Salute 9 Maggio 2022 13:41

Epatite misteriosa nei bambini, ora sotto accusa i cani domestici

L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito sta vagliando l’ipotesi che i casi di epatite misteriosa siano collegati ai cani domestici

Epatite misteriosa nei bambini, ora sotto accusa i cani domestici

Mentre continuano ad aumentare i casi di epatite misteriosa nei bambini, si allargano le ipotesi al vaglio dalle autorità alla ricerca di una causa di questa strana epidemia. Attualmente l’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) sta indagando sul possibile legame tra questa forma di epatite acuta e i cani da compagnia. Sembrerebbe infatti che un numero «alto» di bambini malati, di età inferiore ai 10 anni, provenga da famiglie che possiedono cani o sono stati esposti alla presenza di cani.

Il 70% dei bambini colpiti da epatite nel Regno Unito è stato esposto a un cane

«Il significato di questa scoperta è in fase di studio», sottolinea l’UKHSA. Gli esperti non hanno spiegato come questi animali potrebbero avere a che fare con le epatiti nei bambini. I funzionari dell’UKHSA hanno esaminato le risposte che le famiglie colpite hanno dato a un questionario e hanno scoperto che il 70% – 64 su 92 intervistati – possedeva un cane o era stato esposto a un cane. C’è tuttavia l’eventualità che si tratti solo di un associazione casuale perché i cani da compagnia sono «comuni nel Regno Unito», ma si continua comunque a indagare.

Nel mondo sono stati registrati 300 casi di epatite, in Italia 9 sono quelli accertati

Nel frattempo i casi aumentano, seppur lentamente, sia nel Regno Unito che nel mondo in generale. Sono stati rilevati altri 18 casi tra i bambini britannici per un totale di 163 da gennaio. Undici bambini hanno avuto bisogno di un trapianto di fegato. Nel mondo sono quasi 300 i casi rilevati. Un decesso è stato collegato a questa epidemia e altri 4 sono sotto inchiesta. La maggior parte dei casi è stata rilevata nel Regno Unito (163) e negli Stati Uniti (27), che dispongono di alcuni dei più potenti sistemi di sorveglianza. Ma la malattia è stata individuata anche in Italia con 9 casi confermati e molti altri in via di accertamento. In Spagna si è a quota 22, in Israele 12 e in Danimarca 6.

La crescita dei casi rallenta, ma si temono ritardi nelle segnalazioni

Le autorità sanitarie britanniche sperano anche che i casi di epatite abbiano raggiunto il picco, dopo aver osservato «una apparente riduzione dei casi confermati nelle ultime due settimane». Tuttavia, questa flessione potrebbe essere dovuta a ritardi nelle analisi e nelle segnalazioni. Gli scienziati sono ancora molto perplessi su ciò che sta causando la malattia. I test di laboratorio hanno escluso i soliti virus dell’epatite A, B, C, D ed E.

L’ipotesi di un adenovirus può essere collegata a cani

Tra le ipotesi più probabili circa le cause delle epatiti misteriose c’è quella di un adenovirus. Tuttavia, le indagini sono in corso perché di solito causano raffreddori e disturbi allo stomaco. È noto che due ceppi di adenovirus infettano i cani, incluso uno che causa l’epatite. L’altro è uno dei patogeni che scatena la «tosse canina».

La stragrande maggioranza dei bambini malati nel Regno Unito sono positivi agli adenovirus

Il 75 per cento dei 163 bambini colpiti da epatite del Regno Unito sono risultati positivi agli adenovirus. Ma secondo l’UKHSA i casi legati all’adenovirus potrebbero essere di più. Alcuni test risultati negativi hanno cercato l’adenovirus solo nei campioni respiratori e fecali, mentre l’adenovirus è stato rilevato principalmente nel sangue.

Il ruolo del lockdown  e l’ipotesi di un legame con Covid-19

Gli studiosi ritengono che i lockdown possano aver indebolito l’immunità dei bambini e averli resi più suscettibili al virus. Ma l’UKHSA ha anche riconosciuto che un’ondata di adenovirus «eccezionalmente grande» potrebbe essere il motivo per cui la condizione appare più frequentemente del previsto, o potrebbe anche essere dovuta a una forma mutata di un adenovirus. Un’altra teoria è che i bambini potrebbero aver combattuto l’adenovirus contemporaneamente al Covid, o che l’epatite potrebbe essere una complicazione del Long Covid.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Virus respiratorio sinciziale, con anticorpo monoclonale alla nascita -70% di ricoveri
La somministrazione alla nascita di un farmaco contenente anticorpi contro il virus respiratorio sinciziale ha ridotto di circa il 70% i ricoveri nei bambini con meno di 6 mesi, in Lussemburgo, dove è stato introdotto questo programma di immunizzazione. Questi sono i dati che emergono da un'analisi coordinata dal ministero della Salute lussemburghese, i cui risultati sono stati pubblicati su Eurosurveillance
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Covid: le varianti sono emerse in risposta al comportamento umano
Le varianti del virus Sars-CoV-2 potrebbero essere emerse a causa di comportamenti umani, come il lockdown o le misure di isolamento, le stesse previste per arginare la diffusione dei contagi. Queste sono le conclusioni di uno studio coordinato dall’Università di Nagoya e pubblicato sulla rivista Nature Communications. Utilizzando la tecnologia dell’intelligenza artificiale e la modellazione matematica […]
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...