Salute 28 Luglio 2020

Giornata mondiale epatite, Andreoni (SIMIT): «Italia in linea con obiettivi OMS, ma servono fondi per farmaci»

Nel mondo 325 milioni di individui soffrono di epatite B e C e, ogni anno, 1 milione 400 mila persone perdono la vita. Il direttore scientifico SIMIT: «Il virus dell’epatite C può essere curato con farmaci che garantiscono il 95% di successo. Le terapie per l’epatite B sono in grado solo di bloccare la malattia»

di Isabella Faggiano
Giornata mondiale epatite, Andreoni (SIMIT): «Italia in linea con obiettivi OMS, ma servono fondi per farmaci»

È una sfida per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ma anche per l’Italia. «Il nostro Paese è tra gli unici dieci che, nel mondo, sono al passo con gli obiettivi fissati dall’OMS per l’eradicazione dell’epatite C entro il 2030», dice Massimo Andreoni, direttore scientifico SIMIT, la Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali. Percorso che, pur avendo subito uno stop a causa della pandemia da Covid-19, non sarà abbandonato, anzi sarà celebrato durante la Giornata mondiale dell’epatite, che si tiene il 28 luglio di ogni anno. «Il decreto milleproroghe approvato dal governo italiano ha previsto uno stanziamento di 71,5 milioni per il biennio 2020-21, finalizzato allo screening dell’epatite C, per scovare i cosiddetti pazienti sommersi, coloro che hanno contratto il virus, ma non lo sanno – sottolinea Andreoni -. Mancano ancora i decreti attuativi che indichino come investire concretamente questo denaro, ma sarebbe senz’altro necessario offrire test gratuiti innanzitutto a tossicodipendenti, detenuti e soggetti nati tra il 1969 e il 1989».

LE FORME DELLA MALATTIA

L’epatite è la seconda principale malattia infettiva killer dopo la tubercolosi, e le persone si infettano nove volte in più rispetto all’HIV. «Le epatiti infettive virali, differenti da quelle di natura tossica, sono infezioni causate da diversi tipi di virus. Le quattro principali epatiti virali che colpiscono l’uomo sono il virus dell’epatite A, B, C e Delta. Esclusa quella di tipo A, tutte le altre tendono a cronicizzarsi. L’epatite B e C possono essere asintomatiche per molti anni ma, se non trattate, con il tempo possono degenerare in cirrosi e tumore epatico».

EPATITI IN CIFRE

Nel mondo, secondo i dati OMS, 325 milioni di individui soffrono di epatite B e C e, ogni anno, 1 milione 400 mila persone muoiono a causa di queste patologie. «Le epatiti – spiega il direttore scientifico SIMIT – non hanno preferenze di genere o di età, ma possono colpire categorie di persone che adottano comportamenti cosiddetti a rischio, come i tossicodipendenti che fanno uso di droga per via endovenosa o individui che hanno rapporti non protetti, poiché sono infezioni che possono essere trasmesse per via parenterale e sessuale».

LE TERAPIE

L’epatite C oggi può essere curata con successo e l’epatite B può essere prevenuta con la vaccinazione. «L’epatite C può essere trattata con farmaci che garantiscono il 95% di successo, con una completa eradicazione del virus nel giro di due-tre mesi. Per l’epatite B, invece, non abbiamo terapie in grado di eliminare l’infezione, ma farmaci validi a bloccare la malattia, evitandone il peggioramento», dice Andreoni.

GLI OBIETTIVI FUTURI

Mentre il mondo della ricerca punta i riflettori sulla cura per l’eradicazione dell’epatite B, quello delle istituzioni dovrebbe concentrare la sua attenzione sul reperimento di fondi per dispensare i farmaci già collaudati. «Finora le terapie per l’epatite C – spiega Andreoni – sono state garantite da un fondo per l’innovazione. Ma ora che questi farmaci non sono più considerati “innovativi” necessitano di un nuovo stanziamento economico creato ad hoc. È urgente che il governo si impegni ad individuare un finanziamento adeguato, altrimenti – conclude il direttore scientifico SIMIT – si correrà il rischio di investire tempo e denaro nello scovare i pazienti sommersi senza poi avere la possibilità di offrire loro le cure necessarie».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Epatite C, appello alle Regioni per eliminare il virus: «Screening e trattamenti per evitare migliaia di morti»
«È necessario disegnare programmi di intervento per le coorti di nascita identificate dal Decreto “Milleproroghe” di febbraio, coordinando anche l’attuazione proattiva dello screening nelle popolazioni chiave, tra cui tossicodipendenti e detenuti», sottolinea Loreta Kondili, Centro Nazionale Salute Globale Ist. Superiore di Sanità
Quarantena a 7 giorni, gli infettivologi: «Aggraverà la situazione. Eliminare doppio tampone»
Dalla Simit arriva il no alla mini-quarantena francese. Per gli esperti non garantisce sicurezza nel tornare alle attività quotidiane. Prof. Nicastri: «Eliminare il doppio tampone per alleggerire i laboratori»
Giornata mondiale epatiti, Simit: «Ripartire presto con screening per Hcv»
Una tavola rotonda online rilancia le politiche contro le Epatiti. Proposto dal professor Massimo Galli l’abbinamento di test salivari per epatite c e sierologici per covid-19 al vaccino antinfluenzale per gli over 65
L’appello delle Società scientifiche: «Rischio cessato? Non ci sono basi scientifiche. Mantenere misure»
Un network di società scientifiche raccoglie l'appello della Simit contro il virus: «Non è virus più o meno aggressivo, è risposta singolo umano più o meno efficace»
Il virus è più debole? L’emergenza è finita? Le risposte dagli Stati Generali dell’Infettivologia, ma è scontro tra gli esperti
Secondo la Simit, se il virus continuerà a circolare una nuova ondata è molto probabile. Ranieri Guerra (Oms) paragona il Covid con la spagnola, che tornò in autunno uccidendo 50 milioni di persone. Ma dieci esperti sostengono l'indebolimento del virus
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli