Salute 10 Gennaio 2022 09:38

Covid e inquinamento. De Gennaro: «I picchi pandemici coincidono con l’aumento di polveri in atmosfera»

Perché il particolato atmosferico veicola il virus? Il professore di chimica dell’Ambiente dell’Università di Bari: «La polverosità favorisce il galleggiamento e il risollevamento in aria del virus precipitato su pavimenti e strade»

Che durante la stagione invernale i virus, quello del Sars-CoV-2 compreso, si propaghino con più facilità è un dato di fatto. E allora perché anche nelle stagioni e nei Paesi caldi si sviluppano frequenti focolai? Una risposta potrebbe essere contenuta nelle ricerche a cui il professore Gianluigi De Gennaro, docente di Chimica dell’Ambiente dell’Università di Bari, si sta dedicando dall’esplosione della pandemia da Covid-19. Il professore, con il team della SIMA (Società Italiana di Medicina Ambientale), avrebbe dimostrato che all’aumentare dell’inquinamento atmosferico aumenterebbe anche la diffusione dei virus.

Quando e perché l’inquinamento favorisce i picchi pandemici

 «Le nostre conclusioni – assicura De Gennaro – trovano conferma in numerosi studi internazionali, condotti in Iran, Afghanistan, Pakistan, Cina e Taiwan, aree in cui gli scienziati, già da diversi anni, sono impegnati nell’analisi dell’associazione tra i cambiamenti meteorologici, il trasporto di polveri inquinanti e i picchi epidemici».

Per il professore De Gennaro non è un caso che in pianura Padana si registrino, ad ogni ondata, i numeri più alti di contagi. Così come non considera una coincidenza i focolai estivi che si sviluppano sulle principali isole italiane. «I picchi che si verificano in estate nelle regioni meridionali – in Sardegna, Sicilia, Calabria, Puglia, etc. – sono associabili al trasferimento transfrontaliero di sabbie Sahariane. Esattamente come quelli che si manifestano in estate in Spagna e poi, via via, in Francia, Gran Bretagna, sempre in concomitanza con l’arrivo di queste sabbie».

Il particolato atmosferico veicola il virus

Individuata la concomitanza tra aumento dell’inquinamento e la crescita dei contagi da Covid resta da chiarire perché il particolato atmosferico possa favorire la persistenza del virus in atmosfera. «Le particelle di virus emesse da una persona infetta prima si disperdono nell’aria, poi precipitano sulle superfici. In ambienti particolarmente polverosi, come quelli della Pianura Padana, o quelli in cui si verificano gli stagionali trasferimenti transfrontalieri di sabbie Sahariane, tutte le superfici, dagli oggetti, ai pavimenti, alle strade, appaiono più polverose – spiega il docente -. Il virus può essere risollevato in aria con maggiore facilità proprio a causa della polverosità presente».

Soluzione 1: inquinare meno

Ma per il professore De Gennaro la sua non è affatto una “sorprendente scoperta”: «Che la presenza di polveri possa aumentare la diffusione dei virus era già noto ai tempi dell’influenza spagnola, quando a tutti i cittadini veniva costantemente raccomandato di eliminare il più possibile le polveri dalle proprie abitazioni», racconta l’esperto.

E proprio come ai tempi della Spagnola, anche ai tempi del Covid-19, secondo il professore De Gennaro qualche accorgimento in più potrebbe essere d’aiuto al contenimento del contagio. «Innanzitutto, possiamo intervenire sull’inquinamento prodotto dall’uomo durante la stagione invernale. Ripensando alla pianura Padana, ad esempio, in coincidenza con questi eventi meteorologici che confinano al suolo l’inquinamento favorendo l’aumento del particolato atmosferico si potrebbe limitare l’utilizzo degli autoveicoli, le emissioni industriali, mitigare quelle dei riscaldamenti domestici e di tutte quelle attività che aumentano i livelli di inquinanti nell’aria».

Soluzione 2: allert per i cittadini

«Contemporaneamente, la popolazione potrebbe essere messa in guardia con degli allert ed invitata a trascorrere più tempo in casa ed utilizzare la mascherina all’esterno quando si verificano queste condizioni – continua De Gennaro -. Un’abitudine già diffusa nei Paesi orientali, ancor prima che la pandemia da Covid-19 esplodesse. Se siamo in grado di prevedere con un’accurata attendibilità l’aumento delle concentrazioni di particolato atmosferico perché non interveniamo prima che i contagi raggiungano il picco? – chiede il professore -. Ecco, – conclude – credo che oltre a concentrarsi sugli effetti che il virus ha sull’essere umano, dovremmo imparare a conosce meglio anche ciò che avviene fuori dall’organismo, cosa veicola il fenomeno e ne favorisce la diffusione».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Inquinamento: l’Emilia Romagna investe 154 milioni nel prossimo Piano dell’Aria
Malgrado le osservazioni critiche dell'opposizione, disco verde della commissione Politiche per la Salute dell'Emilia-Romagna al prossimo Piano dell'Aria (Pair 2030) proposto dalla giunta regionale per ridurre gli effetti dell'inquinamento
di V.A.
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Clima pazzo e inquinamento aumentano il rischio di maculopatie senili
La crisi climatica e l’inquinamento atmosferico ad essa legato rappresentano un’urgenza anche per la salute dei nostri occhi,  che va ben oltre quella finora considerata di congiuntiviti e occhio secco. Uno studio canadese, il più ampio mai realizzato, pubblicato il mese scorso su Ophthalmic Epidemiology e condotto su 1,7 milioni di americani over 65, ha evidenziato una correlazione significativa tra maggiore probabilità di gravi problemi alla vista e temperature più elevate
di V.A.
Il traffico aumenta la pressione sanguigna, un effetto che dura fino a 24 ore
Uno studio dell'Università di Washington, pubblicato sulla rivista Annals of Internal Medicine, ha rilevato che l'aria non filtrata proveniente dal traffico delle ore di punta aumenta significativamente la pressione sanguigna dei passeggeri, sia mentre si trovano in automobile che fino a ben 24 ore dopo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...