Salute 23 Ottobre 2020 18:43

Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»

Situazione preoccupante secondo gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie: le misure sono arrivate in ritardo e l’adesione non è stata ottimale

Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»

«L’attuale situazione epidemiologica nella maggior parte dei Paesi» europei e nel Regno Unito «desta seria preoccupazione per il rischio crescente di trasmissione di SarS-Cov-2, che richiede misure immediate e mirate in materia di salute pubblica». Lo annuncia il rapporto dell’Ecdc, il Centro europeo per il controllo delle malattie, che fa il punto sui contagi.

La situazione è «ad alto rischio» e «in progressivo deterioramento» in quasi tutti i Paesi. Si rende necessaria una «forte azione di salute pubblica per prevenire l’imminente rischio che i sistemi sanitari siano sopraffatti, resi incapaci di fornire cure sicure e adeguate». Secondo Ecdc gli interventi finora attuati «non sono stati sufficientemente efficaci nel controllare la trasmissione a causa di diversi fattori: l’adesione alle misure non è stata ottimale; le misure non sono state attuate abbastanza rapidamente; o le misure erano insufficienti per ridurre l’esposizione».

Tra le raccomandazioni: sostenere il distanziamento sociale, inclusa la prevenzione di grandi assembramenti, promuovere l’igiene delle mani e delle vie respiratorie, incoraggiare l’uso appropriato di mascherine e implementare le migliori pratiche nella prevenzione e nel controllo delle infezioni in ambito sanitario e residenziale.

Se necessario, «queste misure possono essere aumentate e i Paesi potrebbero dover chiudere gli spazi pubblici e introdurre raccomandazioni per restare a casa come ultima risorsa. Queste misure possono essere adottate a livello nazionale o subnazionale, sulla base di una valutazione globale della situazione locale, utilizzando un processo decisionale trasparente che sia chiaramente comunicato al pubblico in modo tempestivo».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
Iannelli (FAVO): «Reddito di ultima istanza Covid riconosciuto ai lavoratori autonomi e liberi professionisti invalidi»
di Avv. Elisabetta Iannelli, Segretario Generale FAVO e V. Presidente Aimac
di Avv. Elisabetta Iannelli, Segretario Generale FAVO e V. Presidente Aimac
Covid-19, Palamara (ISS): «No a terrorismo su varianti, primo obiettivo rafforzare piano sequenziamenti»
La nuova direttrice del dipartimento malattie infettive dell’ISS tra i protagonisti dell'incontro "Infodemia da Covid-19: cronache di un’emergenza mediatica" organizzato dall'università Sapienza di Roma
Senior Italia FederAnziani: «Boom di calo dell’aderenza alla terapia negli anziani»
Messina: «Occorrono nuove forme di supporto per migliorare la presa in carico del paziente e l’aderenza terapeutica, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM