Salute 1 Dicembre 2020 12:01

Covid, Gallina (Ue): «Vaccini saranno gratuiti, obbligatorietà può ritorcersi contro. Sicurezza primo criterio»

Il Direttore generale per la salute e la sicurezza alimentare della Commissione europea, Sandra Gallina, in audizione al Senato, spiega: «Non ci sarà nessuno che farà da cavia: destineremo 12-15 milioni di euro al monitoraggio, a cura dell’EMA, di ogni evento avverso». E poi rassicura: «Non è vero che ci vogliono 10 anni per fare un vaccino»

Covid, Gallina (Ue): «Vaccini saranno gratuiti, obbligatorietà può ritorcersi contro. Sicurezza primo criterio»

«I vaccini sono una cosa molto emotiva. Noi come Unione europea non pensiamo necessariamente che l’obbligatorietà sia una buona idea, perché alle fine questo si ritorce contro». Parola di Sandra Gallina, Direttore generale per la salute e la sicurezza alimentare della Commissione europea, in audizione in videoconferenza con le commissioni Sanità e Politiche Ue del Senato, a proposito delle politiche di competenza della Direzione, con particolare riferimento alla questione dei vaccini anti Covid-19.

Sicurezza cruciale per Ue

Gallina ha parlato a lungo delle strategie vaccinali dell’Unione europea contro il Covid-19: «Tutti gli Stati membri avranno un accesso uguale a tutti i vaccini, e saranno gratuiti, perché il vaccino è stato interpretato come un bene comune». Gallina ha poi rassicurato: «Non ci sarà nessuno che farà da cavia: destineremo 12-15 milioni di euro al monitoraggio, a cura dell’EMA, di ogni evento avverso».

Il primo punto su cui ha puntato la Commissione europea è la sicurezza: «Se ci sono danni le case farmaceutiche dovranno provvedere, la responsabilità è in capo alle case farmaceutiche. È stato un punto non facile da trattare e che mi ha tolto un po’ di sonno» racconta Gallina che poi spiega: «Abbiamo un comitato scientifico formato da personalità indipendenti. Sappiamo quali sono i dieci migliori vaccini. Per noi il primo criterio è la sicurezza, poi l’efficacia e il prezzo. Noi abbiamo pagato i nostri vaccini il giusto, mediamente un terzo degli americani. Non avevamo troppi soldi e non potevamo spendere più di 15 euro a dose. Inutile negarlo, c’è anche un discorso economico nei vaccini».

I vaccini in campo

Il Direttore generale per la salute e la sicurezza alimentare della Commissione europea ha poi fatto un excursus sui vaccini selezionati: su 165 vaccini in campo ne sono stati scelti dieci: «Ci siamo dotati di un portafoglio di tre tecnologie, forse ne avremo una quarta che è la più antica. Una tecnologia è quella solita del virus influenzale ed è quella della Sanofi. Arriverà nella seconda metà del prossimo anno. Poi abbiamo due nuove tecnologie: una basata sugli adenovirus (Johnson e Johnson e Astrazeneca) e l’altra con il messaggero RNA (BioNTech, Moderna e CureVac)».

«Siamo come di fronte alla candela e alla lampadina, tutti e due fanno luce ma il futuro dei vaccini potrebbe essere con la tecnologia a mRNA. Quanto durerà l’immunizzazione di questi vaccini però ancora non si sa», spiega Gallina.

Quelli più difficili da conservare (richiedono una temperatura di -70 gradi) sono CureVac e BioNTech, mentre Sanofi e Johnson e Johnson avranno meno complicazioni da questo punto di vista.

«Circolano voci secondo cui ci vogliono dieci anni per fare un vaccino: non è vero e lo ha detto anche Anthony Fauci. Il vaccino è un investimento rischioso e le case farmaceutiche difficilmente si imbarcano in queste imprese: per questo UE ha pagato il fattore rischio iniziale».

Infine, una considerazione su che percentuale di popolazione dev’essere vaccinata per avere dei risultati concreti: «L’Oms ha detto che per cominciare bisogna avere un 30% della popolazione vaccinata. Ma la Germania vuole vaccinare il 100% della popolazione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaccini Covid, a Roma il caso dei TNPEE: «Noi a rischio contagio perché a stretto contatto con gli utenti. Ma centinaia ancora non vaccinati»
Appello della Presidente della Commissione d’Albo dei Terapisti della Neuro e Psicomotricità dell’Età Evolutiva di Roma Pamela Bellanca: «Noi dimenticati, molti si stanno contagiando»
Digital Green Pass, per tornare a viaggiare l’Ue punta sul certificato vaccinale. Gli eurodeputati: «Non sia discriminatorio»
L’idea della Commissione europea prevede un documento digitale che attesterà se una persona è stata vaccinata contro il Covid-19, ha ottenuto un risultato negativo al test oppure è guarito dal Covid-19. Pedicini (Verdi): «Non ne approveremo uso restrittivo». Baldassarre (Lega): «Bene ma deve essere strumento provvisorio»
Vaccino Covid, Interlandi (Cidec Sanità): «Coinvolgere i laboratori di analisi accreditati per raggiungere gli obiettivi di copertura vaccinale»
«Abbiamo fatto richiesta al Ministro della Salute affinché ci riceva per ridiscutere il nostro pieno coinvolgimento nel piano vaccinale», spiega Elisa Interlandi, Presidente Nazionale di Cidec Federazione Sanità
Vaccini Covid, Guidolin (M5S): «Regolamentare vaccinazione in ambito sanitario per tutelare più fragili»
«Dopo la decisione del tribunale di Belluno di rigettare il ricorso di dieci operatori socio-sanitari dipendenti di due Rsa, sospesi dal lavoro per aver rifiutato di aderire alla campagna vaccinale Covid-19, da operatrice socio sanitaria, temporaneamente prestata alla politica, mi sento di lanciare un appello ai colleghi. Quest’anno di pandemia ci ha messo tutti a […]
Vaccini, Paola Boldrini (Pd): «Regioni devono rispettare piano nazionale, governo monitori»
«Il piano vaccinale prevede una sequenza di categorie a partire dalle persone con elevata fragilità (secondo l'articolo 3 comma 3 della legge 104/92) e loro caregiver» ricorda la vice presidente della Commissione Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 aprile, sono 137.467.864 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.959.675 i decessi. Ad oggi, oltre 805,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...