Salute 3 Luglio 2020

Positiva al Covid e in isolamento per 75 giorni: oggi Ericka torna alla vita

Venti giorni in ospedale e poi un lungo isolamento all’hotel Michelangelo di Milano, adibito alla quarantena dei malati Covid. «Periodo impegnativo, tanti effetti collaterali e un desiderio: riabbracciare gli amici e mangiare un gelato al parco»

di Federica Bosco

Per 75 giorni positiva al Covid. Ericka Olaya Endrade, 43 anni colombiana, designer e consulente della comunicazione, finalmente a fine giugno ha avuto ragione sul virus ed oggi ha potuto lasciare la prigione a quattro stelle dell’Hotel Michelangelo di Milano per fare ritorno a casa.

LEGGI ANCHE: VIAGGIO ALLA SCOPERTA DELL’HOTEL MICHELANGELO DI MILANO: QUARANTENA A QUATTRO STELLE PER GUARIRE DAL COVID

Clinicamente guarita da oltre un mese, la donna non poteva però lasciare la sua stanza perché positiva al tampone. Un periodo di isolamento interminabile che Ericka ha vissuto tra momenti di sconforto e speranza, sempre sostenuta dagli operatori sanitari e dal personale in servizio al Michelangelo.

«Sono diventata la mascotte ormai – commenta Ericka a Sanità Informazione in collegamento via Skype, gioiosa e finalmente sorridente nel suo ultimo giorno di reclusione –. Quello che lascio è un angolo della mia casa. Poco per volta mi sono fatta portare qui di tutto, cyclette compresa» ride, dopo un lungo calvario iniziato da oltre tre mesi.

«Quando sentivo gli amici pensavano che stessi trascorrendo un periodo di villeggiatura in compagnia di altri pazienti positivi, ma non è così – spiega -. Quello che ho fatto è un vero isolamento per un tampone che per ben sette volte è risultato positivo gettandomi in un tunnel di sconforto iniziato oltre tre mesi fa».

L’incontro con il Covid Ericka lo ha fatto a fine marzo, poi un ricovero in ospedale all’Istituto Clinico Città Studi a inizio aprile. Dopo venti giorni, le dimissioni e l’arrivo al Michelangelo dove ha affrontato una lunga quarantena che ormai sembra essersi lasciata alle spalle.

«A fine giugno finalmente è arrivato il primo tampone negativo ed ho iniziato a vedere una luce in fondo al tunnel. È stata dura accettare questo calvario – ammette Ericka ripercorrendo le interminabili giornate trascorse in isolamento – anche perché vedendomi, è difficile capire la mia sofferenza. Invece è stato un periodo molto impegnativo – precisa – con tanti problemi causati dalle medicine, che mi hanno lasciato degli effetti collaterali importanti sulla pelle e sui capelli. Poi, nel mio caso, questa situazione è diventata eterna e dunque sono subentrati problemi burocratici, come aggiornare la malattia presso il posto di lavoro, e psicologici, per il carico emotivo e la necessità di tranquillizzare amici e famiglia sulle mie condizioni di salute».

Il calvario è arrivato al termine. Oggi Ericka ha potuto riabbracciare l’amica accorsa ad attenderla: un momento commovente per il ritorno alla vita di Ericka e per gli operatori che in questi mesi hanno accompagnato oltre 500 persone verso la guarigione.

Nessuna, però, ha superato il record di 75 giorni toccato da Ericka. «Me ne vado con un primato che mi auguro nessuno debba superare, e con tanta gratitudine verso il personale medico, sanitario e logistico che in questi mesi ha sopportato le mie richieste e i miei momenti di crisi. Domani? Non vedo l’ora di mangiare una pizza e coricarmi sull’erba al parco con un libro, gustando un buon gelato». Ci regala un sorriso Ericka, mentre assapora finalmente la libertà.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
«Covid-19, rispettiamo le regole e godiamoci l’estate insieme ai bambini»
È questo il messaggio del video del Ministero della Salute, realizzato grazie alla collaborazione gratuita con il pediatra e artista Andrea Satta e visibile sul sito e sui canali social
Consulcesi: «Bene Ddl antiviolenza, ora accelerare su legge Gelli per la piena tutela dei medici»
Il Presidente Tortorella: «Creiamo un doppio scudo a difesa dei diritti dei medici e degli operatori sanitari. Serve forte segnale da Ministeri Salute e Sviluppo economico»
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
Covid, «Italia da paria a esempio per gli altri Paesi». L’editoriale del New York Times
Jason Horowitz, firma del New York Times, ha realizzato un reportage che spiega come l’Italia è riuscita a passare, «dopo un inizio incerto, dall’essere un paria globale ad un modello – per quanto imperfetto – di contenimento virale per i Paesi vicini e per gli Stati Uniti»
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...