Salute 1 Dicembre 2020 12:01

Covid, Gallina (Ue): «Vaccini saranno gratuiti, obbligatorietà può ritorcersi contro. Sicurezza primo criterio»

Il Direttore generale per la salute e la sicurezza alimentare della Commissione europea, Sandra Gallina, in audizione al Senato, spiega: «Non ci sarà nessuno che farà da cavia: destineremo 12-15 milioni di euro al monitoraggio, a cura dell’EMA, di ogni evento avverso». E poi rassicura: «Non è vero che ci vogliono 10 anni per fare un vaccino»

Covid, Gallina (Ue): «Vaccini saranno gratuiti, obbligatorietà può ritorcersi contro. Sicurezza primo criterio»

«I vaccini sono una cosa molto emotiva. Noi come Unione europea non pensiamo necessariamente che l’obbligatorietà sia una buona idea, perché alle fine questo si ritorce contro». Parola di Sandra Gallina, Direttore generale per la salute e la sicurezza alimentare della Commissione europea, in audizione in videoconferenza con le commissioni Sanità e Politiche Ue del Senato, a proposito delle politiche di competenza della Direzione, con particolare riferimento alla questione dei vaccini anti Covid-19.

Sicurezza cruciale per Ue

Gallina ha parlato a lungo delle strategie vaccinali dell’Unione europea contro il Covid-19: «Tutti gli Stati membri avranno un accesso uguale a tutti i vaccini, e saranno gratuiti, perché il vaccino è stato interpretato come un bene comune». Gallina ha poi rassicurato: «Non ci sarà nessuno che farà da cavia: destineremo 12-15 milioni di euro al monitoraggio, a cura dell’EMA, di ogni evento avverso».

Il primo punto su cui ha puntato la Commissione europea è la sicurezza: «Se ci sono danni le case farmaceutiche dovranno provvedere, la responsabilità è in capo alle case farmaceutiche. È stato un punto non facile da trattare e che mi ha tolto un po’ di sonno» racconta Gallina che poi spiega: «Abbiamo un comitato scientifico formato da personalità indipendenti. Sappiamo quali sono i dieci migliori vaccini. Per noi il primo criterio è la sicurezza, poi l’efficacia e il prezzo. Noi abbiamo pagato i nostri vaccini il giusto, mediamente un terzo degli americani. Non avevamo troppi soldi e non potevamo spendere più di 15 euro a dose. Inutile negarlo, c’è anche un discorso economico nei vaccini».

I vaccini in campo

Il Direttore generale per la salute e la sicurezza alimentare della Commissione europea ha poi fatto un excursus sui vaccini selezionati: su 165 vaccini in campo ne sono stati scelti dieci: «Ci siamo dotati di un portafoglio di tre tecnologie, forse ne avremo una quarta che è la più antica. Una tecnologia è quella solita del virus influenzale ed è quella della Sanofi. Arriverà nella seconda metà del prossimo anno. Poi abbiamo due nuove tecnologie: una basata sugli adenovirus (Johnson e Johnson e Astrazeneca) e l’altra con il messaggero RNA (BioNTech, Moderna e CureVac)».

«Siamo come di fronte alla candela e alla lampadina, tutti e due fanno luce ma il futuro dei vaccini potrebbe essere con la tecnologia a mRNA. Quanto durerà l’immunizzazione di questi vaccini però ancora non si sa», spiega Gallina.

Quelli più difficili da conservare (richiedono una temperatura di -70 gradi) sono CureVac e BioNTech, mentre Sanofi e Johnson e Johnson avranno meno complicazioni da questo punto di vista.

«Circolano voci secondo cui ci vogliono dieci anni per fare un vaccino: non è vero e lo ha detto anche Anthony Fauci. Il vaccino è un investimento rischioso e le case farmaceutiche difficilmente si imbarcano in queste imprese: per questo UE ha pagato il fattore rischio iniziale».

Infine, una considerazione su che percentuale di popolazione dev’essere vaccinata per avere dei risultati concreti: «L’Oms ha detto che per cominciare bisogna avere un 30% della popolazione vaccinata. Ma la Germania vuole vaccinare il 100% della popolazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Report Gimbe: variante Omicron spaventa, +54% di terze dosi e +34% di prime
Sono 630 i ricoveri in più in area medica e 123 quelli in terapia intensiva questa settimana, aumentano anche le morti (498). Quasi l'80% della popolazione ha ricevuto almeno una dose ma restano 6,8 milioni di persone senza copertura, di cui 2,6 sono over 50
In Austria entra in vigore il “lockdown dei non vaccinati”
Vietato l'ingresso in ristoranti, alberghi, palestre, parrucchieri e attività ludiche. Limitazioni al via a dicembre dopo una fase di transizione che prevede il tampone come lasciapassare. Solo il 62% degli austriaci è vaccinato
La Cina comincia a vaccinare contro Covid-19 i bambini dai 3 anni in su
Dopo l'approvazione di giugno, la Cina ha deciso di dare inizio alla campagna di vaccinazione per i bambini dai 3 anni in su, la misura si aggiunge a tutte quelle implementate dal paese per ridurre a zero i contagi da Covid. Ad oggi i vaccinati sono il 76%
La campagna vaccinale punta alle donne incinte. Migliore (Fiaso) «Iniziative in tutte Italia per intercettare attraverso i ginecologi»
Sportelli informativi nei reparti di Ostetricia, hub vaccinali e open day dedicati alle future mamme, counseling telefonico per le donne in gravidanza, opuscoli distribuiti nei reparti e punti rosa con specialisti a disposizione. Sono le iniziative messe in campo dalle Aziende sanitarie pubbliche per promuovere la vaccinazione contro il Covid-19 tra le donne incinte ancora […]
«Dottore’, li convinco io a vaccinarsi». Come ho riscoperto l’importanza della comunità
di F.D.N, Dirigente medico di organizzazione servizi sanitari di base e vaccinatrice
di F.D.N, Dirigente medico di organizzazione servizi sanitari di base e vaccinatrice
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 dicembre, sono 266.517.100 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.263.777 i decessi. Ad oggi, oltre 8,22 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...