Salute 14 Luglio 2022 09:31

SIN, arriva la Task Force per una TIN a misura di famiglia

L’obiettivo è diffondere e applicare gli Standard Europei di assistenza al neonato, attuando la zero separation tra genitori e prematuri

SIN, arriva la Task Force per una TIN a misura di famiglia

Un parto pretermine, spesso inaspettato. Un neonato ancora più piccolo e fragile di quanto ci si era immaginati, bisognoso di cure speciali e di una degenza molto più lunga di quella preventivata. Il distacco, ma anche le paure che fanno capolino, inedite e fagocitanti: ce la farà? Ce la faremo? «La nascita prematura viene quasi sempre vissuta dai genitori come un vero e proprio trauma, addirittura a volte come un lutto – ci spiega il professor Luigi Orfeo, presidente della Società Italiana di Neonatologia (SIN) – motivo per cui il nostro traguardo non diventa più solo riconsegnare alle famiglie un neonato sano, ma riconsegnare un neonato sano ad una famiglia a sua volta sana, non traumatizzata o emotivamente lacerata».

È proprio da questa consapevolezza che la SIN ha lanciato una task force che avrà il compito di diffondere e applicare nelle Terapie Intensive Neonatali gli Standard Assistenziali Europei per la Salute del Neonato, una raccolta di raccomandazioni sulle migliori modalità assistenziali per i neonati e le loro famiglie. Si tratta di linee guide che abbracciano la presa in carico del neonato prematuro a 360°, dalle cure specialistiche e assistenza clinica alla cura della relazione con la famiglia. I genitori, infatti, verranno coinvolti attivamente in tutto il percorso assistenziale. Ecco cosa ci ha raccontato nel dettaglio il professor Orfeo.

Per una TIN a misura di famiglia

«La Task Force nasce con l’obiettivo di uniformare verso l’alto le realtà assistenziali delle TIN nel nostro Paese – spiega – che sono molto eterogenee: alcuni centri sono già molto vicini agli standard europei che, come SIN, abbiamo concorso a delineare, mentre in altre realtà c’è ancora molto da lavorare. La novità di questi standard consiste nel fatto che non riguardano solo il campo dell’assistenza dal punto di vista tecnico, ma mirano ad una presa in carico globale del neonato prematuro e della sua famiglia. Oggi, infatti, le evidenze scientifiche ci dicono che la famiglia svolge un ruolo fondamentale nella presa in carico del prematuro, sia dal punto di vista del coinvolgimento emotivo che pratico nell’assistenza, motivo per cui i genitori devono poter essere sin dal primo momento vicini al bambino ma anche essere coinvolti nel suo percorso assistenziale. Questi standard – sottolinea Orfeo – sono frutto di una collaborazione tra gli operatori sanitari e le associazioni di genitori, e sono quindi orientati verso una cooperazione strettissima tra genitori e operatori sanitari nella presa in carico del prematuro».

La zero separation: benefici non solo emotivi

«La separazione tra la famiglia ed il neonato ricoverato in TIN provoca danni a livello emotivo – afferma il presidente SIN – e rende molto complesso il momento del ritorno a casa, soprattutto se non c’è stato un contatto costante durante l’ospedalizzazione del bambino. Purtroppo – osserva – nonostante questi fattori siano ormai noti, nella pratica la situazione non rispetta sempre questo ideale: abbiamo recentemente rilevato, da un’indagine conoscitiva svolta nelle TIN italiane, che solo nel 60% dei casi è consentito l’accesso senza limitazioni dei genitori nelle TIN , con grandi differenze tra Nord e Sud. Negli ospedali del Nord più dell’80% delle TIN lo consentono, al Centro siamo intorno al 50% mentre al Sud solo una TIN su tre pratica questa modalità, per retaggi culturali che è ulteriore obiettivo della nostra Task Force scardinare. Far semplicemente accedere i genitori non è poi neppure sufficiente – aggiunge Orfeo – mamma e papà non devono essere semplici spettatori ma essere coinvolti attivamente in tutto il processo assistenziale del bambino. In che modo? innanzitutto, per le mamme, allattando il proprio bambino considerando anche il fatto che il latte materno è il miglior farmaco che abbiamo a disposizione nelle nostre TIN. E poi c’è tutto l’aspetto del contatto fisico, del tocco e del massaggio ma anche del contatto vocale, ad esempio con la lettura ad alta voce e infine con la cosiddetta marsupio-terapia (kangaroo mothercare) attraverso cui il prematuro e sua madre sono messi a contatto pelle-pelle. Questa pratica – spiega – ha un effetto termico migliore di quello dell’incubatrice, garantendo anche una stabilizzazione di tutti i parametri fisiologici quali frequenza cardiaca, respirazione e ossigenazione del sangue, che migliorano rispetto a quelli di un prematuro tenuto esclusivamente in incubatrice».

Di nuovo a casa…senza paura

«I genitori di un neonato prematuro – afferma il neonatologo – tendono, nelle primissime fasi, a delegare completamente l’assistenza dei propri bambini alle cure del personale sanitario preposto. L’applicazione di questi standard, invece, consente alle mamme e ai papà di riappropriarsi della funzione genitoriale già durante la degenza così che una volta a casa saranno pronti a gestire il proprio bambino senza paura, con consapevolezza e serenità. Questo – conclude – è il vero traguardo a cui tendere: restituire un neonato sano ad una famiglia sana».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Bimbi pretermine: aumenta la sopravvivenza, ma il 90% soffre di disfagia. FLI: “Serve logopedista”
Oltre 30mila bimbi ogni anno in Italia nascono pretermine. Se da un lato la tecnologia e il progresso scientifico hanno favorito la sopravvivenza dei piccoli pretermine, dall’altro sono aumentati i problemi di disfagia neonatale, cioè l’incapacità di passare dalla nutrizione enterale all’alimentazione orale. In occasione della Giornata mondiale della prematurità la Federazione italiana dei logopedisti sottolinea l'importanza di un percorso riabilitativo per le funzioni orali
di V.A.
Morti in culla: più di 250 casi Sids all’anno in Italia, consigli e test su regole per «nanna» sicura
Nonostante decenni di ricerca intensiva, la sindrome della morte improvvisa del lattante (Sids), conosciuta come «morte in culla», è un fenomeno ancora non del tutto noto. A fare il punto sulla ricerca, sui falsi miti, sui consigli da seguire per ridurre i rischi saranno gli esperti che prenderanno parte conferenza internazionale dedicata alla morte in culla e alla morte perinatale dell’ISPID – International Society for the study and prevention of Perinatal and Infant Death, che si terrà dal 6 all'8 ottobre a Firenze
Caldo estremo aumenta il rischio di complicanze in gravidanza
L'esposizione al caldo estremo, eventualità diventata più frequente a causa dei cambiamenti climatici durante la gravidanza è stata collegata a un aumento del rischio di grave morbilità materna, cioè di complicanze durante il travaglio e il parto. I rischi sono maggiori se l'esposizione è avvenuta durante il terzo trimestre di gravidanza. Questo è quanto emerso da uno studio condotto dal Kaiser Permanente Southern California, pubblicato sulla rivista JAMA Network Open
Policlinico Gemelli, «sportelli» aperti alla Banca del Latte. «Donare è un gesto salva-vita»
Il Policlinico Gemelli di Roma ha attivato una Banca del Latte e ha avviato una serie di iniziative per sensibilizzare le mamme alla donazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...