Salute 26 Settembre 2018 13:19

Farmacisti, Mandelli (Fofi): «Non solo ‘dispensatori di farmaci’, ma riferimento per la salute. La farmacia dei servizi nostro grande impegno»

«I farmacisti accanto ai cittadini per migliorare l’aderenza terapeutica, tenerli alla larga dalle fake news e contribuire alla digitalizzazione della sanità con il fascicolo elettronico farmaceutico». È così che Andrea Mandelli, presidente Fofi, descrive l’evoluzione del ruolo del farmacista, una funzione cruciale in una società sempre più vecchia e affetta da patologie croniche

di Isabella Faggiano
Farmacisti, Mandelli (Fofi): «Non solo ‘dispensatori di farmaci’, ma riferimento per la salute. La farmacia dei servizi nostro grande impegno»

Sostenere i malati cronici per migliorare l’aderenza terapeutica, aiutare i cittadini ad orientarsi tra fake news e notizie scientifiche, contribuire alla diffusione della sanità digitale. Sono solo alcuni dei nuovi compiti del farmacista del futuro, un professionista della salute che non si limita a dispensare farmaci, ma contribuisce al benessere della comunità.

È Andrea Mandelli, presidente della Federazione ordini farmacisti italiani (Fofi) a descrivere le fasi di un cambiamento avviato oltre un decennio fa: «Era il 2006 quando la Federazione degli ordini dei farmacisti italiani ha lanciato un progetto che rivoluzionava la figura del farmacista, facendolo diventare, accanto agli altri colleghi medici e infermieri, un protagonista sul territorio al servizio del cittadino».

«Uno dei nostri più grandi impegni – ha continuato il presidente Fofi – è la farmacia dei servizi. Quante cose possiamo fare in una farmacia, punto di sanità prossimale, con professionisti a disposizione della gente?», ha chiesto Mandelli.

LEGGI ANCHE: PSICOLOGO IN FARMACIA, AL VIA IL GRUPPO DI LAVORO. ESPOSITO (CNOP): «PUÒ AIUTARE A MIGLIORARE L’ADERENZA TERAPEUTICA

«Innanzitutto – ha commentato il presidente Fofi, in risposta al suo stesso interrogativo – possiamo contribuire a migliorare l’aderenza terapeutica». Aiutare i cittadini ad assumere tutti i farmaci di cui necessitano nelle dosi e nei tempi corretti non gioverebbe solo alla salute dei malati cronici, ma anche alla sostenibilità del Sistema Sanitario Nazionale. «Se ogni cittadino affetto da patologia cronica – ha spiegato Mandelli – avesse un farmacista di fiducia a cui affidarsi per seguire accuratamente la sua terapia,  si eviterebbero sia le acutizzazioni della malattia che il ricovero ospedaliero».

Il farmacista potrebbe offrire un importante contributo anche per lo sviluppo della sanità digitale: «Grazie al fascicolo elettronico farmaceutico – ha aggiunto il presidente Fofi – il cittadino potrà essere veramente seguito nella sua storia farmaceutica».

E lo stesso farmacista di fiducia potrebbe diventare un degno sostituto del “dottor Google”. Piuttosto che cercare notizie in rete, il cittadino potrebbe chiedere consiglio agli esperti della farmacia del suo quartiere «per orientarsi tra le informazioni – ha commentato Mandelli – e riuscire a distinguere le notizie vere da quelle assolutamente infondate».

In alcune zone d’Italia tutto questo è già realtà: «Come sempre – ha aggiunto – nel nostro Paese si va un po’ a macchia di leopardo. Ma credo che il finanziamento per far partire la farmacia dei servizi integrato dalla Conferenza Stato-Regioni qualche mese fa potrebbe essere un impulso reale per tramutare la teoria in fatti. Il finanziamento dell’ultima Legge di bilancio è sicuramente una buona base di partenza per fare una sperimentazione reale e per comprendere che forse, in un’Italia un po’ troppo ospedalocentrica, riportare la salute sul territorio è una risposta alla sostenibilità economica ed al benessere dei cittadini».

Ma se i compiti del farmacista mutano, deve cambiare anche il percorso formativo: «Stiamo già lavorando per essere al fianco del farmacista dal punto di vista della formazione, ad esempio con i corsi Ecm (Educazione continua in medicina). Tra le iniziative della Federazione la più rivelante è sicuramente il progetto stipulato con l’Agenas (Agenzia nazionale per i Servizi Sanitari Regionali). Grazie a questa intesa – ha specificato il presidente della Federazione – sarà possibile fare un percorso che non solo dia una mano ai professionisti,  ma che sia capace di coinvolgerli anche con una particolare premialità.  È un’ottima maniera per creare uno zoccolo duro di conoscenza e di preparazione, un front office compatto – ha concluso Mandelli – sempre a disposizione del cittadino».

Articoli correlati
Pazienti cronici: 7 su 10 disposti ad affidarsi a tecnologia per comunicare con i medici
I pazienti cronici sono aperti alle possibilità offerte dalla tecnologia nel migliorare e rendere più sicura la comunicazione con i medici, ma anche nel gestire la loro patologia. A concluderlo è la ricerca «Sfide e opportunità nell’aderenza terapeutica dei pazienti cronici: l’apporto della tecnologia» condotta in collaborazione con Doxa Pharma
Mandelli (FOFI): «Dal Presidente Meloni parole importanti sul ruolo del farmacista»
«Confermiamo al Presidente Meloni che i 100mila farmacisti che esercitano nelle farmacie e negli ospedali, al servizio delle comunità e dei pazienti, anche nelle aree del Paese geograficamente più disagiate, sono da subito a disposizione» sottolinea il presidente della FOFI
Mandelli (FOFI): «La riforma del corso di laurea in Farmacia è un traguardo storico»
«La revisione del percorso di studi universitario rappresenta un tassello cardine per l’avanzamento professionale» spiega il Presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti
Lombardia, dal 5 luglio medico di famiglia e pediatra si possono scegliere o revocare in farmacia
Racca (Federfarma) «Da tempo i cittadini chiedevano questo servizio», Masina (Confservizi) «Svolta epocale, servono nuovi spazi e più personale in farmacia», Moratti (assessore al Welfare) «possibile ridurre i tempi di attesa»
Covid, Mandelli (FOFI): «Ruolo dei farmacisti decisivo per ampliare l’uso degli antivirali e favorire gestione ‘ordinaria’» 
«La decisione dell’Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa) che semplifica l’accesso ai farmaci antivirali per il trattamento del Covid-19 apre una fase nuova nel contrasto alla pandemia, che incardina sul territorio le attività di prescrizione e dispensazione di questi medicinali con il pieno coinvolgimento dei medici di medicina generale e delle farmacie di comunità». Lo dichiara […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...