Salute 9 Maggio 2022 13:41

Epatite misteriosa nei bambini, ora sotto accusa i cani domestici

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito sta vagliando l’ipotesi che i casi di epatite misteriosa siano collegati ai cani domestici

Epatite misteriosa nei bambini, ora sotto accusa i cani domestici

Mentre continuano ad aumentare i casi di epatite misteriosa nei bambini, si allargano le ipotesi al vaglio dalle autorità alla ricerca di una causa di questa strana epidemia. Attualmente l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) sta indagando sul possibile legame tra questa forma di epatite acuta e i cani da compagnia. Sembrerebbe infatti che un numero «alto» di bambini malati, di età inferiore ai 10 anni, provenga da famiglie che possiedono cani o sono stati esposti alla presenza di cani.

Il 70% dei bambini colpiti da epatite nel Regno Unito è stato esposto a un cane

«Il significato di questa scoperta è in fase di studio», sottolinea l’UKHSA. Gli esperti non hanno spiegato come questi animali potrebbero avere a che fare con le epatiti nei bambini. I funzionari dell’UKHSA hanno esaminato le risposte che le famiglie colpite hanno dato a un questionario e hanno scoperto che il 70% – 64 su 92 intervistati – possedeva un cane o era stato esposto a un cane. C’è tuttavia l’eventualità che si tratti solo di un associazione casuale perché i cani da compagnia sono «comuni nel Regno Unito», ma si continua comunque a indagare.

Nel mondo sono stati registrati 300 casi di epatite, in Italia 9 sono quelli accertati

Nel frattempo i casi aumentano, seppur lentamente, sia nel Regno Unito che nel mondo in generale. Sono stati rilevati altri 18 casi tra i bambini britannici per un totale di 163 da gennaio. Undici bambini hanno avuto bisogno di un trapianto di fegato. Nel mondo sono quasi 300 i casi rilevati. Un decesso è stato collegato a questa epidemia e altri 4 sono sotto inchiesta. La maggior parte dei casi è stata rilevata nel Regno Unito (163) e negli Stati Uniti (27), che dispongono di alcuni dei più potenti sistemi di sorveglianza. Ma la malattia è stata individuata anche in Italia con 9 casi confermati e molti altri in via di accertamento. In Spagna si è a quota 22, in Israele 12 e in Danimarca 6.

La crescita dei casi rallenta, ma si temono ritardi nelle segnalazioni

Le autorità sanitarie britanniche sperano anche che i casi di epatite abbiano raggiunto il picco, dopo aver osservato «una apparente riduzione dei casi confermati nelle ultime due settimane». Tuttavia, questa flessione potrebbe essere dovuta a ritardi nelle analisi e nelle segnalazioni. Gli scienziati sono ancora molto perplessi su ciò che sta causando la malattia. I test di laboratorio hanno escluso i soliti virus dell’epatite A, B, C, D ed E.

L’ipotesi di un adenovirus può essere collegata a cani

Tra le ipotesi più probabili circa le cause delle epatiti misteriose c’è quella di un adenovirus. Tuttavia, le indagini sono in corso perché di solito causano raffreddori e disturbi allo stomaco. È noto che due ceppi di adenovirus infettano i cani, incluso uno che causa l’epatite. L’altro è uno dei patogeni che scatena la «tosse canina».

La stragrande maggioranza dei bambini malati nel Regno Unito sono positivi agli adenovirus

Il 75 per cento dei 163 bambini colpiti da epatite del Regno Unito sono risultati positivi agli adenovirus. Ma secondo l’UKHSA i casi legati all’adenovirus potrebbero essere di più. Alcuni test risultati negativi hanno cercato l’adenovirus solo nei campioni respiratori e fecali, mentre l’adenovirus è stato rilevato principalmente nel sangue.

Il ruolo del lockdown  e l’ipotesi di un legame con Covid-19

Gli studiosi ritengono che i lockdown possano aver indebolito l’immunità dei bambini e averli resi più suscettibili al virus. Ma l’UKHSA ha anche riconosciuto che un’ondata di adenovirus «eccezionalmente grande» potrebbe essere il motivo per cui la condizione appare più frequentemente del previsto, o potrebbe anche essere dovuta a una forma mutata di un adenovirus. Un’altra teoria è che i bambini potrebbero aver combattuto l’adenovirus contemporaneamente al Covid, o che l’epatite potrebbe essere una complicazione del Long Covid.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali