Salute 4 Novembre 2014

Ebola, continuano i test del vaccino “tricolore”

La guardia resta alta: ora gli esperti temono per la Cina. Quarantena italiana per militari Usa

Immagine articolo

La buona notizia, diramata dall’Oms, è che secondo le statistiche il propagarsi di Ebola avrebbe subito un lieve rallentamento, almeno per quanto riguarda la Liberia. Merito di una migliorata gestione dell’emergenza, e segno che le massicce campagne informative per la prevenzione in loco stanno dando i loro frutti.

Il monito è però quello di non abbassare la guardia: una rondine non fa primavera, e  l’emergenza, purtroppo, non volge affatto al termine. In Sierra Leone si è registrato un incremento dei contagi, e addirittura, a breve, Ebola potrebbe sbarcare in Cina. L’allarme è stato lanciato da Peter Piot, direttore della London School of Hygiene and Tropical Medicine, uno degli esperti che per primi hanno studiato il virus, ed è fondato su due fattori: da un lato, sono migliaia i cinesi che lavorano in Africa, nelle zone in cui ha avuto origine il contagio; dall’altro, le misure precauzionali attive all’aeroporto di Hong Kong, nei confronti dei passeggeri in arrivo dalle aree colpite, risultano del tutto inadeguate.

Sul fronte occidentale, invece, ha destato sconcerto la decisione del Pentagono di mettere in quarantena undici militari e un generale delle forze armate statunitensi presso la base americana di Vicenza, dove rimarranno per 21 giorni (il periodo di incubazione della malattia). Come confermato anche dalle autorità italiane, il personale in isolamento è rientrato di recente dalla Liberia, dove avrebbe svolto per 30 giorni operazioni di supporto al personale sanitario impegnato a combattere la malattia, e nella costruzione di infrastrutture sanitarie, senza entrare in contatto diretto con pazienti o con la popolazione locale. La decisione è quindi stata presa nonostante il basso rischio di infezione, e nonostante nessuno dei militari presenti attualmente i sintomi della malattia. Inutile dirlo, il malcontento della popolazione vicentina è tangibile.

Intanto, si fanno passi avanti nella ricerca di un vaccino: via libera ai test clinici in Svizzera per la promettente soluzione “tricolore” prodotto dal team italiano dell’azienda Okairos . Il preparato sarà somministrato a 120 individui, per testarne la sicurezza e la capacità di indurre una risposta immunitaria: il trial è l’ultimo di una serie di sperimentazioni cliniche in corso in Mali, Gran Bretagna e Usa. Se tutto fila liscio, la formulazione ufficiale potrebbe essere pronta – e disponibile su larga scala – all’inizio del 2015.

Articoli correlati
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni
Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»
di Isabella Faggiano