Salute 5 Maggio 2015

Dossier Ebola

Ora il virus cambia forma: vietato abbassare la guardia

Immagine articolo

Il virus Ebola sta mutando. Per questo diventa sempre più difficile da riconoscere e, dunque, da affrontare con tempestività. Lo rivela Nicola Petrosillo, direttore dell’Unità Operativa Complessa infezioni sistemiche dell’Istituto Nazionale per le malattie infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma.

“La portata del virus – spiega Petrosillo, che ha fatto parte del team dello Spallanzani che ha curato Fabrizio Pulvirenti, il medico di Emergency guarito dal virus contratto in Sierra Leone alcuni mesi fa – si sta riducendo nell’Africa Occidentale e si spera che finisca, ma ci sono ancora alcuni focolai. La cosa emersa da diversi studi è che, con l’evolversi dell’epidemia, è cambiata la presentazione clinica del virus: non è mutato sostanzialmente ma nel 15% dei casi si presenta senza febbre”.

Siamo dunque ancora lontani – ad oltre un anno di distanza dallo scoppio dell’epidemia – da una soluzione definitiva del problema. “Non ci sono cure efficaci – continua Petrosillo – e siamo in attesa del vaccino. Si è parlato di terapie sperimentali con anticorpi monoclonali, del siero di convalescente, di antivirali. Ci sono varie sperimentazioni, ma tutto dipende dall’evolversi dell’epidemia”. Le previsioni più ottimistiche indicano il 2016 come l’anno in cui finalmente la ricerca scientifica porterà a qualche risultato tangibile. Fino ad allora solo preparazione e formazione continua possono assicurare agli operatori sanitari alti livelli di prevenzione, diagnosi e trattamento.

Il virus non è dunque stato debellato e – si è visto negli ultimi anni – i focolai si riaccendono ciclicamente tornando a mietere tantissime vittime. È successo in passato e, purtroppo, succederà in futuro. L’attenzione del mondo è ancora alta. Lo dimostra il primo premio dato al fotoreporter Pete Muller come World Press Photo dell’anno – e in questi giorni in mostra al Museo di Roma in Trastevere – per il reportage su Ebola in Sierra Leone.

D’altra parte, l’esperienza maturata con Ebola può essere usata come modello da seguire per future epidemie simili. È per questi motivi che tutto si può fare in questo momento meno che abbassare la guardia. Specialmente ora che, a quanto pare, il virus sta cambiando faccia rendendo, sottolinea ancora il medico dello Spallanzani, più “complesso il riconoscimento da parte dello specialista”. Si tratta di un “aspetto fondamentale, perché se non si riconosce il virus, diventa più difficile fare un’adeguata terapia o isolare il paziente ed evitare che si diffonda il microrganismo”.

Articoli correlati
Ebola, non si arresta epidemia in Congo. Dalla UE altri 5 milioni di euro per fronteggiare la crisi
L’ebola continua a mietere vittime in Congo e per aiutare la nazione africana si muove l’Ue che sta intensificando l’aiuto umanitario con altri 5 milioni di euro. Il numero di morti confermate dell’epidemia è attualmente di oltre mille persone. Con l’annuncio odierno, il finanziamento totale dell’UE per affrontare la malattia nel paese ammonta a 17 […]
Epidemia morbillo a New York, parla il direttore dell’Istituto USA malattie infettive: «No ad esenzione vaccini per ragioni ‘filosofiche’»
ESCLUSIVA | Le interviste di Sanità Informazione al NYC Department of Health e al direttore del National Institute for Allergy and Infectious Diseases Anthony Fauci, che dichiara: «Il morbillo è una malattia molto pericolosa. Prima del vaccino causava la morte di 2-3 milioni di persone l’anno in tutto il mondo. Le autorità devono far capire meglio alla popolazione che i vaccini sono sicuri ed efficaci in modo che si sottoponga volontariamente alla profilassi»
L’ultimo articolo di Fernando Aiuti: «Vi spiego perché i vaccini sono sicuri. Senza di loro non avremmo mai sconfitto molte malattie infettive»
Ecco l’ultimo scritto dell’immunologo di fama mondiale pubblicato sull’Italian Journal of Prevention, Diagnostic and Therapeutic Medicine: «Il problema fondamentale è sostenere che il rischio beneficio è centinaia di volte a favore dei vaccini rispetto alla malattia. Inoltre è essenziale indicare alla popolazione le evidenze scientifiche»
di Fernando Aiuti
Meningite, primi casi del 2019. Andreoni (Tor Vergata e Simit): «Profilassi indicata per bambini e fasce a rischio. Per gli adulti? Dipende…»
Si riaccende l’attenzione sulla Toscana per un caso di meningococco B. Anche all’Aquila un ricovero. L’intervista a Massimo Andreoni, responsabile Malattie infettive di Tor Vergata e past president del SIMIT
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano