Salute 7 ottobre 2014

Ebola esce dai confini dell’Africa: primo caso negli Stati Uniti, cresce la paura

Il paziente rientrava da un soggiorno in Liberia. Sospetti di contagio anche in Europa

Immagine articolo

Era solo questione di tempo”, dicono gli esperti. E in fondo era la prospettiva sin dall’inizio temuta dal mondo intero. Certo è che adesso, con la notizia del primo caso di infezione da Ebola registrato negli Stati Uniti, il virus comincia a far davvero paura. E l’allarme cresce anche alla luce delle notizie delle ultime ore relative a sospetti contagi in Spagna.

Quella che prima era un’emergenza che, per quanto grave, restava confinata in un mondo a noi lontano e già disastrato, come l’Africa, ora spinge a interrogarsi su quanto sia incombente la minaccia di una diffusione anche nel Nord America: quella parte di globo che, per antonomasia, di epidemie apocalittiche è stata protagonista solo al cinema.

Il primo paziente sul territorio statunitense affetto da Ebola conclamato – dopo una dozzina di falsi allarmi – si chiama Thomas Eric Duncan, quarantenne di origini liberiane. Proprio al ritorno da un viaggio in Liberia – il Paese più flagellato dal virus – avrebbe sviluppato i sintomi, ed è stato poi ricoverato al Texas Health Presbyterian Hospital di Dallas, dove si trova attualmente in gravi condizioni. La struttura, oltre a predisporre l’isolamento per il soggetto, ha immediatamente attivato tutte le procedure di massima allerta per impedire il rischio di contagio ad altri pazienti, al personale medico e sanitario, ai volontari e ai visitatori. Il paziente, inoltre, verrà trattato con i nuovi farmaci sperimentali che, in molti casi, stanno dando riscontri positivi.

In seguito alla notizia, diramata dal Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (Cdc) di Atlanta, il presidente USA Barack Obama ha discusso con il direttore dell’Istituto, Tom Frieden, “dei rigidi protocolli di isolamento in base ai quali viene curato il paziente e degli sforzi per rintracciare i contatti del paziente per mitigare i rischi di ulteriori casi”. Contatti che, al momento, sarebbero circa 80, tra cui alcuni bambini. Per contenere Ebola, frenarne il contagio e debellare i focolai in Africa, gli Stati Uniti avevano già deciso di inviare nelle regioni flagellate soldati, attrezzature sanitarie e ospedali da campo, ponendosi in prima linea nella lotta al virus. Una lotta che da oggi, però, dovrà essere combattuta anche in casa.

Articoli correlati
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano
Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «Stiamo monitorando anche un virus legato ai pipistrelli in Oriente. Popolazione senza vaccinazione più vulnerabile»
SIMIT su HIV, appello alle istituzioni: «Dobbiamo lottare contro il negazionismo. Ministero e ordini intervengano»
In merito al recente caso di cronaca dell’untore di Ancona e alle relative successive affermazioni, il professor Massimo Galli, Presidente SIMIT, Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali, interviene sull’argomento. LEGGI ANCHE: UNTORE HIV ANCONA, LO PSICHIATRA: «FORSE MECCANISMO DI NEGAZIONE DELLA MALATTIA, MA NON PSICHIATRIZZIAMO TUTTO È tempo di intervenire «La recente vicenda dell’autotrasportatore di Ancona HIV […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano