Salute 6 Febbraio 2019

Milano, al Niguarda nasce centro per bambini affetti da ipovisione. Giusy Versace (Forza Italia): «Importante prendersi cura anche delle famiglie»

Tra le patologie più importanti della fascia pediatrica ci sono la cataratta congenita e il glaucoma congenito. Anche l’atleta paraolimpica e parlamentare presente all’inaugurazione del centro. L’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera: «Fondamentale collaborazione tra specialisti e strutture diverse e con i Pediatri di base. È proprio grazie ad un approccio multidisciplinare, infatti, che riusciamo a rispondere in modo efficace ai bisogni di cura dei nostri cittadini»

di Federica Bosco

Nasce all’ospedale Niguarda di Milano un centro dedicato alla presa in carico dei bambini affetti da ipovisione. Una patologia che interessa un numero importante di persone che si stima siano in Italia oltre un milione e mezzo. Tra le patologie più importanti della fascia pediatrica ci sono la cataratta congenita e il glaucoma congenito. «Sono situazioni da cui può scaturire una condizione di ipovisione importante, come tutte quelle che si manifestano entro il primo anno di vita indica Elena Piozzi, Direttore dell’Oculistica Pediatrica –  Infatti, più è precoce l’esordio più possono essere gravi le conseguenze per la vista».

Un parto pretermine, sofferenze prenatali e neonatali, anomalie genetiche sono tra le cause principali dell’insorgenza di queste patologie che, nonostante un adeguato trattamento medico e chirurgico, portano a gravi riduzioni visive. Tra le patologie dei piccolissimi rientra anche la retinopatia del prematuro (ROP), che può colpire i bambini nati pretermine, portando a disturbi della vista che richiedono trattamenti specifici e una sorveglianza medica continua. Sono considerati a rischio di retinopatia tutti i prematuri nati sotto le 26 settimane di gestazione oppure di peso inferiore ai 1500g. «Tra i possibili campanelli d’allarme l’incapacità di stabilire un contatto visivo da parte del bambino mentre ad esempio viene allattato dalla mamma – spiega la dottoressa Piozzi – È utile segnalare anche eventuali movimenti insoliti dell’occhio, come ad esempio il nistagmo, che si manifesta con continui scorrimenti rapidi e ripetitivi della pupilla. Un altro possibile campanello d’allerta può essere la fotofobia, che si verifica quando il bambino passa in un ambiente con molta luce e tende a coprirsi il volto o a girarsi perché infastidito».   

Agire precocemente in questi casi è fondamentale per migliorare la qualità di vita dei piccoli e delle loro famiglie. «È con questo obiettivo che nasce oggi al Niguarda un centro dedicato alla presa in carico dei bambini affetti da ipovisione – racconta Marco Bosio, Direttore Generale di Niguarda -. Grazie ad un team multi professionale di specialisti, che comprende oculisti infantili, ortottisti, neuropsichiatri infantili, fisioterapisti e psicologi, l’inquadramento diagnostico-terapeutico e l’intervento riabilitativo vengono strutturati sulle esigenze dei piccoli pazienti». Il percorso per intercettare le patologie visive più gravi inizia subito dopo la nascita con il test del riflesso rosso, un esame di screening utile per indirizzare la diagnosi su possibili casi di cataratta congenita. E poi ci sono i controlli con il pediatra nei primi mesi. Da non trascurare l’importante aiuto che i genitori stessi possono dare nel segnalare condizioni sospette. Fondamentale, quindi, una diagnosi precoce così da attivare percorsi abilitativi che possono favorire l’organizzazione della funzione visiva, anche con riferimento alla plasticità del sistema nervoso nella prima infanzia. «Gli interventi abilitativi personalizzati vengono disegnati per favorire compensi al deficit visivo, prevenire disarmonie dello sviluppo neuro-comportamentale nella sua globalità, supportando l’organizzazione della motricità funzionale, dell’attenzione e dell’interazione spiega Roberto Vaccari, Direttore della Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza-. I programmi coinvolgono direttamente i genitori, anche prevedendo un intervento psicologico clinico di supporto alla loro funzione educativa». 

LEGGI ANCHE: OCULISTICA E OFTALMOLOGIA, NUOVE TERAPIE E STATO ASSISTENZIALE IN ITALIA. IL PUNTO AL CONGRESSO ESASO E AIMO

Oculistica e oftalmologia, nuove terapie e stato assistenziale in Italia. Il punto al Congresso ESASO e AIMO

Il centro di ipovisione ha come asse portante l’attività dell’Oculistica Pediatrica del Niguarda, primo reparto in Lombardia interamente dedicato ai disturbi visivi del bambino dal 1990. Qui ogni anno si effettuano circa 700 interventi chirurgici e più di 20mila prestazioni ambulatoriali con una multidisciplinarietà che coinvolge tutte le specialità pediatriche presenti nel Dipartimento Materno-Infantile.

Ma la collaborazione valica i “confini” del Niguarda per una integrazione con i Centri di Riabilitazione visiva presenti sul territorio. Tutto questo per offrire un percorso assistenziale completo in grado di incidere tempestivamente sulle potenzialità visive e sullo sviluppo globale del bambino.

«Questo centro rappresenta l’esatta fotografia dell’evoluzione del sistema sanitario che stiamo attuando – il commento dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera – ovvero il passaggio dal concetto di “cura” a quello del “prendersi cura della persona», in questo caso dei bambini, in un’alleanza sinergica fra ospedale e territorio. La diagnosi e la cura richiedono tempi, spazi e modalità dedicate oltre che personale competente. E soprattutto una grande collaborazione tra specialisti e strutture diverse e con i Pediatri di base. È proprio grazie ad un approccio multidisciplinare, infatti, che riusciamo a rispondere in modo efficace ai bisogni di cura dei nostri cittadini, assicurando loro l’eccellenza delle prestazioni e la continuità assistenziale di cui necessitano».

Sulla stessa lunghezza d’onda Giusy Versace, atleta paraolimpica e parlamentare di Forza Italia presente all’inaugurazione del centro. «È importante sapere di avere al proprio fianco un team di professionisti che si prendono cura non solo del paziente, ma anche della sua famiglia. Spesso, infatti, anche chi è vicino ad una persona malata, soprattutto quando si tratta di un bambino, è spaventato, confuso e ha bisogno di un sostegno e di speranza per affrontare questa situazione difficile. Gli specialisti, quindi, hanno il compito non solo di assistere e curare i pazienti, ma anche di accompagnare le loro famiglie in questo percorso».

Il centro del Niguarda intende posizionarsi come un hub di collegamento con i centri di riabilitazione visiva sul territorio. In queste sedi spesso il bambino è seguito per periodi intensivi dedicati alla rieducazione, alternati anche da mesi in cui questa attività si sospende ed è importante che anche in questi frangenti il bambino e la sua famiglia continuino ad essere seguiti con controlli mirati per il follow-up.

Articoli correlati
Lombardia, presentate le Regole 2020: assunzioni, rinnovamento ospedali e investimenti su liste d’attesa
Previsti due milioni per l’assistenza domiciliare integrata, tre in più per le cure palliative e novità su telemedicina. Lunedì l’esame in Giunta. Gallera (assessore Welfare): «Interventi specifici nella prevenzione, autismo e neuropsichiatria infantile»
di Federica Bosco
Hello Kitty celebra il compleanno alla Casa pediatrica del Fatebenefratelli Sacco. Bernardo (direttore): «Gioco terapeutico»
Sanrio ha festeggiato questa mattina il compleanno di Hello Kitty con i piccoli degenti della Casa Pediatrica dell’ASST Fatebenefratelli Sacco di Milano. In dono i peluche dell’esclusiva Instagram friendly, realizzata per le celebrazioni che hanno avuto luogo in tutta Europa
di Federica Bosco
Elezione Ordine Psicologi Lombardia: vince la continuità. Bettiga: «In eredità lascio un nuovo progetto: lo psicologo di quartiere»
Rinnovato il consiglio dell’Ordine degli psicologi della Lombardia. Riccardo Bettiga, dopo lascia anni, lascia in eredità molti progetti avviati, come la casa della psicologia ed altri in fase di realizzazione, come lo psicologo di  quartiere
di Federica Bosco
A Milano il primo ospedale ‘rosa’ d’Italia, il Macedonio Melloni: dallo sviluppo puberale alla menopausa, tanti servizi per la salute della donna
La struttura nasce con il supporto di Fondazione Onda, da sempre attenta al tema della medicina di genere. Gallera (Assessore al Welfare Lombardia): «Le donne hanno reazioni diverse ai farmaci, hanno problematiche differenti da quelle degli uomini e se vogliamo curarle ed accompagnarle nel loro percorso di vita in maniera ottimale, dobbiamo mettere in campo misure diverse»
di Federica Bosco
#DestinazioneSanità | Lombardia, come tutelare un’eccellenza: istruzioni per l’uso
La nuova puntata del reportage #DestinazioneSanità, in collaborazione con il sindacato CIMO, è dedicata ad uno dei sistemi sanitari più qualificati d’Europa, quello lombardo. Abbiamo visitato gli ospedali, parlato con i medici e incontrato le istituzioni. Quello che ne è emerso è un quadro in chiaroscuro e un libretto di istruzioni dal titolo: come tutelare un’eccellenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Lavoro

Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»

Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della...