Salute 28 Luglio 2020 09:00

Giornata mondiale epatite, Andreoni (SIMIT): «Italia in linea con obiettivi OMS, ma servono fondi per farmaci»

Nel mondo 325 milioni di individui soffrono di epatite B e C e, ogni anno, 1 milione 400 mila persone perdono la vita. Il direttore scientifico SIMIT: «Il virus dell’epatite C può essere curato con farmaci che garantiscono il 95% di successo. Le terapie per l’epatite B sono in grado solo di bloccare la malattia»

di Isabella Faggiano
Giornata mondiale epatite, Andreoni (SIMIT): «Italia in linea con obiettivi OMS, ma servono fondi per farmaci»

È una sfida per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ma anche per l’Italia. «Il nostro Paese è tra gli unici dieci che, nel mondo, sono al passo con gli obiettivi fissati dall’OMS per l’eradicazione dell’epatite C entro il 2030», dice Massimo Andreoni, direttore scientifico SIMIT, la Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali. Percorso che, pur avendo subito uno stop a causa della pandemia da Covid-19, non sarà abbandonato, anzi sarà celebrato durante la Giornata mondiale dell’epatite, che si tiene il 28 luglio di ogni anno. «Il decreto milleproroghe approvato dal governo italiano ha previsto uno stanziamento di 71,5 milioni per il biennio 2020-21, finalizzato allo screening dell’epatite C, per scovare i cosiddetti pazienti sommersi, coloro che hanno contratto il virus, ma non lo sanno – sottolinea Andreoni -. Mancano ancora i decreti attuativi che indichino come investire concretamente questo denaro, ma sarebbe senz’altro necessario offrire test gratuiti innanzitutto a tossicodipendenti, detenuti e soggetti nati tra il 1969 e il 1989».

LE FORME DELLA MALATTIA

L’epatite è la seconda principale malattia infettiva killer dopo la tubercolosi, e le persone si infettano nove volte in più rispetto all’HIV. «Le epatiti infettive virali, differenti da quelle di natura tossica, sono infezioni causate da diversi tipi di virus. Le quattro principali epatiti virali che colpiscono l’uomo sono il virus dell’epatite A, B, C e Delta. Esclusa quella di tipo A, tutte le altre tendono a cronicizzarsi. L’epatite B e C possono essere asintomatiche per molti anni ma, se non trattate, con il tempo possono degenerare in cirrosi e tumore epatico».

EPATITI IN CIFRE

Nel mondo, secondo i dati OMS, 325 milioni di individui soffrono di epatite B e C e, ogni anno, 1 milione 400 mila persone muoiono a causa di queste patologie. «Le epatiti – spiega il direttore scientifico SIMIT – non hanno preferenze di genere o di età, ma possono colpire categorie di persone che adottano comportamenti cosiddetti a rischio, come i tossicodipendenti che fanno uso di droga per via endovenosa o individui che hanno rapporti non protetti, poiché sono infezioni che possono essere trasmesse per via parenterale e sessuale».

LE TERAPIE

L’epatite C oggi può essere curata con successo e l’epatite B può essere prevenuta con la vaccinazione. «L’epatite C può essere trattata con farmaci che garantiscono il 95% di successo, con una completa eradicazione del virus nel giro di due-tre mesi. Per l’epatite B, invece, non abbiamo terapie in grado di eliminare l’infezione, ma farmaci validi a bloccare la malattia, evitandone il peggioramento», dice Andreoni.

GLI OBIETTIVI FUTURI

Mentre il mondo della ricerca punta i riflettori sulla cura per l’eradicazione dell’epatite B, quello delle istituzioni dovrebbe concentrare la sua attenzione sul reperimento di fondi per dispensare i farmaci già collaudati. «Finora le terapie per l’epatite C – spiega Andreoni – sono state garantite da un fondo per l’innovazione. Ma ora che questi farmaci non sono più considerati “innovativi” necessitano di un nuovo stanziamento economico creato ad hoc. È urgente che il governo si impegni ad individuare un finanziamento adeguato, altrimenti – conclude il direttore scientifico SIMIT – si correrà il rischio di investire tempo e denaro nello scovare i pazienti sommersi senza poi avere la possibilità di offrire loro le cure necessarie».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Lotta all’HIV, arriva il supporto dei medici di famiglia per scovare il sommerso
«Si stima che in Italia ci siano circa 10mila persone inconsapevoli di essere infette dal virus dell’HIV. Il Medico di famiglia è impegnato nell’emersione del sommerso e nel seguire i pazienti in trattamento, visto che l’aspettativa di vita si è notevolmente allungata» sottolinea Alessandro Rossi, Responsabile SIMG Patologie Acute
Epatite misteriosa, Rezza: «In Italia 34 casi probabili, situazione stabile»
In occasione dell'evento "Epatite pediatrica: un incontro per capirne di più e lavorare insieme sulla prevenzione" della onlus Etica, massimi esperti italiani fanno il punto sull'emergenza in Italia e nel mondo
Epatite, Rostan (Forza Italia): «Otto milioni alla Campania per gli screening. Avanti con il Piano attuativo»
«Le regioni del Mezzogiorno devono lavorare per recuperare il terreno perduto anche perché, è bene ricordare, le infezioni da HCV sono causa di tante altre malattie extra epatiche» spiega la deputata azzurra
Epatite misteriosa, casi in aumento e ora spunta l’ipotesi post-Covid
Mentre i casi di epatite misteriosa aumentano nel mondo, gli scienziati stanno valutando l'ipotesi che la malattia sia legata a un effetto del Covid
Epatite misteriosa nei bambini, ora sotto accusa i cani domestici
L'Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito sta vagliando l'ipotesi che i casi di epatite misteriosa siano collegati ai cani domestici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...