Salute 12 Novembre 2019 16:10

«Ecco cosa vuol dire assistere gli operai Ilva» il racconto del medico di famiglia in prima linea a Taranto

Il dottor Giosuè Zizza ha un ambulatorio nel quartiere operaio San Paolo IV a pochi chilometri dall’acciaieria. «Ci trattano alla stregua del Pil ma qui le persone muoiono di tumore molto di più che in altre parti d’Italia»

«Ecco cosa vuol dire assistere gli operai Ilva» il racconto del medico di famiglia in prima linea a Taranto

«La situazione di noi operatori sanitari è veramente drammatica, siamo abbandonati». È un fiume in piena Giosuè Zizza, medico di famiglia del quartiere popolare Paolo VI a Taranto. Raggiunto telefonicamente da Sanità Informazione, il dottore ci racconta di quell’agglomerato di case a pochi chilometri dall’acciaieria ex Ilva, nato per ospitare i tantissimi operai del mega impianto.

«La cosa che ci fa più male sia come medici sia come cittadini è che siamo tutti sottoposti ai fumi dell’ex Ilva. Noi siamo veramente arrabbiati, soprattutto noi operatori sanitari che ci rendiamo conto della situazione» spiega ancora il dottor Zizza, dal 1994 in prima linea nel quartiere abitato principalmente dagli operai della fabbrica e dalle loro famiglie. «Ci vediamo trattati sui media nazionali alla stregua del Pil. Parlano dell’acciaio come asset strategico per l’economia italiana quando a Taranto c’è gente che muore di tumore molto di più che in altre parti d’Italia».

Il dottor Zizza parla anche di Chiara, la bambina protagonista del docu-film di Stefano Maria Bianchi “Ilva. A denti stretti”: «La conosciamo, abita come noi nel quartiere, è figlia di amici e ha la leucemia linfoblastica acuta». Non è la sola. Attualmente il dottor Zizza ha in carico 102 pazienti oncologici, di cui 11 tumori alla mammella, 5 al polmone e 14 alla tiroide.

Una condizione che non ha mancato di colpire anche la famiglia del medico. «Forse uno dei primissimi pazienti che è venuto a mancare è stato proprio mio suocero. Ha lavorato per trent’anni nell’acciaieria e anni dopo essere andato in pensione è morto per neoplasia polmonare. L’Inail ha riconosciuto la malattia professionale».

LEGGI: EX ILVA, I MEDICI: «PUNTARE SULL’IDROGENO PER SALVARE PRODUZIONE E SALUTE DEI CITTADINI»

Una storia personale non diversa dalle tante vissute in ambulatorio. «Sempre nello stesso periodo, morì un operaio per neoplasia e i familiari si astennero dal fare il riconoscimento della malattia professionale per paura delle ritorsioni che i dirigenti della fabbrica avrebbero potuto perpetrare nei confronti del figlio, anche lui impiegato in Ilva. Oppure una signora deceduta per asbestosi, una malattia tipica dell’amianto che di solito sviluppano gli operai. La signora lavava tutti i giorni la tuta del marito. Si è ammalata per i minerali depositati sugli indumenti. Ancora, in questi ultimi mesi, in una famiglia si sono ammalati di tumore padre e figlio. Il padre lavorava al porto, il figlio è un pasticcere a Taranto, entrambi hanno una neoplasia polmonare».

«Ovviamente ci sono concause» precisa il dottore. «In genere la neoplasia è una patologia a eziologia multifattoriale. Non è detto che la causa unica sia l’inquinamento ambientale, ma ci sono più cause che concorrono. E io le potrei raccontare purtroppo tanti casi simili».

A Taranto, tuttavia, chi non sviluppa neoplasie combatte ogni giorno con malattie sempre legate all’inquinamento. «Bronchiti croniche ostruttive, dermatiti a eziologia inspiegabile, allergie varie e irritazioni bronchiali dovute alle polveri. Ci sono un sacco di malattie banali, se noi ci mettessimo a fare spirometrie in ambulatorio a questi pazienti, vedremmo molto probabilmente che nessuno raggiunge una capacità polmonare efficace», rivela con amarezza il dottor Zizza.

Ma cosa vuol dire per un medico che ogni giorno è a contatto con i suoi pazienti, vivere in questo contesto? «Vivere in questo quartiere non è bello» ci risponde sospirando. «Ho detto ai miei figli di andarsene da Taranto, soprattutto a loro che hanno dei bambini piccoli. Perché in ogni famiglia c’è almeno una persona che si ammala di tumore. Tocco con mano situazioni di malattie neoplastiche praticamente quasi tutti i giorni. I bambini si ammalano di più e quando senti di un bambino che si ammala viene da piangere, ma la preoccupazione nostra è i danni che questi inquinanti ambientali potranno causare nel Dna dei nostri figli».

Articoli correlati
“Regala un’ora di prevenzione”, Regione Lombardia e LILT insieme per la prevenzione del cancro
Giornata mondiale contro il cancro: presentato a Palazzo Pirelli un progetto di Regione Lombardia, LILT, Assolombarda e AIDP per raggiungere lavoratori dislocati in sedi diverse o in smartworking
Carcinoma mammario triplo negativo, scoperto meccanismo molecolare che causa le metastasi polmonari
Lo studio dei ricercatori del CEINGE-Biotecnologie Avanzate apre la strada alla diagnosi precoce e a nuove possibili terapie mirate a ridurre il processo metastatico del tumore al seno più aggressivo
Con la pandemia i laboratori di make up per le pazienti oncologiche si trasferiscono online
La Forza e il Sorriso continua la sua attività. La presidente: «Sono tante le donne malate di cancro che, anche in questo periodo di estrema emergenza, hanno chiesto di poter partecipare ai nostri laboratori. Vedersi meglio aiuta a sentirsi in forma»
di Isabella Faggiano
Al via il premio Artificial Intelligence Research Award per prevenire il tumore al colon retto in Europa
Una partnership tra Medtronic, azienda leader di tecnologie e soluzioni mediche e ESGE, Società Europea di Endoscopia Gastrointestinale per supportare la ricerca sull’intelligenza artificiale nella colonscopia e aiutare a prevenire quasi 100 mila casi di tumore al colon retto in Europa, grazie al premio Artificial Intelligence Award. Un’iniziativa che consentirà ai migliori ricercatori e ospedali […]
Chirurgia robotica, all’Hesperia di Modena asportato un tumore alla vescica in collegamento con gli Usa
Il professor Ferrari, direttore del dipartimento di Urologia, elogia il robot Da Vinci ma avverte gli studenti: «Non dimenticate il fattore umano»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...