Salute 14 luglio 2015

Ebola, l’allarme internazionale: 4mila donne moriranno

Personale sanitario decimato dall’epidemia. Nuovi aiuti dall’UE all’Africa

Ebola torna ad atterrire l’Africa, in special modo la Liberia, che ha fatto registrare cinque nuovi casi dopo che a Maggio era stata dichiarata “ebola free”. Finora 120 persone sono state messe in quarantena, e 14, considerate ad alto rischio, sono sotto monitoraggio

Oltre ai nuovi casi liberiani, nella settimana dal 29 giugno al 5 luglio l’Oms ha segnalato 18 casi in Guinea e 9 in Sierra Leone: a Freetown il governo ha deciso di estendere il coprifuoco sulle aree colpite dal virus. Ma c’è dell’altro: secondo la Banca Mondiale oltre 4 mile donne potrebbero morire nei prossimi mesi per le complicazioni del parto nei Paesi colpiti dall’epidemia di Ebola, a causa delle enormi perdite registrate tra il personale sanitario falcidiato dal virus. E’ questo il tetro avvertimento emerso dal recente rapporto secondo il quale appunto, i prossimi mesi in Africa saranno segnati da un enorme aumento della mortalità materna.

Nell’analisi stilata dall’istituzione internazionale, in Guinea la mortalità materna aumenterà del 38%, in Sierra Leone del 74% e in Liberia potrebbe addirittura raddoppiare. Oltre 500 fra medici e infermieri sono morti a causa di Ebola, su un totale di oltre 11mila vittime. “La perdita di operatori sanitari – ha affermato Markus Goldstein, economista della Banca Mondiale – può far tornare questi paesi al livello di 15-20 anni fa”.

Intanto all’Onu negli ultimi giorni i governi di Guinea, Liberia e Sierra Leone hanno invocato ulteriori aiuti per far fronte al riaccendersi di un’emergenza, in realtà mai sopita. L’obiettivo è di raccogliere al più presto 3,2 miliardi di dollari, da utilizzare nei prossimi due anni. “Il mondo non può aspettare che l’epidemia sia completamente finita per iniziare a sostenere il rilancio dei tre Paesi più colpiti” ha sottolineato l’inviato speciale delle Nazioni Unite per Ebola, David Nabarro. La Commissione Europea ha annunciato lo stanziamento di altri 450 milioni di euro, che porta a 869 milioni il totale offerto finora dalla stessa Commissione. Se a questo dato si sommano le donazioni degli Stati membri, gli aiuti promessi dalla sola Unione Europea raggiungono quota 1,8 miliardi di euro.

Tags

Articoli correlati
Bollettino Ebola, in Congo già registrati 27 morti e 58 casi
Esattamente 20 giorni fa, il Ministro della Salute della Repubblica Democratica del Congo ha dichiarato il ritorno di ebola. Per la nona volta negli ultimi 40 anni, il Paese è costretto ad affrontare nuovamente un’emergenza che già conta decine di morti. L’ultimo bollettino dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, pubblicato lo scorso 23 maggio, riporta i numeri […]
Ebola è tornata. Roberto Cauda (Gemelli): «In realtà il virus non se n’è mai andato, c’è sempre stato»
«L'infezione rimane latente in alcuni animali definiti 'serbatoi' e quando l'uomo entra in contatto con qualche specie infetta ecco che torna il focolaio». L'intervista al Direttore dell'Area Malattie Infettive del Policlinico Gemelli di Roma
Ebola, arriva il vaccino per combattere l’epidemia in Congo
«La distribuzione del vaccino contro l’Ebola nella Repubblica Democratica del Congo (RDC) potrebbe dare un impulso vitale alla lotta contro la malattia» ha affermato il Dottor Seth Berkley, CEO di Gavi, The Vaccine Alliance, una partnership pubblico-privata dedicata a salvare le vite dei bambini e a proteggere la salute delle persone tramite l’incremento di un […]
OMS, al via l’Assemblea Mondiale. L’agenda del Direttore Tedros: più sanità per tre miliardi di persone
Pubblicato il World Health Statistics 2018. Ecco gli obiettivi dei prossimi cinque anni che i delegati dei 194 Paesi membri dell'Organizzazione Mondiale della Sanità stanno discutendo a Ginevra
Ebola in Congo, OMS: «Rischio da ‘alto’ a ‘molto alto’. 4mila dosi di vaccino pronte, ne servono più di 7mila»
Di nuovo l'incubo, dopo gli 11mila morti causati dall'epidemia del 2013-16, il virus torna e provoca 25 decessi in pochi giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...