Salute 9 Agosto 2019

Dotto di Botallo, al Niguarda i primi interventi su neonati prematuri per chiuderlo con procedura mininvasiva

Il dottor Vignati, responsabile della Cardiologia Pediatrica dell’ospedale: «Introducendo un sondino nella vena della gamba chiudiamo il dotto di Botallo nei neonati prematuri, evitando problematiche importanti a livello cardiocircolatorio e respiratorio»

di Federica Bosco

Per la prima volta in Italia è stata utilizzata con successo una procedura mininvasiva per chiudere il dotto di Botallo in neonati prematuri di basso peso. L’intervento è stato realizzato dagli specialisti del Niguarda di Milano guidati dal dottor Gabriele Vignati, responsabile della Cardiologia Pediatrica dell’ospedale, con la supervisione del professor Alain Fraisse, cardiologo pediatrico del Royal Brampton Hospital di Londra, specializzato nell’uso di questa tecnica per la chiusura del dotto arterioso pervio in neonati prematuri. «In Italia è la prima volta che si adotta questa tecnica, ma in alcuni Stati europei è consolidata – spiega il dottor Vignati –. Consiste nel raggiungere con un sondino introdotto da una vena della gamba il dotto arterioso, che è quel vaso che mette in comunicazione durante la vita fetale le due grandi arterie che nascono dal cuore e che, nel 90% dei casi, si chiude nei primi giorni di vita in quanto non è più necessario».

LEGGI ANCHE: MILANO, AL NIGUARDA NASCE CENTRO PER BAMBINI AFFETTI DA IPOVISIONE, GIUSY VERSACE (FORZA ITALIA): «IMPORTANTE PRENDERSI CURA ANCHE DELLE FAMIGLIE»

Dottor Vignati, in che cosa consiste la procedura transcatetere che avete usato con i due bambini nati da gravidanze sotto le 30 settimane?

«I due bambini al momento dell’intervento avevano un peso inferiore ai due chilogrammi, quindi erano molto piccoli. Pertanto è stato usato un catetere sottilissimo, del diametro di uno spaghetto che, inserito nella vena femorale della gamba, ha raggiunto l’arteria polmonare e, attraverso il dotto, l’aorta. Una volta in sede, dal catetere è stato rilasciato un dispositivo auto espandibile che è andato a chiudere il dotto arterioso che era aperto».

Perché è stato necessario questo intervento?

«Durante la vita fetale il dotto di Botallo, ovvero quel tubicino che mette in comunicazione l’arteria polmonare con l’aorta, ottimizza la circolazione fetale evitando a gran parte del sangue, già ben ossigenato dalla placenta, di andare inutilmente nei polmoni. Alla nascita, nel momento in cui inizia la funzione respiratoria, il dotto deve chiudersi spontaneamente. Di solito lo fa entro le prime 72 ore o, più raramente, entro le prime settimane di vita. Nei bambini nati a termine la mancata chiusura è un evento raro, invece nel 30% dei bambini nati pretermine il dotto resta aperto e questo può provocare delle problematiche importanti a livello cardiocircolatorio e respiratorio. In quei casi è necessario procedere alla sua chiusura».

Qual è la procedura seguita?

«Prima si tenta un trattamento farmacologico che nella maggior parte dei casi è efficace; ma se non si ottiene il risultato sperato, viene proposta la chiusura che può essere chirurgica e, da oggi, anche percutanea».

Che tipo di conseguenze potrebbe avere il bambino prematuro se non si chiude il dotto?

«Due sono i problemi più seri: le ripercussioni sullo sviluppo del polmone secondarie al mantenimento di pressioni di perfusione elevate e la comparsa di sofferenza ischemica secondaria al furto di sangue del cervello e/o degli organi addominali che, anziché raggiungere questi distretti, viene deviato appunto attraverso il dotto verso i polmoni».

Com’è il decorso post-operatorio?

«Generalmente sono bambini impegnati, che hanno una dipendenza sia dal respiratore che dai farmaci. Una volta ottenuta la chiusura del dotto di Botallo, il quadro clinico migliora radicalmente nel giro di 24/48 ore ed è possibile arrivare alla respirazione spontanea e alla sospensione dei farmaci. Oggi grazie alla procedura con il catetere l’intervento può essere mininvasivo, con traumatismo chirurgico azzerato. Non essendoci traumatismi toracici, anche la fase post-operatoria risulta essere più veloce».

LEGGI ANCHE: TRAPIANTO FEGATO-RENE IN DUE MOMENTI DIVERSI, AL NIGUARDA IL PRIMO IN ITALIA. DE CARLIS: «INTERVENTO COMPLESSO, ECCO COME ABBIAMO FATTO»

Articoli correlati
Coronaropatie, arteriopatie e malattia renale cronica nel paziente con Fibrillazione Atriale. Ecco come cambia l’approccio con rivaroxaban
Un paziente su cinque, dopo 3-4 anni da un infarto, può subire o una ri-ospedalizzazione, o un nuovo evento infartuale, o un ictus, oppure un evento fatale. Nei Paesi occidentali c’è una frequenza degli eventi avversi molto elevata, anche nei pazienti che aderiscono correttamente alle terapie raccomandate. Questo sta a significare che, in generale, i […]
Emergenza-urgenza in pediatria, Roscio (cardiologo) «Tutti i medici, specialisti e non, siano preparati alla gestione degli episodi critici»
Il coordinatore del gruppo di emergenza extraospedaliera dell’OMCeO di Roma: «Abbiamo promosso il corso di aggiornamenti in tossicologia pediatrica perché i casi di avvelenamento e intossicazione sono molto più frequenti di quanto si possa immaginare, soprattutto in ambiente domestico»
di Isabella Faggiano
Morte improvvisa, si può prevenire? Risponde il cardiologo tedesco Axel Bauer
«Se si individuano i pazienti a rischio, si può intervenire con un defibrillatore cardiaco impiantabile. In futuro i dispositivi indossabili che monitorano il paziente 24 ore su 24 ci aiuteranno molto, ma per ora forniscono informazioni limitate»
Trapianto fegato-rene in due momenti diversi, al Niguarda il primo in Italia. De Carlis: «Intervento complesso, ecco come abbiamo fatto»
Il direttore dell’equipe della chirurgia generale e dei trapianti diretta dell’ospedale milanese racconta a Sanità Informazione la difficile operazione su una donna affetta da malattia policistica: «Scelta obbligata, la donna era in ipotermia. L’organo pesava intorno ai 13/14 chilogrammi». Il rene tenuto in funzione da una macchina di perfusione
di Federica Bosco
La storia di Anezka, 25 anni: «Il pacemaker mi ha offerto una seconda possibilità di vita»
Intervenuta alla sessione “Meet my patient” del congresso EHRA a Lisbona, Anezka Gombosova, di Praga, ha spiegato ai cardiologi cosa significa convivere con il pacemaker. Poi li ha esortati: «Dovete imparare dai vostri pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone