Salute 25 Novembre 2014

Ebola: medico italiano contagiato, ricovero immediato allo Spallanzani

Ma la ricerca tiene testa al virus: il siero “salvavita” funziona. Nuovi fondi dall’Ue in West Africa

Immagine articolo

E’ arrivato a Roma il primo italiano contagiato dal virus Ebola: Fabrizio è un medico infettivologo di Emergency, siciliano, cinquantenne. Una carriera dedicata allo studio e alla lotta contro le malattie infettive che, dal 18 ottobre, lo ha portato in Sierra Leone, dove ha contratto il virus.

Alla notizia del test positivo sono state immediatamente attivate l’Unità di crisi della Farnesina e l’Aeronautica Militare per le operazioni di trasporto del paziente presso l’Istituto Spallanzani di Roma, dove il medico è attualmente ricoverato. Il trasferimento e il trattamento del medico italiano è stato organizzato con trasporto ad alto biocontenimento, su un aereo Kc 7667 dell’Aeronautica militare dotato di una barella chiusa – denominata “Aircraft Transit Isolators” (Ati) – impiegata appositamente per il trasporto aereo di soggetti colpiti da patologie infettive altamente contagiose e diffusibili. Presente a bordo anche una ‘Unità di isolamento aeromedico’: un team della stessa Aeronautica composto da ufficiali medici e infermieri addestrati per questo tipo di emergenze. Il direttore del Dipartimento malattie infettive dell’Istituto superiore della sanità, Gianni Rezza, afferma che “le procedure per il trasferimento del malato non comportano alcun rischio per la comunità” e che “lo Spallanzani è attrezzato per gestire al meglio la situazione”. L’istituto, infatti, ospiterà il paziente nell’ala speciale di massima sicurezza riservata alle infezioni ad alta contagiosità: sedici stanze separate dal resto dell’edificio, con ingresso e ascensore a parte e task force di infermieri e medici appositamente formati e addestrati. Il reparto è dotato, inoltre, di un sistema di condizionamento a senso unico. L’aria entra e non esce, in modo da impedire la diffusione di virus e batteri. Un protocollo rigidissimo impone la distruzione di qualsiasi strumento venga utilizzato nel reparto: persino le cartelle cliniche sono bandite, sostituite da fogli e matite che mai più usciranno da quelle stanze. Il paziente, in condizioni stabili pur presentando uno stato fabbrile, è attualmente trattato con un farmaco antivirale non registrato in Italia e specificamente autorizzato dall’AIFA.

Le notizie dal West Africa, intanto, non sono rassicuranti: l’ultimo bollettino diramato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità parla di 5.420 decessi a fronte di 15.145 persone infettate. Il rallentamento nella diffusione del virus, che nelle scorse settimane aveva acceso un barlume di speranza, si inquadrerebbe semplicemente nel tipico andamento altalenante delle epidemie. La Commissione europea dal canto suo ha incrementato gli sforzi per affrontare l’emergenza, e ha deciso lo stanziamento di altri 29 milioni: di questi, 17 saranno destinati all’invio di aiuti e attrezzature mediche nei paesi colpiti dal virus, e 12 andranno invece a supportare i paesi limitrofi.

Una buona notizia arriva però dagli Stati Uniti, dove i ricercatori hanno dato conferma ufficiale dell’efficacia del siero Zmapp. Sviluppato e prodotto dalla californiana Mapp Biopharmaceutical, si tratta del più promettente farmaco sperimentale contro Ebola, già testato mesi fa su due cittadini statunitensi guariti dal virus. All’epoca gli scienziati prudentemente specificarono che non si sapeva se fosse stato il siero ZMapp a salvargli la vita. Ora, dalla ricerca arriva finalmente una certezza. La struttura del siero e le sue modalità di azione sono state svelate e analizzate, mostrandone i punti di forza e di debolezza, che potranno ora diventare aprire un varco verso nuove terapie. Allo studio i nuovi anticorpi dei sopravvissuti, per sviluppare altri farmaci nel caso in cui il virus dovesse mutare e diventare resistente alla terapia. E una speranza potrebbe venire da due gemelline americane, affette da una rarissima malformazione genetica, la sindrome di Niemann Pick di Tipo C. Se da un lato la malattia di cui sono affette le rende in costante pericolo di vita, dall’altro il malfunzionamento del gene NPC1 le rende, di fatto, immuni al virus Ebola.

Articoli correlati
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...