Salute 24 Gennaio 2022 12:35

Endocrinopatie, Grimaldi (AME): «Chi ne soffre rischia di contrarre forme più severe di Covid-19»

Il presidente dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Nessuna controindicazione ai vaccini, solo rare segnalazioni di tiroiditi subacute. Nel post-Covid non sono stati rilevati peggioramenti delle endocrinopatie pregresse»

In Italia sono più di 3 milioni e mezzo le persone che soffrono di diabete, cifra cresciuta del 60% dal 2000 al 2019. In questo periodo i diabetici sono passati dal 3,8% della popolazione al 5,8%. Tutti pazienti considerati ad alto-rischio in caso di infezione da Sars-CoV-2. Così come gli obesi o chi soffre di malnutrizione. Condizioni diffuse che hanno reso necessario l’intervento degli specialisti in endocrinologia, schierati in prima linea nella lotta al Covid-19 fin dalle prime fasi dell’emergenza.

Diabete, tireopatie e Covid

«Endocrinopatie e Covid-19 è un binomio che, nel corso della pandemia, in particolar modo durante la prima fase in cui il virus era totalmente sconosciuto, ha creato più volte dubbi e timori – spiega Franco Grimaldi, presidente dell’AME, l’Associazione Medici Endocrinologi -. A temere per la loro salute erano soprattutto i pazienti affetti da diabete e, più in generale, da tireopatie. Queste paure, nel corso dei mesi, non si sono rivelate del tutto infondate: le condizioni dei pazienti affetti da diabete (soprattutto nelle sue forme più complesse), obesità o ipertensione che contraggono il Covid-19 tendono ad aggravarsi con maggiore facilità, sia tra i degenti in area medica che tra i ricoverati nei reparti di terapia intensiva».

Vaccino anti-Covid e endocrinopatie: nessuna controindicazione

Ma una buona notizia c’è: così come dichiarato dalla European Society of Endocrinology, che ha valutato le pubblicazioni disponibili  su efficacia e sicurezza dei vaccini a mRNA contro il Sars-CoV-2, «per i soggetti affetti da tiroidite cronica autoimmune, malattia di Basedow, malattia di Addison, adenomi ipofisari, obesità e diabete (sia tipo 1 che tipo 2), in condizione di compenso clinico-terapeutico, non sarebbero previste raccomandazioni differenti dal resto della popolazione generale non affetta da endocrinopatia relativamente alla vaccinazione anti-Covid-19».

Tiroiditi subacute: manifestazioni post-vaccinali rare e non gravi

«Nei diabetici – aggiunge Grimaldi – la protezione vaccinale è ritenuta prioritaria. Pur consapevoli che le persone vaccinate possono ugualmente contrarre il virus (in particolare nelle sue varianti) la vaccinazione resta l’arma più efficace contro le forme più gravi della malattia».
Anche per i pazienti affetti da tireopatie non c’è nessuna controindicazione al vaccino anti-Covid: «Chi soffre di tireopatie non presenta gravi alterazioni del sistema immunitario, ma ha una semplice infiammazione cronica della tiroide. Tanto che, superati gli infondati allarmismi diffusi durante le prime fasi della campagna vaccinale, i vaccini si sono mostrati efficaci e privi di effetti collaterali significativi anche tra questa categoria di pazienti. Sono risultate rare le segnalazioni di pazienti che hanno manifestato delle tiroiditi subacute, delle infiammazioni della tiroide che si sono risolte nel giro di alcuni giorni con trattamento cortisonico, a seguito dell’inoculazione del vaccino».

Long-Covid e sindrome post-Covid

Seppure più a rischio di complicanze a seguito di infezione da Sars-CoV-2, i pazienti affetti da endocrinopatie sembrano non essere maggiormente esposti a long-Covid e sindrome da post-Covid rispetto alla popolazione in generale. «A guarigione avvenuta, nella fase cosiddetta post-covid – spiega il presidente AME – sono state segnalate diverse sintomatologie, dalla più diffusa astenia fino a disturbi di maggiore severità. Ma la valutazione endocrina e della funzionalità delle ghiandole endocrine di tutti questi pazienti non ha evidenziato nulla di patologico: l’infezione da Covid-19 non sembra peggiorare le endocrinopatie pregresse. Nonostante questi prime osservazioni siano del tutto incoraggianti va sottolineato che pazienti fragili affetti da diabete di tipo 1, quindi insulino-dipendenti, che manifestano una serie di complicanze legate alla patologia cronica di cui soffrono, come obesità, ipertensione, insufficienza renale – conclude – devono necessariamente essere sottoposti a follow-up periodici».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Noduli alla tiroide, AME: «La diagnosi provoca ansia e preoccupazione, fondamentale corretta informazione»
Settimana della Tiroide, parte il progetto “Tiroide e salute: io mi informo bene”. Le nuove Linee Guida redatte da AME in collaborazione con tutte le principali Società Scientifiche italiane
Endocrinologi a congresso, tutte le novità più recenti della ricerca clinica e di base
Franco Grimaldi, presidente dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS): "Il Congresso Europeo di Endocrinologia, che si terrà da sabato 21 maggio a Milano, sarà un'occasione importante di confronto tra gli endocrinologi italiani ed europei"
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
Diabete, al via il corso di formazione per medici libici della Società Italiana di Diabetologia
Il corso a distanza prenderà il via il 16 maggio. Il diabete è in aumento esponenziale soprattutto nei paesi in via di sviluppo come quelli africani affacciati sul Mediterraneo
Diabete e Sars-CoV-2: una relazione pericolosa. Con la minaccia del Long Covid
L’intervista al presidente della Società Italiana di Diabetologia (SID): «Le persone con diabete e obese che contraggono l‘infezione hanno un rischio di andare in ospedale, in rianimazione e morire dalle 2 alle 4 volte più alto. Il Long Covid può aumentare i livelli di glucosio nel sangue tra le persone con diabete di tipo 1 e 2». Vediamo perché
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 maggio, sono 527.841.227 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.284.538 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
Cause

Medici specializzandi, apertura della Cassazione su prescrizione, rivalutazione interessi e borse di studio

Due ordinanze della Cassazione riaprono la vertenza, con udienza pubblica. L’avvocato Tortorella: «La giurisprudenza può rivedere le sue posizioni in senso più favorevole ai ...