Salute 14 Dicembre 2021 13:07

Covid, Speranza: «Massima cautela, in Cdm ulteriori scelte. Vaccino ai bambini non è materia da talk show»

Le prenotazioni ai più piccoli inizieranno giovedì, domani v-day nel Lazio. Il ministro invita ad affidarsi ai pediatri per fare una scelta così delicata: «Non è una materia da talk show televisivi o che può essere delegata ai social network o alle discussioni che si fanno la mattina nei bar»

Covid, Speranza: «Massima cautela, in Cdm ulteriori scelte. Vaccino ai bambini non è materia da talk show»

«Stiamo vivendo un momento davvero cruciale della storia del nostro SSN. E abbiamo due sfide da vincere. Una è quella di aprire una stagione di riforme ma la prima non può che essere ancora la gestione del Covid». Il ministro Roberto Speranza, intervenuto al seminarioLa casa come primo luogo di cura del cittadino. L’accreditamento delle cure palliative e delle Reti di cure palliative” promosso dal Ministero della Salute, ha parlato di due partite da vincere.

Speranza: «Numeri in crescita costante, epidemia problema reale e concreto»

La prima riguarda ancora la pandemia: «Sono ore non semplici – ha detto -, è convocato per oggi un Consiglio dei Ministri in cui probabilmente ci saranno ulteriori scelte relative all’emergenza che è ancora in corso in questo Paese». Il Ministro ha puntualizzato che pensare al Covid come qualcosa che concerne il passato è un errore, anzi «sarebbe un’illusione» visti i numeri che arrivano dalla maggior parte dei paesi europei e del mondo ma anche dalle nostre Regioni. «Sono numeri in crescita ormai costante da diverse e numerose settimane – ha proseguito il Ministro –, ci segnalano un’epidemia che continua a essere un problema molto reale e concreto con cui fare i conti».

«Cure a casa chiave della riforma, superare tetto del personale»

Speranza si è poi focalizzato sulla seconda, il focus del seminario: la riorganizzazione delle cure domiciliari e i modelli di presa in carico personalizzati per le persone fragili con patologie croniche e, a volte, bisognose di cure palliative. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza identifica nella casa il luogo privilegiato di cura ed assistenza per i malati in condizioni di fragilità, anche estreme, e per le loro famiglie.

«La prossimità per me è la parola chiave della riforma che verrà avviata con il Pnrr – ha precisato il Ministro -. Un SSN che va dalle persone e non che deve essere inseguito dal cittadino». Quattro miliardi per potenziare l’assistenza domiciliare: «Vogliamo diventare il primo Paese d’Europa per assistenza domiciliare alle persone sopra i 65 anni, arrivare al 10% passando in poco tempo da due punti sotto la media Ocse a 4 sopra». Per raggiungere l’ambizioso traguardo sono necessari «processi di riforma significativi, un rafforzamento della nostra rete di assistenza domiciliare e un intervento sulla grande questione del personale. In merito ai tetti, si deve superare il modello attuale che è figlio di una stagione che non c’è più».

«Ci sono le condizioni per aprire un tempo nuovo in sanità»

Oggi, ha assicurato il Ministro, «ci sono le condizioni per aprire un tempo nuovo. La stagione dei tagli è alle spalle». Le risorse del Pnrr sono solo il punto di partenza: «Abbiamo 20 miliardi a disposizione del nostro SSN che si sommano alle risorse ordinarie – ha aggiunto -, in legge di bilancio ci sono 124 miliardi per il SSN e ci impegniamo ad arrivare a 126 nel 2023 e a 128 nel 2024 con un salto che non si era mai visto». Dal seminario è emerso il bisogno di riformare il territorio per rispondere ai nuovi bisogni dei cittadini, con il coinvolgimento di medici e infermieri di famiglia, implementando le strutture residenziali ed il sistema di cure domiciliari e palliative.

«Nelle ultime due settimane 450mila persone hanno deciso di fare la prima dose»

Sul fronte vaccinazioni, il Ministro ha comunicato gli ultimi dati su booster e prime dosi che ha definito molto «incoraggianti e positivi» anche per le prenotazioni dei più piccoli che inizieranno a partire da giovedì. «Venerdì scorso siamo arrivati a 550mila, sono ottimista, cresceremo ancora nei prossimi giorni. Nelle ultime due settimane 450mila persone hanno deciso di fare la prima dose», ha aggiunto ricordando che in Italia sono ormai state somministrate «oltre 100 milioni di dosi in meno di 12 mesi». Speranza ha precisato che i booster del vaccino anti-Covid sono essenziali per le nuove varianti perché consentono di avere uno scudo ancora più forte così come «l’utilizzo corretto delle mascherine, strumento fondamentale della nostra strategia di contrasto al virus».

«Vaccino ai bambini non è materia da talk show televisivi o social network. Fidarsi dei pediatri»

E in merito al vaccino anti-Covid per la fascia pediatrica, Speranza si esprime con chiarezza: «Su una scelta così delicata dobbiamo fidarci dei nostri pediatri. Abbiamo in Italia alcuni dei migliori del mondo. Non è una materia che può essere delegata ai social network o alle discussioni che si fanno la mattina nei bar – ha sottolineato con convinzione -, non è materia da talk show televisivi. Affidiamoci a chi ha dedicato tutta la propria vita ed esperienza professionale alle persone di cui stiamo discutendo, cioè ai nostri figli».

V-day pediatrico al via nel Lazio

Le prime somministrazioni del V-Day pediatrico nel Lazio inizieranno domani all’Istituto Spallanzani e in altri hub. «Il reclutamento per la giornata del V-Day lo stanno curando i pediatri, dando priorità alle categorie più fragili», ha precisato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, guerra sui conteggi dei positivi in ospedale. Braccio di ferro tra medici e Regioni
Le Regioni chiedono di rivedere il sistema di conteggio dei casi positivi in ospedale, mentre i medici vogliono lasciare invariati i bollettini. In discussione c'è anche il sistema dei colori delle Regioni e la comunicazione dei dati sui contagi al pubblico. Attesa la decisione del Ministero della Salute
Vaccini, tra obblighi e consenso informato
di Avvocato Maurizio Hazan
di Avvocato Maurizio Hazan
Generazione Covid, l’impatto della pandemia sui “figli del lockdown”
Mele (SIMPE): «I bisogni del singolo si trasformano in bisogni della collettività, rimodulare l’assistenza pediatrica»
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Caso Zitromax, Aifa: «Non esistono antibiotici efficaci per il Covid-19»
Dopo il grande clamore suscitato dalla carenza dell’Azitromicina e la segnalazione di Federfarma, arriva la risposta dell’Agenzia Italiana del Farmaco: «Carenza causata da prescrizione del farmaco al di fuori delle indicazioni previste»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 gennaio, sono 328.127.717 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.539.717 i decessi. Ad oggi, oltre 9,62 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre