Salute 9 Ottobre 2020 10:41

Inquinamento e Covid-19, i rischi per l’inverno. Piscitelli (SIMA): «Controllare emissioni o rischiamo»

Lo studio pubblicato dalla Società di Medicina Ambientale sul BMJO ha accertato la presenza di RNA virale sul particolato atmosferico in pianura Padana a febbraio-marzo. L’epidemiologo Piscitelli: «L’inquinamento può essere stato un fattore che ha amplificato il fenomeno anche se non sappiamo ancora se il virus sul particolato sia infettivo»

Inquinamento e Covid-19, i rischi per l’inverno. Piscitelli (SIMA): «Controllare emissioni o rischiamo»

Ha fatto il giro del mondo il Position Paper pubblicato dalla SIMA (Società Italiana di Medicina Ambientale) sul British Medical Journal Open dedicato al rapporto tra epidemia da Covid-19 e inquinamento atmosferico. I ricercatori hanno infatti dimostrato che l’RNA virale fosse presente sul particolato atmosferico di 39 province del Nord Italia dove erano stati regolarmente sforati i limiti di emissioni nei mesi di febbraio e marzo.

Il documento, intitolato “Potential role of particulate matter in the spreading of COVID-19 in Northern Italy: first observational study based on initial epidemic diffusion”, non dimostra che il virus trovato sul particolato fosse infettivo, ma che sicuramente la sua presenza è un campanello d’allarme che può segnalare l’alta diffusione del Covid-19.

«Nei periodi del picco pandemico tutti hanno notato che il virus stava aggredendo quei luoghi come la pianura Padana dove maggiore è il livello di inquinamento. Questo ci ha fatto accendere la lampadina», spiega a Sanità Informazione il professor Prisco Piscitelli, epidemiologo e vicepresidente SIMA.

«C’è un elemento ulteriore da sottolineare – continua Piscitelli -. Noi immaginiamo ci sia uno spazio vuoto tra noi e altre persone. Invece è pieno di altri corpuscoli come particelle e polveri sottili. Mi riferisco alle PM2.5, alle PM10 e poi ad altre particelle ancora più piccole. In quelle zone all’inquinamento si aggiungono spesso altre condizioni climatiche come la mancanza di ventilazione. Su 20 giorni di osservazione ne abbiamo avuti 10-15 di sforamenti sopra i 50 microgrammi al metrocubo che è il limite massimo consentito per legge: vuol dire c’erano più di 100mila particelle per centimetro cubo di aria. Il particolato atmosferico, su cui hanno aderito gocce di saliva, avrebbe potuto facilitare la diffusione della gocciolina contenente il virus con potenziale infettivo».

Il collegamento era stato già ipotizzato dalla SIMA nei mesi scorsi, ma ora il timbro dell’autorevole British Medical Journal Open, che ha a lungo revisionato lo studio confermandone la solidità, ne ha sancito l’autorevolezza.

Lo studio ha riguardato un totale di 41 province del nord Italia: 39 di queste si collocavano nella categoria di massima frequenza di sforamenti di PM 10, sopra i 50 microgrammi. Mentre 62 province meridionali su 66 erano nella categoria con livelli più bassi di inquinamento atmosferico. Un andamento analogo si è registrato sul PM2.5, pur con l’assenza di un 30% di centraline. La conclusione dello studio è che gli sforamenti di PM10 si rilevavano un significativo fattore predittivo della diffusione di Covid-19.

«L’inquinamento può essere stato un fattore che ha amplificato il fenomeno – continua Piscitelli -. Chi vive in quelle zone già di base può essere maggiormente suscettibile alle conseguenze di infezioni che colpiscono le vie respiratorie, dato che le popolazioni sono cronicamente esposti a quei livelli di polveri sottili. Quello che non possiamo ancora affermare è che il virus sul particolato sia vitale e per quanto tempo mantenga la sua infettività. Per far questo ci vogliono le istituzioni che hanno dei laboratori di sicurezza attrezzati».

Lo studio pone un interrogativo inquietante sul prossimo inverno, quando le condizioni ambientali e di inquinamento potrebbero essere analoghe a quelle dell’inverno scorso in alcune aree geografiche. «Dobbiamo scongiurare il rischio di ritornare agli stessi livelli di emissioni e inquinamento atmosferico di gennaio e febbraio – ha sottolineato il vicepresidente SIMA -. Due-tre mesi di lockdown ci hanno mostrato come la Terra si sia rigenerata sotto tanti punti di vista. Non possiamo permetterci di tornare in quella situazione. Serve maggiore attenzione al contenimento delle emissioni e muoverci in direzione di una crescita economica compatibile con l’ambiente da cui noi abbiamo scoperto di essere dipendenti e non degli elementi slegati e scollegati».

L’uso predittivo dei dati del particolato atmosferico è stato confermato anche dal fatto che in primavera, durante il lockdown, il virus non c’era più. Per questo la SIMA e Piscitelli sperano di poter continuare i loro studi e provare a proporre l’utilizzo di questa rete di sentinelle atmosferiche attivata in Europa per essere pronti a cogliere i primi segnali di una eventuale recrudescenza epidemica. «Se noi ritrovassimo a un certo punto dell’inverno sul particolato atmosferico l’RNA virale – conclude Piscitelli – vuol dire che ci sono delle condizioni di circolazione del virus già importanti nella popolazione e condizioni climatiche e di temperatura e di inquinamento importanti che potrebbero generare nuovamente fenomeni come quelli che abbiamo osservato a febbraio e marzo».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
«Inquinamento e salute bambini, con cambiamento climatico rischi aumentati». L’allarme della pediatra Reali (ISDE Lazio)
«Un aumento di temperatura cui sono esposti i bambini durante la vita in utero può aumentare il rischio di esiti avversi della gravidanza»
di Francesco Torre
Covid-19 e rischio contagi tra i banchi: SIMA lancia la campagna “Adotta una Scuola”
Miani (SIMA): «Diminuire la presenza di CO2 nell’aria abbassa il rischio di contrarre il Covid-19. Per questo, aziende e privati donino tecnologie per mitigare il rischio nelle classi italiane. Una buona qualità dell’aria indoor migliora anche l’apprendimento»
Le carni vegetali sono il miglior investimento per il futuro del clima?
Gli investimenti in proteine alternative, che comprendono anche prodotti derivati dalla fermentazione (microproteine, alghe, proteine del latte prodotte con i batteri) e carni coltivate, sono balzati da 1 miliardo di dollari nel 2019 a 5 miliardi di dollari nel 2021
di Stefano Piazza
È la pelle la nuova sentinella di inquinamento ambientale
Mezzana (SIMA): «Analizzando la cute di un individuo sarà possibile identificare il grado di inquinamento del luogo in cui vive o ha vissuto. Nessun test invasivo, come la biopsia, ma sensori cutanei in grado di rilevare i parametri della pelle, in profondità e in tempo reale»
Scuola, la SIMA lancia l’allarme. «Su Covid e tutela salute degli studenti Italia si è fermata»
Con riaperture aule a settembre si rischia nuova ondata di contagi. Servono misure urgenti per garantire qualità dell’aria e ridurre trasmissione virus nelle scuole. Dotare classi di adeguati sistemi di aerazione e dispositivi Smart di monitoraggio CO2
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...