Salute 2 Dicembre 2014

Ebola, baluardo Spallanzani. Gli infermieri: “Task force addestrata e competente, ma siamo troppo pochi”

E il governo presenta l’emendamento per aumentare i fondi destinati a prevenzione e controllo

Immagine articolo

Ognuno fa la sua parte in questa lotta senza quartiere contro il virus Ebola, e nessuno resta a guardare. Tanto meno il governo italiano, all’indomani del primo caso arrivato a Roma, il medico siciliano ricoverato allo Spallanzani.

E proprio a supporto dell’Istituto sono dedicati gran parte dei fondi proposti dall’emendamento governativo al Patto della Salute, presentato nei giorni scorsi alla Camera e al Senato. L’obiettivo dell’”emendamento Ebola”, infatti, è quello di potenziare le misure di sorveglianza e contrasto delle malattie infettive e diffusive nel territorio nazionale, così da salvaguardare la collettività dai rischi per la salute. Autorizzata la spesa di 3 milioni di euro per il 2015 e di 1,5 milioni di euro annui a decorrere dal 2016 per rafforzare i livelli di controllo di profilassi internazionale e per consentire al Ministero della Salute non solo l’acquisto di idonei presìdi medico-chirurgici, ma anche la predisposizione di spazi adeguatamente allestiti in caso di emergenze sanitarie.

Allo Spallanzani, intanto, si fa strada il malcontento del personale infermieristico. Il motivo? Una forte carenza di risorse umane, poiché gran parte degli operatori sono coinvolti nella task force che si sta occupando del paziente affetto da Ebola. Una lacuna strutturale inquadrata nell’ ampia carenza di organico che coinvolge tutta la Regione Lazio, e che costringe l’esiguo personale a turni di lavoro massacranti, oltre l’orario massimo consentito dalla legge. Uno stress subìto anche dai componenti della task force, i quali, più degli altri, necessiterebbero dei tempi di riposo necessari a gestire il momento particolarmente critico in serenità. Il problema è stato già denunciato dal sindacato infermieristico Nursind, dal quale però arriva anche una rassicurante conferma: il team impegnato col medico di Emergency  ”risulta appositamente formato e addestrato nelle procedure necessarie, e con adeguata disponibilità di presidi di protezione individuali (DPI)”.

Dal reparto speciale dello Spallanzani, dove Fabrizio è ricoverato, arrivano notizie altalenanti. Il paziente è ancora in prognosi riservata ma, dopo un peggioramento delle condizioni nella notte tra sabato e domenica, è ora stabile. Nonostante la febbre e altri sintomi severi, il medico di Emergency interagisce ed è autonomo, ed ha iniziato la terza somministrazione del trattamento sperimentale a base di “plasma di convalescenza” e siero Zmapp, la cui efficacia è stata ufficialmente confermata poche settimane fa, sommati ad un nuovo farmaco che stimola la risposta immunitaria.

Articoli correlati
Ebola, autorizzato in Europa il primo vaccino contro il virus
Si chiama Ervebo ed è lo stesso vaccino utilizzato in Congo in via sperimentale
Ebola in Congo, oltre 1.900 morti: è la seconda epidemia più grande della storia
Il virus si diffonde con una media di 81 casi a settimana. I dati diffusi dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
Ebola torna a far paura, quali rischi per l’Europa? Parla il presidente della Simit Massimo Galli
Oltre duemila infettati in Congo, l’OMS ha dichiarato emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale. Il presidente della Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali sottolinea: « Il vaccino c’è e sarebbe stato possibile forse usarlo meglio e in maniera più vasta di quanto fatto sinora»
Torna Ebola in Congo, ecco i sintomi e come riconoscerla: i consigli del “paziente zero”
«Niente allarmismo, ma è importante che i medici italiani riconoscano la sintomatologia». Parla Fabrizio Pulvirenti, “paziente zero” e consulente del primo corso ECM FAD sul virus Ebola. On line anche “e-bola”, prima pellicola della collana dei Film Formazione, un nuovo modello di edutainment per aggiornarsi in maniera ancora più coinvolgente
Ebola, il ministro della Salute del Congo si è dimesso
L’ormai ex Ministro avrebbe criticato le «pressioni ricevute dall’esterno per utilizzare un nuovo vaccino sperimentale» al posto di quello attuale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Bilancio 2020: «Caro Ministro, ecco dove trovare i soldi per pagare di più i medici. Senza che lo Stato aggiunga un euro»

Intervista al segretario nazionale Anaao-Assomed Carlo Palermo: «Nei prossimi 8 anni nelle aziende sanitarie ci saranno 250 milioni di euro di “retribuzione individuale di anzianità”. Basterebbe...
Ecm

ECM estesa a tutte le professioni sanitarie. L’Agenas pubblica la delibera

L’Educazione Continua in Medicina sarà obbligatoria per tutte le professioni sanitarie aventi ordini di categoria, prima esclusi dal vincolo formativo
Salute

Burnout in sanità, i più colpiti? Giovani, donne e ospedalieri. I risultati della survey AME

Simonetta Marucci, coordinatrice del sondaggio dell’Associazione Medici Endocrinologi: «Continueremo ad analizzare il fenomeno per poi proporre risposte adeguate per migliorare la nostra attività ...