Salute 8 Marzo 2019

Ecco la super-squadra al femminile che combatte la distrofia di Duchenne: focus sui pediatri per accelerare diagnosi

PTC Therapeutics Italia ha assunto neolaureate che incontreranno i pediatri di famiglia per condividere i campanelli d’allarme delle malattie neuromuscolari

Sono il TEAM delle NRDES – Neuromuscular Rare Disease Education Specialist: in dote hanno una laurea scientifica, un periodo di training solido e un contratto firmato con PTC Therapeutics Italy, piccola azienda biotech dedicata interamente alle malattie rare. Si sono formate inoltre sui contenuti del Position Paper sulle malattie neuromuscolari che è stato realizzato recentemente dalla Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) in collaborazione con l’Associazione Italiana di Miologia (AIM) e la condivisione di Parent Project e UILDM. Da oggi ognuna di loro avrà l’opportunità di visitare gli studi dei pediatri di libera scelta e condividere con i medici i contenuti del documento. Il loro compito è quello di favorire tra i pediatri di famiglia la capillare diffusione del Position Paper che contiene, tra le altre cose, un’utile scheda riepilogativa di alcuni segnali caratteristici che si possono osservare durante i periodici ‘bilanci di salute’ a cui vengono sottoposti i bimbi, e che potrebbero orientare verso il sospetto di una malattia neuromuscolare.

LEGGI ANCHE: #STORIERARE, LUCA E LA DISTROFIA DI DUCHENNE: «OGNI GIORNO È UNA SFIDA, MA LA MALATTIA NON MI HA IMPEDITO DI VIAGGIARE»

Un bambino che a 18 mesi non comincia a deambulare in maniera autonoma dovrebbe allertare il pediatra sulla possibilità che il bimbo possa essere affetto da una delle diverse malattie neuromuscolari esistenti, tra le quali la Distrofia Muscolare di Duchenne (DMD), diagnosi che dovrà essere confermata dal dosaggio della Creatin Chinasi (CK), una malattia rara che ha un decorso ingravescente che colpisce tutti i muscoli sia quelli scheletrici che quelli presenti in altri organi e/o apparati (es. respiratori, gastrointestinali, cardiaci etc).

Eppure questi segnali, spesso, passano inosservati: sarà proprio il pediatra di famiglia ad aiutare i genitori a non classificare come ‘bimbi pigri’ questi piccoli, contribuendo ad evitare così che ricevano troppo tardi una diagnosi corretta di malattia. Attualmente non esiste ancora una cura definitiva della DMD, ma una diagnosi precoce e una tempestiva presa in carico permettono sia di aumentare l’aspettativa di vita sia di migliorarne la qualità.

Per questo PTC Therapeutics Italia, a seguito del Position Paper di FIMP, AIM, Parent Progect e UILDM, ha deciso d’investire le proprie risorse umane ed economiche in un progetto che parte proprio dal sospetto diagnostico delle malattie neuromuscolari rare: uno sforzo che non è diretto verso lo specialista prescrittore di un farmaco, come solitamente avviene, «perché per noi è essenziale rompere il vecchio paradigma secondo cui la terapia coincida con il farmaco – spiega Riccardo Ena, Country Manager di PTC Therapeutics Italia –. Siamo convinti, infatti, che la terapia inizi con la presa in carico del paziente, a partire dal primo campanello di allarme. L’obiettivo, chiaro, condiviso da tutti gli stakeholders, è di ridurre i tempi di diagnosi dagli attuali 5 ai 2 anni attesi».

Le date di partenza di questo innovativo progetto, senza precedenti in Italia, non sono state scelte a caso: l’8 marzo, Festa della Donna; il 9 marzo, giornata delle malattie neuromuscolari. Per gestire questo progetto PTC Therapeutics aumenterà del 55% la propria forza lavoro in Italia, dando il proprio piccolo contributo all’occupazione giovanile, portando inoltre il totale del personale femminile aziendale al 60%.

 

Articoli correlati
Malattie rare, il 28 giugno è la giornata mondiale dedicata alla Fenilchetonuria
Si svolgerà il 28 giugno la giornata mondiale dedicata alla fenilchetonuria (PKU), malattia metabolica che in Italia, considerate tutte le varianti, colpisce 1 bambino ogni 2.581 nati. Interessa circa 50.000 persone nel mondo e rappresenta la malattia rara metabolica più diffusa nel nostro Paese. Se fino a 20 anni fa la PKU era una causa […]
Immunodeficienze, arriva Ddl per favorire screening e diagnosi precoce. E c’è la novità “tessera del paziente”
Presentato alla Camera Disegno di legge dai deputati Pd Siani, Pagano e De Filippo che mira a fornire alle regioni strumenti per indirizzare così i pazienti a un percorso terapeutico garantito alla stessa maniera su tutto il territorio. Aiuti (San Raffaele Telethon): « Il fatto di mettere a disposizione queste nuove tecnologie su tutto il territorio nazionale consentirebbe di rendere più omogenea l’approccio alla cura, con terapie mirate farmacologiche, col trapianto di cellule staminali ematopoietiche, con la terapia genica in alcuni casi specifici»
Pediatri, appello del SiMPeF: «Adolescenti devono poter scegliere il proprio medico»
L’obiettivo perseguito da sindacato è di riuscire a far approvare norme che permettano ad ogni fanciullo di potersi avvalere del medico che ritenga essere il più adeguato ai propri bisogni
di Federica Bosco
Distrofia muscolare: ecco la casa ideale. Il progetto dell’architetto Michele Marchi
Le linee guida per la costruzione o ristrutturazione di abitazioni per famiglie Duchenne: «Letto ad una piazza e mezzo in una stanza di almeno 14 mq, con cabina armadio o guardaroba con ampie ante scorrevoli trasparenti. Bagno adiacente alla zona notte. Cucina totalmente accessibile: assenza di pensili tra il pavimento e il top e tavoli con piede centrale per permettere l’accostamento della carrozzella»
di Isabella Faggiano
“Sei rara ma ti riconosco”, le quattro giornate di SIMPE per le Malattie Rare
L’ottava edizione del PediaCampus ruota intorno alle Malattie Rare dell’età infantile. Maria Giuliano, presidente SIMPE Campania: «Noi pediatri di famiglia veri e propri caregiver, fondamentale una formazione di altissimo livello»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...