Salute 23 Ottobre 2020 18:43

Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»

Situazione preoccupante secondo gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie: le misure sono arrivate in ritardo e l’adesione non è stata ottimale

Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»

«L’attuale situazione epidemiologica nella maggior parte dei Paesi» europei e nel Regno Unito «desta seria preoccupazione per il rischio crescente di trasmissione di SarS-Cov-2, che richiede misure immediate e mirate in materia di salute pubblica». Lo annuncia il rapporto dell’Ecdc, il Centro europeo per il controllo delle malattie, che fa il punto sui contagi.

La situazione è «ad alto rischio» e «in progressivo deterioramento» in quasi tutti i Paesi. Si rende necessaria una «forte azione di salute pubblica per prevenire l’imminente rischio che i sistemi sanitari siano sopraffatti, resi incapaci di fornire cure sicure e adeguate». Secondo Ecdc gli interventi finora attuati «non sono stati sufficientemente efficaci nel controllare la trasmissione a causa di diversi fattori: l’adesione alle misure non è stata ottimale; le misure non sono state attuate abbastanza rapidamente; o le misure erano insufficienti per ridurre l’esposizione».

Tra le raccomandazioni: sostenere il distanziamento sociale, inclusa la prevenzione di grandi assembramenti, promuovere l’igiene delle mani e delle vie respiratorie, incoraggiare l’uso appropriato di mascherine e implementare le migliori pratiche nella prevenzione e nel controllo delle infezioni in ambito sanitario e residenziale.

Se necessario, «queste misure possono essere aumentate e i Paesi potrebbero dover chiudere gli spazi pubblici e introdurre raccomandazioni per restare a casa come ultima risorsa. Queste misure possono essere adottate a livello nazionale o subnazionale, sulla base di una valutazione globale della situazione locale, utilizzando un processo decisionale trasparente che sia chiaramente comunicato al pubblico in modo tempestivo».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pubertà precoce femminile, colpa (anche) di smartphone e tablet?
Salerno (SIEDP): «Ancora da stabilire meccanismi di correlazione. Evitare allarmismi ma regolamentare tempistiche d’uso»
Cina: milioni di persone in lockdown senza cibo e medicine
Decine di milioni di persone sono bloccate in Cina a causa di lockdown estesi. I residenti denunciano carenze di beni di prima necessità
Dall’Europa sì a quarta dose per over 60, a settembre i vaccini aggiornati
L'EMA e l'ECDC ufficializzano la loro raccomandazione di estendere la quarta dose agli over 60, almeno 4 mesi dopo la precedente. Nel frattempo confermano la possibile approvazione dei vaccini aggiornati in autunno
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa