Salute 6 Febbraio 2019

Milano, al Niguarda nasce centro per bambini affetti da ipovisione. Giusy Versace (Forza Italia): «Importante prendersi cura anche delle famiglie»

Tra le patologie più importanti della fascia pediatrica ci sono la cataratta congenita e il glaucoma congenito. Anche l’atleta paraolimpica e parlamentare presente all’inaugurazione del centro. L’assessore al Welfare di Regione Lombardia Giulio Gallera: «Fondamentale collaborazione tra specialisti e strutture diverse e con i Pediatri di base. È proprio grazie ad un approccio multidisciplinare, infatti, che riusciamo a rispondere in modo efficace ai bisogni di cura dei nostri cittadini»

di Federica Bosco

Nasce all’ospedale Niguarda di Milano un centro dedicato alla presa in carico dei bambini affetti da ipovisione. Una patologia che interessa un numero importante di persone che si stima siano in Italia oltre un milione e mezzo. Tra le patologie più importanti della fascia pediatrica ci sono la cataratta congenita e il glaucoma congenito. «Sono situazioni da cui può scaturire una condizione di ipovisione importante, come tutte quelle che si manifestano entro il primo anno di vita indica Elena Piozzi, Direttore dell’Oculistica Pediatrica –  Infatti, più è precoce l’esordio più possono essere gravi le conseguenze per la vista».

Un parto pretermine, sofferenze prenatali e neonatali, anomalie genetiche sono tra le cause principali dell’insorgenza di queste patologie che, nonostante un adeguato trattamento medico e chirurgico, portano a gravi riduzioni visive. Tra le patologie dei piccolissimi rientra anche la retinopatia del prematuro (ROP), che può colpire i bambini nati pretermine, portando a disturbi della vista che richiedono trattamenti specifici e una sorveglianza medica continua. Sono considerati a rischio di retinopatia tutti i prematuri nati sotto le 26 settimane di gestazione oppure di peso inferiore ai 1500g. «Tra i possibili campanelli d’allarme l’incapacità di stabilire un contatto visivo da parte del bambino mentre ad esempio viene allattato dalla mamma – spiega la dottoressa Piozzi – È utile segnalare anche eventuali movimenti insoliti dell’occhio, come ad esempio il nistagmo, che si manifesta con continui scorrimenti rapidi e ripetitivi della pupilla. Un altro possibile campanello d’allerta può essere la fotofobia, che si verifica quando il bambino passa in un ambiente con molta luce e tende a coprirsi il volto o a girarsi perché infastidito».   

Agire precocemente in questi casi è fondamentale per migliorare la qualità di vita dei piccoli e delle loro famiglie. «È con questo obiettivo che nasce oggi al Niguarda un centro dedicato alla presa in carico dei bambini affetti da ipovisione – racconta Marco Bosio, Direttore Generale di Niguarda -. Grazie ad un team multi professionale di specialisti, che comprende oculisti infantili, ortottisti, neuropsichiatri infantili, fisioterapisti e psicologi, l’inquadramento diagnostico-terapeutico e l’intervento riabilitativo vengono strutturati sulle esigenze dei piccoli pazienti». Il percorso per intercettare le patologie visive più gravi inizia subito dopo la nascita con il test del riflesso rosso, un esame di screening utile per indirizzare la diagnosi su possibili casi di cataratta congenita. E poi ci sono i controlli con il pediatra nei primi mesi. Da non trascurare l’importante aiuto che i genitori stessi possono dare nel segnalare condizioni sospette. Fondamentale, quindi, una diagnosi precoce così da attivare percorsi abilitativi che possono favorire l’organizzazione della funzione visiva, anche con riferimento alla plasticità del sistema nervoso nella prima infanzia. «Gli interventi abilitativi personalizzati vengono disegnati per favorire compensi al deficit visivo, prevenire disarmonie dello sviluppo neuro-comportamentale nella sua globalità, supportando l’organizzazione della motricità funzionale, dell’attenzione e dell’interazione spiega Roberto Vaccari, Direttore della Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza-. I programmi coinvolgono direttamente i genitori, anche prevedendo un intervento psicologico clinico di supporto alla loro funzione educativa». 

LEGGI ANCHE: OCULISTICA E OFTALMOLOGIA, NUOVE TERAPIE E STATO ASSISTENZIALE IN ITALIA. IL PUNTO AL CONGRESSO ESASO E AIMO

Oculistica e oftalmologia, nuove terapie e stato assistenziale in Italia. Il punto al Congresso ESASO e AIMO

Il centro di ipovisione ha come asse portante l’attività dell’Oculistica Pediatrica del Niguarda, primo reparto in Lombardia interamente dedicato ai disturbi visivi del bambino dal 1990. Qui ogni anno si effettuano circa 700 interventi chirurgici e più di 20mila prestazioni ambulatoriali con una multidisciplinarietà che coinvolge tutte le specialità pediatriche presenti nel Dipartimento Materno-Infantile.

Ma la collaborazione valica i “confini” del Niguarda per una integrazione con i Centri di Riabilitazione visiva presenti sul territorio. Tutto questo per offrire un percorso assistenziale completo in grado di incidere tempestivamente sulle potenzialità visive e sullo sviluppo globale del bambino.

«Questo centro rappresenta l’esatta fotografia dell’evoluzione del sistema sanitario che stiamo attuando – il commento dell’Assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera – ovvero il passaggio dal concetto di “cura” a quello del “prendersi cura della persona», in questo caso dei bambini, in un’alleanza sinergica fra ospedale e territorio. La diagnosi e la cura richiedono tempi, spazi e modalità dedicate oltre che personale competente. E soprattutto una grande collaborazione tra specialisti e strutture diverse e con i Pediatri di base. È proprio grazie ad un approccio multidisciplinare, infatti, che riusciamo a rispondere in modo efficace ai bisogni di cura dei nostri cittadini, assicurando loro l’eccellenza delle prestazioni e la continuità assistenziale di cui necessitano».

Sulla stessa lunghezza d’onda Giusy Versace, atleta paraolimpica e parlamentare di Forza Italia presente all’inaugurazione del centro. «È importante sapere di avere al proprio fianco un team di professionisti che si prendono cura non solo del paziente, ma anche della sua famiglia. Spesso, infatti, anche chi è vicino ad una persona malata, soprattutto quando si tratta di un bambino, è spaventato, confuso e ha bisogno di un sostegno e di speranza per affrontare questa situazione difficile. Gli specialisti, quindi, hanno il compito non solo di assistere e curare i pazienti, ma anche di accompagnare le loro famiglie in questo percorso».

Il centro del Niguarda intende posizionarsi come un hub di collegamento con i centri di riabilitazione visiva sul territorio. In queste sedi spesso il bambino è seguito per periodi intensivi dedicati alla rieducazione, alternati anche da mesi in cui questa attività si sospende ed è importante che anche in questi frangenti il bambino e la sua famiglia continuino ad essere seguiti con controlli mirati per il follow-up.

Articoli correlati
Dotto di Botallo, al Niguarda i primi interventi su neonati prematuri per chiuderlo con procedura mininvasiva
Il dottor Vignati, responsabile della Cardiologia Pediatrica dell'ospedale: «Introducendo un sondino nella vena della gamba chiudiamo il dotto di Botallo nei neonati prematuri, evitando problematiche importanti a livello cardiocircolatorio e respiratorio»
di Federica Bosco
Farmaci generici, Gallera (Ass. Welfare Lombardia): «Ampliare numero persone che ne fanno uso»
«Tenere insieme un sistema universalistico è ambizioso - spiega l’assessore Giulio Gallera -. Tutte le azioni che riescono a garantire economie di scala e recupero delle risorse sono necessarie» 
“Salute, donne e screening”, il workshop al Politecnico di Milano
Una visione della salute e della sanità basata sulla prevenzione è oggi requisito fondamentale per qualsiasi attività seria e lungimirante di politica sanitaria. Sulla prevenzione e sugli screening si trovano oggi a rapportarsi in modo nuovo i cittadini e i medici, le strutture di cura e le istituzioni, i media e le associazioni di pazienti, […]
Carenza medici di famiglia, l’assessore Gallera (Lombardia): «Stiamo lavorando a 350 nuove borse di formazione per il 2019»
Inoltre la figura del medico di medicina generale è stata messa al centro del progetto di gestione delle cronicità attraverso le cooperative di medici. «Un modo per valorizzare la figura del medico di medicina generale che non può essere solo colui che sta in studio», spiega in un’intervista l’assessore al Welfare di Regione Lombardia, Giulio Gallera
Contenzioso medico-paziente, Rossi (OMCeO Milano): «Patient satisfaction? Se c’è certificazione allora può aiutare»
«Nessuno deve poter pensare che i dati possono essere in qualche modo drogati», spiega il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, Roberto Carlo Rossi. La soluzione è stata proposta da Consulcesi durante l'evento milanese “Responsabilità professionale e arbitrato della salute”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone