TecHealth 6 Aprile 2020

Covid-19, sensori ambientali sul posto di lavoro per prevenire il contagio

Tornare tutti in ufficio o in azienda ma in condizioni di sicurezza da Covid-19, per far ripartire l’economia colpita dalla pandemia virale, rappresenta oggi una priorità. Aziende e pubblica amministrazione devono mettere in funzione gli strumenti più idonei a permettere la convivenza in spazi chiusi come gli uffici nel periodo di riapertura, anche se graduale. […]

Tornare tutti in ufficio o in azienda ma in condizioni di sicurezza da Covid-19, per far ripartire l’economia colpita dalla pandemia virale, rappresenta oggi una priorità. Aziende e pubblica amministrazione devono mettere in funzione gli strumenti più idonei a permettere la convivenza in spazi chiusi come gli uffici nel periodo di riapertura, anche se graduale.

Per andare incontro a queste esigenze iComfort, azienda italiana con sede a Roma specializzata nella misurazione delle variabili ambientali (temperatura, umidità, occupazione degli spazi, presenza di inquinanti, etc.) presenta un ulteriore sviluppo della propria tecnologia, nell’intento di aiutare le aziende a prepararsi adeguatamente al post-emergenza da virus Covid-19.

«Il sistema di sensori ambientali messo a punto – sostiene Ernesto Lombardi, amministratore delegato iComfort – permette la raccolta e l’elaborazione dei dati, fornendo allarmi ed informazioni al personale preposto al controllo. In particolare, si può misurare la Temperatura corporea in tempo reale con errore di +-0,3 C° per persone a 3 metri di distanza dal sensore, con invio di notifiche per mail o sms e segnalazione della foto della persona con temperatura anomala. Allo stesso tempo, viene inviato un Alert audio alla persona appena viene rilevata l’anomalia».

LEGGI ANCHE: TELEMEDICINA, PROVENZA (M5S): «SERVE POTENZIARLA PER CONTROLLO E PREVENZIONE DEL COVID-19. IN FUTURO SARA’ BASE SOSTENIBILITÀ SSN»

Come si legge nel “Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento alla diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro” del 14/3/2020, viene infatti autorizzata, con richiesta di ottemperanza alla norma, la possibilità per il datore di lavoro di procedere alla rilevazione della temperatura dei dipendenti; mantenimento della distanza sociale nei luoghi indoor; identificazione dei malati.

«Per quanto riguarda il mantenimento del Distanziamento sociale sul luogo di lavoro, noi di iComfort usiamo tecnologie che consentono, per esempio, di analizzare la coda o altro luogo affollato; controllare l’occupazione di uno spazio – Sala riunione, bar, piano, etc. – rispettando le indicazioni da Covid-19; infine, analizzare la distanza tra le persone nella zona sorvegliata, definendo la distanza minima tra persone. Ancora – conclude Lombardi – l’elaborazione digitale delle misure raccolte dal sistema di sensori ambientali consente anche l’Identificazione dei percorsi ex-post di eventuali dipendenti infetti (anche asintomatici). In altre parole, siamo in grado di sapere dove è stata la persona infetta nel periodo determinato – mensa, corridoio, scrivania, etc., chi è stato negli stessi posti in quel periodo o successivamente, oppure chi ha frequentato gli stessi luoghi di lavoro negli stessi momenti della persona infetta».

Articoli correlati
Covid-19, Conte firma un nuovo DPCM: ecco cosa prevede e il testo completo
Bar e ristoranti chiusi dalle 18.00, didattica a distanza per il 75% delle attività alle superiori, giù le serrande di palestre e piscine. Conte: «I medici di famiglia saranno preziosi alleati nella strategia di contrasto al Covid-19. Sul tavolo c'è un rinnovo contrattuale che servirà anche a motivarli per coinvolgerli in nuovi compiti» 
Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»
Situazione preoccupante secondo gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie: le misure sono arrivate in ritardo e l'adesione non è stata ottimale
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
«Futuri medici o solo studenti senza voce?»
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei
Spossatezza e sfiducia nelle regole, nella seconda ondata tanti sentono la pandemic fatigue. Cosa succede nel nostro cervello? Il professor Vitiello (coordinatore "Lavoro" OdP Lazio) spiega come contrastarla
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare