Salute 30 Giugno 2015

EBOLA, MERS E LE ALTRE PANDEMIE«Medici e cittadini: ci vuole più preparazione»

 

Immagine articolo

Abbassare la guardia potrebbe essere letale, se si parla di Ebola. Il virus sembrava aver iniziato una parabola discendente, ma si trattava di una vana speranza, morta insieme alle ultime vittime della malattia ritornata prepotente in Sierra Leone, Guinea e Liberia proprio in questi giorni.

Ma Ebola non è l’unica minaccia alla nostra sicurezza: dall’Estremo Oriente arriva la Mers (Middle East Respiratory Syndrome) che ha già fatto 31 morti, uno in Europa, e numerosi contagiati in tutto il mondo, dagli Usa al Medio Oriente. Virus vecchi e nuovi che arrivano da lontano, e che scuotono i timori più profondi. Cresce l’esigenza di un’informazione veritiera e affidabile dal punto di vista scientifico, scevra da falsi allarmi. E in parallelo occorre una formazione sempre più specifica per il personale sanitario. Lo stato d’animo dei cittadini, cosa pensano e cosa temono, alla luce dei due casi di Ebola arrivati fino a noi, e delle pandemie emergenti è quello che Sanità informazione ha cercato di indagare…

Un pericolo invisibile, ma non per questo meno reale. La fiducia nel nostro sistema sanitario e nei progressi compiuti dalla ricerca scientifica e la consapevolezza che le sfide sono sempre nuove e richiedono sempre nuove competenze: “Ci sono sempre sviluppi nel campo della sanità: perché non avere fiducia nei mezzi che abbiamo a disposizione?”. C’è chi invece vorrebbe proprio saperne di più, in prima persona: “Non riesco a capire se debbo preoccuparmi oppure no”. Un nemico ignoto fa molta più paura di un nemico conosciuto, di cui si conoscono i limiti, e le armi per combatterlo. Nonostante la fiducia nel personale medico, l’aspetto che desta più preoccupazione è quello strutturale ed organizzativo. “Non mi preoccupano i medici, ma le strutture: lavoro in quest’ambiente e, a parte delle singole eccellenze, non credo siano pronte”. “Ci vorrebbe più organizzazione e strutture migliori per gestire una situazione del genere”.

Voci unite da una certezza unanime: l’importanza della formazione e dell’informazione, per il personale medico e per i cittadini. “I medici devono essere formati e informati costantemente sulle misure di prevenzione e su quelle da adottare in caso di contatto con un paziente contagiato”. Un aspetto certamente da implementare.

Articoli correlati
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...
Politica

Elezioni europee, ecco gli impegni dei candidati per i medici

Dal presidente del Parlamento europeo Antonio Tajani ai suoi vice David Sassoli e Fabio Massimo Castaldo, fino al nuovo volto della Lega, l’economista Antonio Maria Rinaldi: le ricette in campo sui ...