Salute 26 Settembre 2018

Farmacisti, Mandelli (Fofi): «Non solo ‘dispensatori di farmaci’, ma riferimento per la salute. La farmacia dei servizi nostro grande impegno»

«I farmacisti accanto ai cittadini per migliorare l’aderenza terapeutica, tenerli alla larga dalle fake news e contribuire alla digitalizzazione della sanità con il fascicolo elettronico farmaceutico». È così che Andrea Mandelli, presidente Fofi, descrive l’evoluzione del ruolo del farmacista, una funzione cruciale in una società sempre più vecchia e affetta da patologie croniche

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Sostenere i malati cronici per migliorare l’aderenza terapeutica, aiutare i cittadini ad orientarsi tra fake news e notizie scientifiche, contribuire alla diffusione della sanità digitale. Sono solo alcuni dei nuovi compiti del farmacista del futuro, un professionista della salute che non si limita a dispensare farmaci, ma contribuisce al benessere della comunità.

È Andrea Mandelli, presidente della Federazione ordini farmacisti italiani (Fofi) a descrivere le fasi di un cambiamento avviato oltre un decennio fa: «Era il 2006 quando la Federazione degli ordini dei farmacisti italiani ha lanciato un progetto che rivoluzionava la figura del farmacista, facendolo diventare, accanto agli altri colleghi medici e infermieri, un protagonista sul territorio al servizio del cittadino».

«Uno dei nostri più grandi impegni – ha continuato il presidente Fofi – è la farmacia dei servizi. Quante cose possiamo fare in una farmacia, punto di sanità prossimale, con professionisti a disposizione della gente?», ha chiesto Mandelli.

LEGGI ANCHE: PSICOLOGO IN FARMACIA, AL VIA IL GRUPPO DI LAVORO. ESPOSITO (CNOP): «PUÒ AIUTARE A MIGLIORARE L’ADERENZA TERAPEUTICA

«Innanzitutto – ha commentato il presidente Fofi, in risposta al suo stesso interrogativo – possiamo contribuire a migliorare l’aderenza terapeutica». Aiutare i cittadini ad assumere tutti i farmaci di cui necessitano nelle dosi e nei tempi corretti non gioverebbe solo alla salute dei malati cronici, ma anche alla sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale. «Se ogni cittadino affetto da patologia cronica – ha spiegato Mandelli – avesse un farmacista di fiducia a cui affidarsi per seguire accuratamente la sua terapia,  si eviterebbero sia le acutizzazioni della malattia che il ricovero ospedaliero».

Il farmacista potrebbe offrire un importante contributo anche per lo sviluppo della sanità digitale: «Grazie al fascicolo elettronico farmaceutico – ha aggiunto il presidente Fofi – il cittadino potrà essere veramente seguito nella sua storia farmaceutica».

E lo stesso farmacista di fiducia potrebbe diventare un degno sostituto del “dottor Google”. Piuttosto che cercare notizie in rete, il cittadino potrebbe chiedere consiglio agli esperti della farmacia del suo quartiere «per orientarsi tra le informazioni – ha commentato Mandelli – e riuscire a distinguere le notizie vere da quelle assolutamente infondate».

In alcune zone d’Italia tutto questo è già realtà: «Come sempre – ha aggiunto – nel nostro Paese si va un po’ a macchia di leopardo. Ma credo che il finanziamento per far partire la farmacia dei servizi integrato dalla Conferenza Stato-Regioni qualche mese fa potrebbe essere un impulso reale per tramutare la teoria in fatti. Il finanziamento dell’ultima Legge di bilancio è sicuramente una buona base di partenza per fare una sperimentazione reale e per comprendere che forse, in un’Italia un po’ troppo ospedalocentrica, riportare la salute sul territorio è una risposta alla sostenibilità economica ed al benessere dei cittadini».

Ma se i compiti del farmacista mutano, deve cambiare anche il percorso formativo: «Stiamo già lavorando per essere al fianco del farmacista dal punto di vista della formazione, ad esempio con i corsi Ecm (Educazione continua in medicina). Tra le iniziative della Federazione la più rivelante è sicuramente il progetto stipulato con l’Agenas (Agenzia nazionale per i Servizi Sanitari Regionali). Grazie a questa intesa – ha specificato il presidente della Federazione – sarà possibile fare un percorso che non solo dia una mano ai professionisti,  ma che sia capace di coinvolgerli anche con una particolare premialità.  È un’ottima maniera per creare uno zoccolo duro di conoscenza e di preparazione, un front office compatto – ha concluso Mandelli – sempre a disposizione del cittadino».

Articoli correlati
Farmacie rurali, Senior Italia FederAnziani: «No alla chiusura, non possiamo abbandonare gli anziani nei piccoli comuni»
I malati cronici e specialmente gli anziani che vivono nei piccoli comuni rurali, nelle comunità montane, nelle isole minori, rischiano di restare abbandonati a loro stessi, privati di un punto di riferimento fondamentale per la loro salute, quale le farmacie rurali. Lo dichiara Roberto Messina, Presidente di Senior Italia FederAnziani, che sottolinea come gli allarmi […]
Aderenza terapeutica, quale il ruolo della farmacia? Tobia (Federfarma): «Siamo colonna del SSN. Necessaria alleanza tra attori del sistema»
Quattro milioni di italiani entrano ogni giorno in farmacia, «dunque bisogna puntare su questa per insegnare prevenzione e adesione alle cure». L’intervista a Roberto Tobia, presidente Federfarma Palermo e Tesoriere Federfarma nazionale
Farmacie e Nuova Remunerazione: riaperto il confronto nella filiera; obiettivo sostenibilità ed efficienza
Le parole d’ordine sono Sostenibilità ed Efficienza, sostenibilità per il SSN e la filiera distributiva del farmaco ed efficienza per il cittadino. Queste le conclusioni a cui è arrivato il Tavolo della filiera distributiva, al suo primo incontro dopo la mancata proroga alla legge 135/2012 in materia di remunerazione. L’incontro tenutosi nella sede di Assofarm, […]
Aderenza terapeutica, solo il 50% di over 65 segue le cure. Pierpaolo Sileri (M5S): «Anziano risorsa per il futuro, istituire Giornata Nazionale»
Consolidare continuità delle cure per garantire maggiore salute e ammorbidire l’impatto su SSN. «Per questo ho depositato ddl che mette in campo strumenti di formazione, informazione e sensibilizzazione», l’intervista a Pierpaolo Sileri, presidente della commissione Sanità al Senato
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Salute, ecco l’app “Farmacia aperta” con mappe, orari e informazioni sulla farmacia più vicina
È scaricabile su App Store la nuova App “Farmacia Aperta”. Sviluppata da Federfarma Lombardia in collaborazione con T4Project, l’applicazione permette di geolocalizzarsi e individuare rapidamente la farmacia aperta più vicina, con informazioni dettagliate su orario, turni, e percorso più rapido per raggiungerla. L’applicazione è gratuita ed è fruibile in modo facile e intuitivo: dopo aver […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...