Salute 18 Giugno 2021 18:21

Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla

Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1

Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla

Continua il calo nell’incidenza settimanale: tra il 7 e il 13 giugno sono stati trovati 19 casi di contagio da Covid-19 per 100mila abitanti contro i 26 per 100mila abitanti del periodo 31 maggio – 6 giugno. L’incidenza è inoltre sotto il valore di 50 per 100mila abitanti ogni 7 giorni in tutto il territorio. È quanto evidenzia il report realizzato dall’Istituto Superiore di Sanità (ISS) e dal Ministero della Salute sul monitoraggio Covid-19 in Italia. «La campagna vaccinale progredisce velocemente – si può leggere nel documento – e l’incidenza è a un livello che permetterebbe il contenimento dei nuovi casi».

Tutte le Regioni e province autonome sono classificate a rischio basso tranne tre: Basilicata, Friuli-Venezia Giulia e Molise, che invece sono a rischio moderato. Tutte le Regioni e province autonome hanno inoltre un Rt compatibile con uno scenario di tipo 1. Alla luce di questi dati, a partire da lunedì 21 giugno le Regioni Basilicata, Calabria, Campania, Marche, Toscana, Sicilia e la provincia autonoma di Bolzano passano in area bianca. Resta gialla solo la Valle d’Aosta.

Pressione su ospedali sotto soglia critica in tutte le Regioni

La pressione sui servizi ospedalieri «si conferma al di sotto della soglia critica in tutte le Regioni e province autonome e la stima dell’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stabilmente al di sotto della soglia epidemica». Nessuna Regione o provincia autonoma supera la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica: «Il tasso di occupazione in terapia intensiva è 6%, sotto la soglia critica, con una diminuzione nel numero di persone ricoverate che passa da 688 a 504. Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale – si può ancora leggere – scende ulteriormente (6%)». Il numero di persone ricoverate in queste aree passa da 4.685 a 3.333.

«Rischio varianti richiede tracciamento capillare e sequenziamento»

«La circolazione di varianti che possono avere una maggiore trasmissibilità o eludere parzialmente la risposta immunitaria, che ha portato ad un inatteso aumento dei casi in paesi europei con alta copertura vaccinale, richiede un capillare tracciamento e sequenziamento dei casi», suggeriscono gli esperti. «Il raggiungimento di una elevata copertura vaccinale ed il completamento dei cicli di vaccinazione rappresenta uno strumento indispensabile ai fini della prevenzione di ulteriori recrudescenze di episodi pandemici», sottolineano.

Brusaferro (ISS): «Sempre più comuni senza casi nelle ultime settimane»

«C’è una continua decrescita dei nuovi casi un po’ in tutte le Regioni. La mappa dell’Italia si sta progressivamente schiarendo perché cominciano a essere numerosi i Comuni dove non ci sono stati casi nelle ultime settimane. E questo diventa un elemento importante anche per la circolazione del virus». Lo ha detto il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio regionale Covid-19 della Cabina di regia.

«Al crescere della copertura vaccinale – ha spiegato ancora – c’è marcatamente una decrescita dei nuovi casi in tutte le varie età, e questo si conferma anche per le fasce d’età più giovani». Come coperture, «sugli ultraottantenni abbiamo raggiunto ormai una soglia molto elevata anche con la seconda dose, siamo oltre il 90%, ma anche la fascia 50-59 ha superato abbondantemente il 60% e il ciclo vaccinale completo sta crescendo un po’ in tutte le fasce d’età. È un fatto positivo che dobbiamo incrementare il più rapidamente possibile».

Rezza: «Il 10% di italiani rifiuta mix vaccini? Se il rischio è protezione parziale, valuteremo»

«Quello che al momento tutti ribadiscono, dall’AIFA al Cts, è che la forte raccomandazione è di passare a un regime misto con un vaccino a mRna», negli under 60 vaccinati alla prima dose con AstraZeneca. «Si è deciso di passare a un regime combinato per dare un doppio vantaggio – ha spiegato il direttore generale della Prevenzione del ministero della Salute, Gianni Rezza, durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del Monitoraggio regionale Covid-19 della Cabina di Regia –. Ora è chiaro che c’è un certo numero di persone, che non quantizzo ma si tratta di un dato aneddotico intorno al 10%, che sembrerebbe voler completare il ciclo con lo stesso vaccino con cui aveva cominciato. Questo è il nodo cruciale: da una parte rimane la raccomandazione forte al regime misto, dall’altro bisogna vedere se, comportando il rifiuto di una seconda dose un ciclo incompleto, piuttosto non sia meglio vaccinare comunque con lo stesso prodotto. Credo che nel giro di poco si scioglierà questo quesito».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: Iss, via a indagine nazionale sull’impatto della pandemia nelle case di riposo
Il Reparto di Promozione e Valutazione di Prevenzione delle Malattie Croniche del CNaPPS, dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con il Garante Nazionale dei diritti delle persone private della libertà personale, si propone di condurre un’indagine nazionale sull’impatto della pandemia da Covid-19 nelle case di riposo
di Redazione
Iss: dipendenza da Internet, ecco a chi rivolgersi. Sono 102 i centri in Italia
In Italia ci sono 102 centri che si occupano di dipendenza da Internet, il 65% dei quali si trovano al Nord. Questo è quanto si evince dalla prima mappa geolocalizzata interattiva, aggiornata dall’Istituto superiore di sanità (Iss). Realizzata dal Centro Nazionale Dipendenze e Doping dell’Iss, conta 3.667 utenti presi in carico soprattutto tra i 15 […]
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Tecnico o politico? Il parere degli apicali della Sanità sul nuovo ministro
Da Anelli della Fnomceo a Oliveti dell'Enpam, da Scotti della Fimmg a di Silverio di Anaao Assomed fino all'attuale ministro della Salute Speranza. Gli specialisti della sanità rivelano quale sia la figura più giusta che dovrà guidare la sanità italiana nel prossimo Governo
Iss: repentino aumento dei contagi, ora 5 Regioni a «rischio alto»
Alla vigilia della scadenza dell'obbligo delle mascherine anche sui trasporti, i nuovi dati del monitoraggio settimanale indicano un aumento repentino dei contagi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.