiché c’è poca o nessuna immunità specifica per l’H5 a livello di popolazione, se un isolato di H5N1 capace di una trasmissione prolungata facesse un salto nell’uomo, ciò rappresenterebbe probabilmente un’infezione distruttiva nella popolazione immunologicamente naïve», hanno scritto gli studiosi.

H5N1 rappresenta una minaccia «100 volte peggiore del Covid»

John Fulton, consulente dell’industria farmaceutica e fondatore di BioNiagara, ha dichiarato che l’H5N1 rappresenta una minaccia «100 volte peggiore del Covid». Ha aggiunto: «Questa scoperta è molto preoccupante e i governi dovrebbero agire immediatamente ricercando e mobilitando tutta la capacità di produzione ad alto potenziale di vaccini e terapie per la prevenzione e il trattamento dell’influenza aviaria H5N1». Alcune nazioni, tra cui la Cina, vaccinano da anni contro il ceppo H5N1. Gli uccelli vengono vaccinati tramite un’iniezione nell’uovo o uno spray sui pulcini quando sono ancora nel guscio.

Le aziende sono a lavoro per lo sviluppo di vaccini umani

Le aziende GSK, Moderna e CSL Seqirus hanno iniziato a sviluppare nuovi vaccini umani per colpire il ceppo del virus in rapida diffusione. Altri come Sanofi hanno in stock vaccini generici contro il virus H5N1 che potrebbero essere adattati al ceppo attualmente in circolazione. Come altre forme di influenza, gli esseri umani possono essere infettati se il virus entra negli occhi, nel naso, nella bocca o viene inalato. Ma con l‘influenza aviaria, questo di solito si verifica nelle persone che trascorrono molto tempo con creature infette, come chi lavora con gli uccelli.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Covid: in commercio terapie di dubbia sicurezza ed efficacia
Ci sono la bellezza di 38 aziende che hanno messo in commercio presunti trattamenti a base di cellule staminali e di esosomi (vescicole extracellulari) per la prevenzione e il trattamento del Covid-19
Cani e gatti sono serbatoi di virus, da quello della rabbia al Sars-CoV-2
Gli animali da compagnia sono possibili veicoli di infezioni e malattie, ancora in gran parte sottovalutati. La dinamica dei rischi legati ai contatti tra esseri umani e animali domestici è in continua evoluzione, influenzata dai cambiamenti sociali e ambientali degli ultimi anni. A dirlo è un gruppo di ricercatori internazionale in uno studio pubblicato sulla rivista Science Translational Medicine
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...