Salute 7 Aprile 2020 10:50

E se le fogne ci aiutassero a sconfiggere il Coronavirus?

Un articolo apparso su Nature evidenzia una nuova prospettiva di ricerca: dalle analisi delle acque scure si potrebbe individuare la presenza di contagio in brevissimo tempo

di Tommaso Caldarelli
E se le fogne ci aiutassero a sconfiggere il Coronavirus?

Secondo l’Istituto Superiore di Sanità è giusto iniziare a pensare e a discutere di una fase due: l’emergenza Coronavirus potrebbe aver superato la sua fase di picco. Tuttavia, come sottolinea un articolo apparso su Nature, le misure «di controllo dell’infezione, come il distanziamento sociale, probabilmente abbatteranno l’attuale pandemia, ma il virus potrebbe tornare una volta che queste misure saranno rimosse». Più di dodici gruppi di ricerca al mondo stanno però lavorando su un’ipotesi interessante, che potrebbe aiutarci a scovare eventuali nuove concentrazioni di cariche virali in modo tale da consentire una rapida azione preventiva: l’analisi delle acque fognarie.

Nelle feci umane, infatti, si possono accumulare considerevoli quantità di Rna virale; analizzare i depositi delle acque scure riesce a monitorare gli scarti di oltre «un milione di persone», spiega un contenuto pubblicato sul sito web della più importante rivista scientifica al mondo. Tracce del virus sono finora state rinvenute «in Olanda, negli Stati Uniti e in Svezia». Fra l’altro, l’analisi delle acque di scarto riesce anche a superare un problema ormai all’attenzione dell’opinione pubblica, ovvero il fatto che non tutti i cittadini vengono raggiunti dai test, dai tamponi, dai censimenti epidemici promossi dalle autorità sanitarie.

LEGGI ANCHE: COVID-19, SENSORI AMBIENTALI SUL POSTO DI LAVORO PER PREVENIRE IL CONTAGIO

Ulteriore punto a favore, affermano gli studiosi coinvolti, sta nel fatto che la presenza di carica virale è riscontrabile negli scarti umani molto prima che i sintomi si manifestano: «Gli studi hannoe dimostrato che i sintomi di SARS-CoV-2 possono apparire nelle feci entro tre giorni dall’infezione – afferma Tamar Kohn, virologo ambientale all’Istituto Federale Svizzero di Tecnologia con sede a Losanna -. Tracciare le particelle virali nell’acqua di scarto può dare alle autorità di salute pubblica il vantaggio riguardo alla decisione sull’introdurre o meno misure quali il lockdown. Sette o anche dieci giorni di anticipo possono davvero fare la differenza, vista la severità di questo fenomeno».

Non si tratta, come sempre, di una soluzione perfetta. Innanzitutto i problemi di misurazione non sembrano pochi: «I ricercatori dovranno individuare quanto RNA virale è espulso tramite le feci, e di lì estrapolare il numero di persone infette nella popolazione, calcolandolo sulla base della concentrazione». Vi sono poi dei problemi relativi alla tempistica: «I ricercatori dovranno poi – conclude Nature, citando gli esperti della australiana Queensland Alliance for Environmental Health Sciences – assicurarsi di star guardando un campione rappresentativo di quanto viene espulso dalla popolazione e non solo una istantanea temporale».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Giornata nazionale contro Leucemie, Mielomi e Linfomi: il punto su ricerca e nuove terapie
Il 21 giugno specialisti ed ematologi di AIL risponderanno alle domande dei pazienti, dalle 8 alle 20, al numero verde 800226524. L'obiettivo è raccontare i progressi della ricerca e il supporto avuto durante la pandemia da Covid dalla telemedicina e dai volontari
di Federica Bosco
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 18 giugno: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM