Salute 2 Dicembre 2014

Ebola, baluardo Spallanzani. Gli infermieri: “Task force addestrata e competente, ma siamo troppo pochi”

E il governo presenta l’emendamento per aumentare i fondi destinati a prevenzione e controllo

Immagine articolo

Ognuno fa la sua parte in questa lotta senza quartiere contro il virus Ebola, e nessuno resta a guardare. Tanto meno il governo italiano, all’indomani del primo caso arrivato a Roma, il medico siciliano ricoverato allo Spallanzani.

E proprio a supporto dell’Istituto sono dedicati gran parte dei fondi proposti dall’emendamento governativo al Patto della Salute, presentato nei giorni scorsi alla Camera e al Senato. L’obiettivo dell’”emendamento Ebola”, infatti, è quello di potenziare le misure di sorveglianza e contrasto delle malattie infettive e diffusive nel territorio nazionale, così da salvaguardare la collettività dai rischi per la salute. Autorizzata la spesa di 3 milioni di euro per il 2015 e di 1,5 milioni di euro annui a decorrere dal 2016 per rafforzare i livelli di controllo di profilassi internazionale e per consentire al Ministero della Salute non solo l’acquisto di idonei presìdi medico-chirurgici, ma anche la predisposizione di spazi adeguatamente allestiti in caso di emergenze sanitarie.

Allo Spallanzani, intanto, si fa strada il malcontento del personale infermieristico. Il motivo? Una forte carenza di risorse umane, poiché gran parte degli operatori sono coinvolti nella task force che si sta occupando del paziente affetto da Ebola. Una lacuna strutturale inquadrata nell’ ampia carenza di organico che coinvolge tutta la Regione Lazio, e che costringe l’esiguo personale a turni di lavoro massacranti, oltre l’orario massimo consentito dalla legge. Uno stress subìto anche dai componenti della task force, i quali, più degli altri, necessiterebbero dei tempi di riposo necessari a gestire il momento particolarmente critico in serenità. Il problema è stato già denunciato dal sindacato infermieristico Nursind, dal quale però arriva anche una rassicurante conferma: il team impegnato col medico di Emergency  ”risulta appositamente formato e addestrato nelle procedure necessarie, e con adeguata disponibilità di presidi di protezione individuali (DPI)”.

Dal reparto speciale dello Spallanzani, dove Fabrizio è ricoverato, arrivano notizie altalenanti. Il paziente è ancora in prognosi riservata ma, dopo un peggioramento delle condizioni nella notte tra sabato e domenica, è ora stabile. Nonostante la febbre e altri sintomi severi, il medico di Emergency interagisce ed è autonomo, ed ha iniziato la terza somministrazione del trattamento sperimentale a base di “plasma di convalescenza” e siero Zmapp, la cui efficacia è stata ufficialmente confermata poche settimane fa, sommati ad un nuovo farmaco che stimola la risposta immunitaria.

Articoli correlati
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...