Salute 30 Marzo 2022 12:59

A caccia di trattamenti contro Long Covid, gli sforzi e i progressi dell’industria

Le case farmaceutiche stanno lavorando allo sviluppo e allo studio di trattamenti efficaci contro il Long Covid

A caccia di trattamenti contro Long Covid, gli sforzi e i progressi dell’industria

Dopo aver prodotto in tempi record vaccini e trattamenti per l’infezione acuta Covid-19, ricercatori e case farmaceutiche sono ora concentrati alla ricerca di una cura per il Long Covid, un obiettivo sfuggente considerati i centinaia di sintomi diversi che affliggono milioni di persone. I principali produttori di farmaci, compresi quelli che hanno lanciato pillole antivirali e anticorpi monoclonali per Covid-19, stanno ora discutendo con i ricercatori su come colpire in anticipo la malattia, che attualmente secondo l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms), colpisce oltre 100 milioni di persone.

Il Long Covid può debilitare una persona per moltissime settimane

«Quando guardi i numeri per l’insufficienza cardiaca, per il diabete, ecc, questo è il campo di gioco di cui stiamo parlando», ha affermato Amitava Banerjee, coordinatrice del Long Covid trial. Il Long Covid è una sindrome post-virale che può debilitare una persona sotto molti aspetti anche per parecchie settimane dopo la negativizzazione, e cioè dopo la guarigione e la conseguente eliminazione del virus dall’organismo. I sintomi del Long Covid sono piuttosto vari ed eterogenei e non è ancora chiaro se siano causati direttamente dal virus o se siano provocati dallo stress o dal trauma dell’infezione.

Da stanchezza a nebbia mentale, gli oltre 200 sintomi del Long Covid

Uno studio pubblicato su Lancet EClinMedicine ha elencato oltre 200 sintomi attribuibili a questa condizione. Sono in molti a presentare sintomi per oltre sei mesi dalla fine della fase acuta della malattia o dalla negativizzazione del tampone. Il sintomo più diffuso è la stanchezza, seguita dalla perdita del gusto e dell’olfatto. Un altro sintomo riportato molto frequentemente è la «nebbia mentale», condizione caratterizzata da problemi di memoria e di concentrazione in aggiunta alla costante sensazione di stanchezza. E poi: vertigini, mal di testa, difficoltà nel sonno, respiro corto, palpitazioni e battito irregolare, sintomi neurologici come ansia o stress, disturbi gastrointestinali, iper-sudorazione, eritemi cutanei, perdita di capelli, debolezza delle unghie, dolori muscolari e problemi renali.

Alla ricerca delle cause del Long Covid

Negli Stati Uniti, si stima che il Long Covid colpisca 1 adulto su 7 in età lavorativa. Secondo un’analisi dei database degli studi clinici e una serie di interviste rilasciate da scienziati indipendenti e sostenuti dal governo degli Stati Uniti, ci sarebbero circa una ventina di studi clinici in corso che hanno l’obiettivo di testare farmaci, e solo una manciata di essi è andata oltre le fasi iniziali. Gli scienziati sperano che la ricerca sveli le cause del Long Covid, un ostacolo importante nella ricerca di obiettivi per nuovi farmaci o nell’identificazione di farmaci esistenti che potrebbero funzionare come trattamenti.

Allo studio possibili biomarcatori specifici per valutare i farmaci testati

«Stiamo arrivando alla fase in cui stiamo ottenendo grande attenzione e per le persone che soffrono stiamo facendo testare diversi trattamenti», ha affermato David Strain, un docente della University of Exeter Medical School. Le grandi aziende farmaceutiche sono alla ricerca di biomarcatori specifici per la malattia che consentano di valutare il valore dei farmaci testati. «Quello con cui stanno lottando è una definizione del caso Long Covid», ha affermato Amy Proal, esperta di malattie post-virali presso la PolyBio Research Foundation di Mercer Island, Washington, che avrebbe partecipato a una serie di riunioni riservate con grandi società farmaceutiche.

In corso test con svariati farmaci già esistenti

Le possibili cause che i ricercatori stanno studiando includono il danno causato dall’infezione originale, la presenza di serbatoi persistenti di virus nell’organismo, una risposta autoimmune, in cui il sistema immunitario attacca le proprie cellule, e una risposta immunitaria disregolata che causa un’eccessiva infiammazione. Ma la verità è che potrebbe essere una combinazione di questi o altri fattori Un importante studio finanziato dal Regno Unito guidato dall’University College di Londra testerà quattro farmaci su 4.500 pazienti con Long Covid. Tra questi gli antistaminici loratadina e famotidina, la colchichina per il trattamento della gotta e dell’infiammazione cardiaca – tutti disponibili come generici – e Xarelto (rivaroxaban), il farmaco della Johnson&Johnson che previene i coaguli di sangue. Su tutti questi farmaci ci sono studi preliminari i quali suggeriscono che potrebbero funzionare contro alcuni dei possibili bersagli della malattia del Long Covid, come l’infiammazione e i coaguli di sangue.

Usa-Gb studiano un farmaco contro la steatoepatite non alcolica

Banerjee, ricercatore capo di una di quelle sperimentazioni, ha affermato che i farmaci prenderanno di mira diversi potenziali meccanismi alla base del Long Covid, mentre cerca di capirne di più. «È impegnativo, perché stiamo andando verso un obiettivo confuso», ha detto. Axcella Therapeutics, con sede negli Stati Uniti, sta lavorando con l’Università di Oxford nel Regno Unito su un farmaco sviluppato per la steatoepatite non alcolica (NASH) nella speranza che ripristinerà la normale funzione dei mitocondri, le «fabbriche di energia» delle cellule. I mitocondri mal funzionanti possono spiegare lo schiacciante affaticamento a lungo termine sperimentato da molti pazienti. Come ha affermato la ricercatrice capo Betty Raman, se l’infezione acuta ha danneggiato la batteria, il farmaco mira a ripristinare quella batteria, in modo che le cellule possano svolgere le loro normali funzioni senza consumare troppa energia.

In corso test su un trattamento contro la fibrosi polmonare e su una terapia contro malattie autoimmuni

PureTech Health (PRTC.L), un’altra azienda di biotecnologie statunitense, sta conducendo una sperimentazione intermedia di un trattamento sperimentale per la fibrosi polmonare volto a prevenire le cicatrici polmonari a lungo termine legate al Covid. A Seattle, i ricercatori dell’Università di Washington e del Fred Hutchinson COVID Clinical Research Center stanno testando il trattamento sperimentale di Resolve Therapeutics mirato alla fatica nei pazienti con Long Covid. Il farmaco agisce dissolvendo un certo RNA nel sangue che è stato collegato all’aumento dell’infiammazione nei pazienti in malattie autoimmuni come il lupus e la sindrome di Sjogren, come ha spiegato James Andrews, un reumatologo dell’Università di Washington che sta conducendo lo studio.

Tra le opzioni vaccini e trattamenti anti-Covid

Gli scienziati che credono che la causa principale del Long Covid potrebbe essere un virus persistente sono ansiosi di testare se i trattamenti o i vaccini anti-Covid esistenti potrebbero avere un impatto importante. Moderna sta donando il suo vaccino per le prime sperimentazioni nel Regno Unito per capire se può aiutare a la risposta del sistema immunitario e alleviare i sintomi del Long Covid. La ricerca sul Long Covid è anche una lotta alla caccia di finanziamenti, almeno per alcune aziende.

I pazienti con Long Covid chiedono disperatamente soluzioni

Berlin Cures Holding AG, un’azienda di biotecnologie tedesca, si è assicurata solo denaro sufficiente per la prima fase di test del suo farmaco autoimmune – precedentemente utilizzato per l’insufficienza cardiaca – che ha mostrato risultati promettenti in una manciata di pazienti. «»Le persone ci chiamano e piangono al telefono», ha detto alla Reuters Peter Goettel, Chief Operating Officer. «Alcune persone vogliono vendere la loro casa per farci donazioni, solo per avere una possibilità», aggiunge. È evidente che c’è un gran bisogno di cure efficaci, ma i laboratori sono in fermento e presto, si spera, si arriverà a una soluzione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?
Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripetere il test dopo 24 ore
Arrivano le zecche, attenzione alla malattia di Lyme
Inverno mite e primavera con temperature elevate hanno contribuito alla diffusione delle zecche. L’area più colpita è l’Europa centrale, dove si segnala un 20,7% di infezioni, a seguire l’Asia orientale con il 15,9% e l’Europa occidentale con il 13,5%. Antonella D’Arminio Monforte, direttore della struttura complessa di malattie infettive Santi Paolo e Carlo Milano spiega come affrontarle e le possibili conseguenze
Con Omicron il rischio Long Covid è più basso
Uno studio del King's College London ha dimostrato che il rischio di sviluppare il Long Covid è più basso con Omicron
Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?
La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
“Non sono più io”, la testimonianza di una donna affetta da Long Covid
Ericka dopo due anni dalla malattia ancora non riesce a riprendere il lavoro perché le sono state diagnosticate diverse patologie: dalla stanchezza cronica, alla perdita di memoria, fino alla tachicardia e all’insonnia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali