Salute 27 Gennaio 2015 18:42

Ebola, la speranza ha il volto dei bambini: in Guinea riaprono le scuole

Ma l’OMS avverte “Guardia alta, l’epidemia non è finita”

Ebola, la speranza ha il volto dei bambini: in Guinea riaprono le scuole

Ebola continua a mietere vittime, ma in Africa dopo la catastrofe si prova a rimettere insieme i cocci. E’ delle ultime ore la notizia della riapertura delle scuole in Guinea, uno dei Paesi che maggiormente ha conosciuto, in questi ultimi mesi, la furia del virus.

Con tutte le precauzioni del caso, i bambini guineani torneranno tra i banchi dopo cinque mesi di stop. Si spera che a breve avverrà lo stesso in Liberia e Sierra Leone, dove  l’UNICEF sta lavorando con il Governo e le comunità per permettere a milioni di bambini in età scolare di riprendere le lezioni. I tre Paesi si collocano sul gradino più basso del livello di istruzione mondiale, ed è facile capire come la chiusura delle scuole abbia impattato in modo devastante su indici già estremamente critici. Per garantire che il ritorno in aula avvenga in massima sicurezza, l’UNICEF ha previsto corsi di formazione per gli insegnanti, e distribuito termometri, disinfettanti, kit per lavarsi le mani. I protocolli di sicurezza, inoltre, non consentono l’accesso ai locali scolastici a chiunque abbia una temperatura corporea superiore ai 38 gradi, a coloro che hanno avuto contatti con un paziente o vittime di Ebola nei 21 giorni precedenti, o a coloro che presentano almeno tre dei sintomi dell’Ebola: febbre, diarrea e vomito. I protocolli spiegano anche come comportarsi con i casi sospetti attraverso un sistema di rinvio alla struttura sanitaria più vicina.

E’ ancora presto, tuttavia, per parlare di “ritorno alla normalità”: per l’Organizzazione Mondiale della Sanità – nonostante la Sierra Leone sia ufficialmente uscita dalla quarantena – l’epidemia non sarà debellata prima della fine del 2015. In più, dalla Società Italiana Malattie Infettive arriva un monito: “Le profonde mutazioni genetiche alle quali è andato incontro il virus potrebbero vanificare gli sforzi fatti fino ad oggi alla realizzazione di nuovi vaccini”. Ma le misure precauzionali adottate negli ultimi mesi hanno permesso di contenere l’emergenza, e abbassare ora la guardia potrebbe vanificare tutti gli sforzi fatti. E’ per questo che il Comitato d’emergenza dell’OMS ha deciso all’unanimità di mantenere in vigore le misure. Si continua quindi con gli screening dei passeggeri in uscita dai tre Paesi coinvolti, e con la sorveglianza attiva nelle aree di frontiera con gli Stati confinanti. Tutto nell’attesa fremente di una svolta, che potrebbe arrivare a febbraio dai primi risultati dei vaccini sperimentali. O da quel miliardo e mezzo di dollari, richiesto dall’Onu per assestare a Ebola il definitivo colpo di grazia.

Articoli correlati
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
Focolaio di Ebola in Congo. Oms preoccupata, subito al via nuova campagna di vaccinazione
«Il tempo non è dalla nostra parte», ha affermato Matshidiso Moeti, direttore regionale dell'Oms per l'Africa
di Stefano Piazza
Tutte le emergenze sanitarie affrontate nel 2020 (di cui non si sente parlare)
Non solo Covid: la seconda più grande epidemia di Ebola nella Repubblica democratica del Congo, febbre gialla in Togo e Gabon, morbillo in Messico, la battaglia contro le malattie tropicali e quella costante contro Hiv, malaria ed epatite. Tutte le emergenze sanitarie del 2020 combattute dall'Organizzazione mondiale della sanità
Coronavirus, Parrino (Emergency): «Sono le popolazioni che sconfiggono i virus»
Intervista al responsabile delle field operations della ONG che ha allestito l’ospedale da campo a Bergamo: «Non è molto diverso dai miei giorni in Sierra Leone»
di Tommaso Caldarelli
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Salute

In Italia l’obesità uccide 4 volte in più degli incidenti d’auto

Nel nostro paese l'obesità è in aumento esponenziale e sempre più "killer", con un numero di morti all'anno 4 volte superiore a quello degli incidenti d'auto, e una previsione, en...