Salute 7 Dicembre 2021 13:19

OMS Europa avverte: «Per fine settimana 1 persona su 10 in Asia ed Europa sarà positiva a Covid»

Kluge (OMS) ha voluto ribadire: «L’obbligo vaccinale è l’ultima risorsa assoluta ed è attuabile solo quando tutte le altre opzioni possibili per migliorare la copertura vaccinale sono state esaurite»

OMS Europa avverte: «Per fine settimana 1 persona su 10 in Asia ed Europa sarà positiva a Covid»

L’allarme dell’OMS Europa lanciato quattro settimane fa pesa sempre più come un avvertimento: mezzo milione di morti Covid entro i primi mesi del 2022 se non si implementeranno interventi e azioni urgenti. In un mese altri 120mila hanno perso la vita per il virus, a fronte di 10 milioni di nuovi casi. Il direttore regionale Hans Kluge ha ricordato in conferenza stampa che entro fine settimana una persona su 10 in Asia o Europa risulterà positivo a Covid-19.

«Mentre la fine dell’anno e le feste natalizie si avvicinano, i decessi dovuti a Covid-19 hanno raggiunto un elevato plateau – ha avvertito Kluge – circa 4.100 morti al giorno, il doppio rispetto ai 2.100 di fine settembre. Il totale delle vittime ha superato 1,5 milioni in 53 Paesi nella nostra Regione appena 2 settimane fa».

No alla vaccinazione obbligatoria

La grande certezza è che la vaccinazione obbligatoria debba essere l’ultima spiaggia. Così ha ribadito Kluge: «L’obbligo vaccinale è l’ultima risorsa assoluta ed è attuabile solo quando tutte le altre opzioni possibili per migliorare la copertura vaccinale sono state esaurite». Specie perché al momento gli incrementi maggiori sono nella fascia di età tra 5 e 14 anni con un’incidenza di 2 o 3 volte maggiore rispetto alla popolazione media.

Attenzione ai più piccoli

Solo di recente la vaccinazione per i più piccoli è stata approvata dall’Agenzia europea del Farmaco e dunque l’avvio della campagna sta lentamente svolgendosi negli Stati membri. Mentre il resto della popolazione ha una percentuale molto più elevata di vaccinati con seconda dose e, in molti casi, già con dose booster. La circolazione del virus si concentra dunque tra i minori e, con i grandi numeri, colpisce anche maggiormente bambini con fragilità in cui la malattia si esprime nei modi più gravi. Per frenare questo impatto i vaccini e la protezione esterna sono gli unici mezzi. Se l’anno scorso l’invito per Natale era fare attenzione ai nonni, ora la raccomandazione è rivolta anche alla protezione dei nipoti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
OMS: «Distribuzione vaccini sia equa o pandemia proseguirà con danni economici per tutti»
Il direttore regionale Hans Kluge parla di un rallentamento dell'epidemia in Europa e invita i Paesi ad allearsi per distribuire equamente il vaccino. Non farlo significherebbe ulteriori perdite sia umane che economiche
Oms, Kluge: «In 10 giorni da 6 a 7 milioni di casi in Europa. Ma non è come a marzo»
Anche se si tornasse al lockdown, non sarebbe quello di sei mesi fa. Il direttore della regione Europea Oms parla di aumento esponenziale dei casi, ma mortalità ancora bassa
Le misure per la scuola nella dichiarazione congiunta Speranza/Oms
Igiene, mascherine e distanziamento al centro di una scuola sicura e politiche ad hoc per insegnanti e alunni fragili. Didattica a distanza pronta ad integrare. La dichiarazione congiunta Speranza/Oms
Coronavirus, OMS: «Metà dei morti in Europa ospiti di RSA»
Hans Kluge (Direttore regionale dell'Organizzazione Mondiale della Sanità per l'Europa): «Tragedia umana inimmaginabile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi