Salute 14 Dicembre 2021 13:07

Covid, Speranza: «Massima cautela, in Cdm ulteriori scelte. Vaccino ai bambini non è materia da talk show»

Le prenotazioni ai più piccoli inizieranno giovedì, domani v-day nel Lazio. Il ministro invita ad affidarsi ai pediatri per fare una scelta così delicata: «Non è una materia da talk show televisivi o che può essere delegata ai social network o alle discussioni che si fanno la mattina nei bar»

Covid, Speranza: «Massima cautela, in Cdm ulteriori scelte. Vaccino ai bambini non è materia da talk show»

«Stiamo vivendo un momento davvero cruciale della storia del nostro SSN. E abbiamo due sfide da vincere. Una è quella di aprire una stagione di riforme ma la prima non può che essere ancora la gestione del Covid». Il ministro Roberto Speranza, intervenuto al seminarioLa casa come primo luogo di cura del cittadino. L’accreditamento delle cure palliative e delle Reti di cure palliative” promosso dal Ministero della Salute, ha parlato di due partite da vincere.

Speranza: «Numeri in crescita costante, epidemia problema reale e concreto»

La prima riguarda ancora la pandemia: «Sono ore non semplici – ha detto -, è convocato per oggi un Consiglio dei Ministri in cui probabilmente ci saranno ulteriori scelte relative all’emergenza che è ancora in corso in questo Paese». Il Ministro ha puntualizzato che pensare al Covid come qualcosa che concerne il passato è un errore, anzi «sarebbe un’illusione» visti i numeri che arrivano dalla maggior parte dei paesi europei e del mondo ma anche dalle nostre Regioni. «Sono numeri in crescita ormai costante da diverse e numerose settimane – ha proseguito il Ministro –, ci segnalano un’epidemia che continua a essere un problema molto reale e concreto con cui fare i conti».

«Cure a casa chiave della riforma, superare tetto del personale»

Speranza si è poi focalizzato sulla seconda, il focus del seminario: la riorganizzazione delle cure domiciliari e i modelli di presa in carico personalizzati per le persone fragili con patologie croniche e, a volte, bisognose di cure palliative. Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza identifica nella casa il luogo privilegiato di cura ed assistenza per i malati in condizioni di fragilità, anche estreme, e per le loro famiglie.

«La prossimità per me è la parola chiave della riforma che verrà avviata con il Pnrr – ha precisato il Ministro -. Un SSN che va dalle persone e non che deve essere inseguito dal cittadino». Quattro miliardi per potenziare l’assistenza domiciliare: «Vogliamo diventare il primo Paese d’Europa per assistenza domiciliare alle persone sopra i 65 anni, arrivare al 10% passando in poco tempo da due punti sotto la media Ocse a 4 sopra». Per raggiungere l’ambizioso traguardo sono necessari «processi di riforma significativi, un rafforzamento della nostra rete di assistenza domiciliare e un intervento sulla grande questione del personale. In merito ai tetti, si deve superare il modello attuale che è figlio di una stagione che non c’è più».

«Ci sono le condizioni per aprire un tempo nuovo in sanità»

Oggi, ha assicurato il Ministro, «ci sono le condizioni per aprire un tempo nuovo. La stagione dei tagli è alle spalle». Le risorse del Pnrr sono solo il punto di partenza: «Abbiamo 20 miliardi a disposizione del nostro SSN che si sommano alle risorse ordinarie – ha aggiunto -, in legge di bilancio ci sono 124 miliardi per il SSN e ci impegniamo ad arrivare a 126 nel 2023 e a 128 nel 2024 con un salto che non si era mai visto». Dal seminario è emerso il bisogno di riformare il territorio per rispondere ai nuovi bisogni dei cittadini, con il coinvolgimento di medici e infermieri di famiglia, implementando le strutture residenziali ed il sistema di cure domiciliari e palliative.

«Nelle ultime due settimane 450mila persone hanno deciso di fare la prima dose»

Sul fronte vaccinazioni, il Ministro ha comunicato gli ultimi dati su booster e prime dosi che ha definito molto «incoraggianti e positivi» anche per le prenotazioni dei più piccoli che inizieranno a partire da giovedì. «Venerdì scorso siamo arrivati a 550mila, sono ottimista, cresceremo ancora nei prossimi giorni. Nelle ultime due settimane 450mila persone hanno deciso di fare la prima dose», ha aggiunto ricordando che in Italia sono ormai state somministrate «oltre 100 milioni di dosi in meno di 12 mesi». Speranza ha precisato che i booster del vaccino anti-Covid sono essenziali per le nuove varianti perché consentono di avere uno scudo ancora più forte così come «l’utilizzo corretto delle mascherine, strumento fondamentale della nostra strategia di contrasto al virus».

«Vaccino ai bambini non è materia da talk show televisivi o social network. Fidarsi dei pediatri»

E in merito al vaccino anti-Covid per la fascia pediatrica, Speranza si esprime con chiarezza: «Su una scelta così delicata dobbiamo fidarci dei nostri pediatri. Abbiamo in Italia alcuni dei migliori del mondo. Non è una materia che può essere delegata ai social network o alle discussioni che si fanno la mattina nei bar – ha sottolineato con convinzione -, non è materia da talk show televisivi. Affidiamoci a chi ha dedicato tutta la propria vita ed esperienza professionale alle persone di cui stiamo discutendo, cioè ai nostri figli».

V-day pediatrico al via nel Lazio

Le prime somministrazioni del V-Day pediatrico nel Lazio inizieranno domani all’Istituto Spallanzani e in altri hub. «Il reclutamento per la giornata del V-Day lo stanno curando i pediatri, dando priorità alle categorie più fragili», ha precisato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ricoveri ospedalieri, gli standard assistenziali sono stati rispettati con la pandemia? Il confronto tra 2020 e 2019
In base a un'indagine di www.doveecomemicuro.it nel 2020 è calata, per molti indicatori, la percentuale di ospedali in linea con le soglie minime di volume di attività fissate dalle autorità ministeriali: una conseguenza del crollo dei ricoveri dovuto alla pandemia da Covid-19
Long Covid, dopo 12 mesi crescono solo i sintomi psichiatrici
Uno studio tutto italiano condotto per 12 mesi denuncia un aumento dei sintomi psichiatrici. La Sinpf denuncia «una situazione difficilissima per la psichiatria italiana alle prese con un drammatico calo di risorse, strutture, personale e completamente dimenticata dal PNRR»
Dall’intelligenza artificiale alla radiologia interventistica: è nell’hi-tech il futuro della Radiologia Medica
Il Congresso si svolgerà dal 6 all’8 ottobre presso il “Roma Convention Center - La Nuvola”. Miele (SIRM): «La tecnologia non sostituisce mai, e in alcun modo, l’operato del medico radiologo. Nello specifico l’intelligenza artificiale aiuta lo specialista ad essere più preciso e lo supporta nel processo decisionale, dall’elaborazione della prognosi alla predisposizione dell’intervento terapeutico»
PNRR e nuove sfide in sanità: la centralità del ruolo dell’infermiere
«Le risorse in arrivo con il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza comportano una serie di sfide che dobbiamo affrontare nell’ottica di una nuova, organizzata ed efficiente integrazione socio-sanitaria. Integrazione che non è poi così scontata»
di Barbara Mangiacavalli (Presidente Fnopi)
Attuazione PNRR, edilizia sanitaria, distribuzione farmaci e dispositivi medici: i progetti di Soresa
Sanità Informazione ha chiesto al Direttore acquisti, Nadia Ruffini, quali sono i progetti in cantiere.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 ottobre 2022, sono 619.806.972 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.552.302 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi