Salute 31 Gennaio 2022 14:55

Emergenza sextortion, in pandemia boom di ricatti sessuali online

Con la pandemia sono aumentate le sextortion, ricatti sessuali che avvengono online. Le principali vittime sono gli uomini, coloro che in genere trascorrono più tempo sul web. Lo rivela uno studio americano

Emergenza sextortion, in pandemia boom di ricatti sessuali online

Da quando è scoppiata la pandemia sono aumentati i ricatti sessuali online e gli uomini sono diventati le principali vittime. E’ il cosiddetto fenomeno della sextortion, un crimine informatico oggi diventato molto più diffuso. Le vittime vengono ricattate con la pubblicazione di immagini e video sessualmente espliciti che le riguardano. A registrare un aumento del fenomeno è stato un gruppo di ricercatori della Florida International University (Usa) in uno studio pubblicato sulla rivista Victims & Offenders. Oltre agli uomini, le principali vittime sono i giovani, le donne di colore e i membri della comunità LGBTQ. Il più delle volte, i colpevoli sono i partner attuali o vecchi. Ma ci sono anche truffatori che si occupano di appuntamenti online o estranei che hackerano le foto o la webcam di una persona. «Le segnalazioni di sextortion arrivate all’FBI sono aumentate durante la pandemia, un momento di transizione significativa verso una vita più digitale attraverso il lavoro a distanza e la socializzazione», spiega Asia Eaton, autrice dello studio.

Con l’emergenza Covid-19 gli uomini hanno trascorso più tempo online

Nello studio sono stati coinvolti oltre 2mila adulti americani, a cui è stato chiesto se fossero mai stati vittime di sextortion che è stata definita come «l’atto di minacciare di esporre un’immagine nuda o sessualmente esplicita per indurre una persona a fare qualcosa come inviare più immagini nude o sessualmente esplicite, pagare qualcuno o compiere atti sessuali». Ebbene, oltre il 4% degli uomini che hanno preso parte all’indagine ha dichiarato di aver subito sextortion dall’inizio della pandemia rispetto al 2,3% delle donne. Ci sono una serie di possibili spiegazioni del motivo per cui gli uomini sono diventati ora le principali vittime. «Una ricerca recente – spiega Eaton – ha evidenziato le disparità di genere nel lavoro di cura non retribuito e nel lavoro domestico dall’inizio della pandemia. È possibile che durante la pandemia gli uomini abbiano avuto più tempo da trascorrere online rispetto alle donne». Tra i motivi ci sarebbe, secondo i ricercatori, anche la maggior tendenza degli uomini a essere meno selettivi quando si tratta di appuntamenti. E, in generale, studi precedenti hanno rilevato che gli uomini hanno maggiori probabilità di essere vittime di truffe romantiche online. Tra le vittime più frequenti anche i neri e i nativi americani, che hanno fino sette volte più probabilità di essere minacciati rispetto alle donne bianche. Allo stesso modo, i tassi di sextortion tra le persone LGBTQ sono risultati fino a tre volte superiori rispetto alle persone eterosessuali.

Gli autori dei ricatti sono spesso partner o ex-partner

Anche l’età sembra essere un fattore decisivo. Infatti, i ragazzi di età compresa tra i 18 e i 29 anni sono la fascia più minacciata. Questo, secondo i ricercatori, probabilmente è dovuto al loro maggiore desiderio di sperimentare sessualmente e al maggior uso della tecnologia. Le persone che avevano subito violenze sessuali da parte di un partner prima della pandemia sono risultate anche più vulnerabili alla sextortion. Il ricatto viene effettuato più comunemente da estranei o dal partner della vittima, attuale o precedente.
Secondo gli studiosi, sono necessarie ulteriori indagini per determinare perché il rischio di sextortion varia con la razza, l’età, il sesso e l’orientamento sessuale. Inoltre, capire in che modo colpisce le persone in modo diverso è importante poiché le donne possono soffrire più degli uomini anche se hanno meno probabilità di essere prese di mira. «I programmi di educazione sessuale che insegnano il consenso, il piacere e la comunicazione e il processo decisionale in una relazione sana possono ridurre la violenza sessuale sia di persona che quella facilitata dalla tecnologia» propone infine Eaton.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Gb: meno visite faccia a faccia fanno bene all’ambiente e al portafogli
Nel Regno Unito c'è un acceso dibattito sull'opportunità di aumentare le visite a distanza dei pazienti per i suo effetti benefici contro l'inquinamento e per il risparmio economico
Il sesso (e i relativi problemi) nell’epoca del metaverso
Intervista alla dottoressa Annalisa Baldi, psicoterapeuta breve strategica: «A volte la realizzazione del piacere diventa una vera e propria dipendenza»
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
Giovani e sesso, non più “fuoco e fiamme”: è boom di impotenza tra gli under 25
L’allarme dell’andrologo Iacono (Federico II): «Fermiamo lo shopping online di sostanze a rischio»
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...