Salute 23 Luglio 2021 16:05

Covid-19, nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt sale a 1,26. Elevata proporzione di giovani e asintomatici»

Impennata di 41 casi su 100mila abitanti contro i 19 della scorsa settimana. Le Regioni a rischio moderato sono 19

Covid-19, nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt sale a 1,26. Elevata proporzione di giovani e asintomatici»

Sale l’indice Rt a livello nazionale, passando a 1,26, in netto aumento rispetto alla settimana precedente. È quanto emerge dati del monitoraggio settimanale della Cabina di regia sull’andamento epidemiologico Covid-19, relativo al periodo 12-18 luglio. L’Rt medio calcolato sui casi sintomatici è riferito al periodo 30 giugno-13 luglio e si osserva in maniera analoga un aumento dell’indice di trasmissibilità basato sui casi con ricovero ospedaliero (Rt 1.16 al 13/7/2021 rispetto allo 0.97 della settimana precedente). «La elevata proporzione di soggetti giovani e asintomatici evidenziata dai dati epidemiologici pubblicati dall’Istituto Superiore di Sanità – evidenzia il Report – va considerata nella lettura di queste stime di trasmissibilità».

Accelera aumento incidenza

Forte aumento dell’incidenza dei casi Covid-19 in Italia che questa settimana arriva a 41 casi per 100mila abitanti contro i 19 casi della settimana precedente. Il dato del monitoraggio settimanale riporta un’incidenza di 31 casi per 100mila abitanti rispetto ai 14 della settimana precedente, ma si parla ugualmente di una «accelerazione dell’aumento dell’incidenza», precisando che «è ancora sotto il valore di 50 per 100mila abitanti ogni 7 giorni in tutto il territorio». Sono 19 le Regioni e Province autonome classificate a rischio moderato e due (Basilicata e Valle D’Aosta) sono a rischio basso. Nessuna Regione e provincia autonoma supera però la soglia critica di occupazione dei posti letto in terapia intensiva o area medica. Il tasso di occupazione in terapia intensiva è stabile al 2%, con un lieve aumento nel numero di persone ricoverate che passa da 157 (dato del 13 luglio) a 165 (20 luglio). Il tasso di occupazione in aree mediche a livello nazionale rimane al 2%. Il numero di persone ricoverate in queste aree è in lieve aumento passando da 1.128 (13 luglio) a 1.194 (20 luglio).

«Variante Delta prevalente, serve sequenziamento»

La circolazione della variante Delta è in aumento in Italia ed è ormai prevalente. Questa variante sta portando ad un aumento dei casi in altri Paesi con alta copertura vaccinale, pertanto è opportuno realizzare un capillare tracciamento e sequenziamento dei casi. «È necessario raggiungere una elevata copertura vaccinale – raccomandano ISS e Ministero della Salute – ed il completamento dei cicli di vaccinazione per prevenire ulteriori recrudescenze di episodi di aumentata circolazione del virus sostenute da varianti emergenti con maggior trasmissibilità». Sulla base dei dati e delle previsioni Ecdc, della presenza di focolai causati dalla variante virale Delta in Italia e delle attuali coperture vaccinali, «è opportuno mantenere elevata l’attenzione, così come applicare e rispettare le misure necessarie per evitare un aumento della circolazione virale».

Brusaferro: «Crescita marcata in ogni Regione. Casi alimentati dai giovani»

«Confrontando gli ultimi 15 giorni con i precedenti emerge come in tutte o quasi tutte le regioni ci sia una marcata crescita» dell’incidenza del SARS-CoV-2. «Questo si conferma anche nell’ultima settimana. E vediamo che la crescita è caratterizzata in questa fase soprattutto da nuovi casi nella fascia d’età 10-19 e 20-29, seguita da 30-39. Quindi è la popolazione più giovane che in questo momento alimenta i nuovi casi». Lo ha spiegato il presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, Silvio Brusaferro, durante la conferenza stampa sull’analisi dei dati del monitoraggio regionale Covid della Cabina di regia.

Rezza: «Atteso ulteriore aumento dei casi. Necessario correre a vaccinarsi»

«A fronte di un aumento dei casi, che ci aspettiamo, perché la curva da alcune settimane ha ricominciato a crescere, ci auguriamo che grazie all’efficacia dei vaccini, che è stata ampiamente dimostrata, questo aumento non corrisponda a una congestione delle strutture ospedaliere. Questa dovrebbe essere la differenza rispetto allo scorso anno». Così il direttore generale Prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza, durante la conferenza. «Ci sono dati che mostrano una buona efficacia protettiva del ciclo completo vaccinale per la variante Delta» che, ha ricordato Rezza, «è ormai diventata predominante in Italia ed è molto più contagiosa delle altre, almeno il doppio. Può capitare – ha sottolineato – che una persona vaccinata risulti positiva al test, ma i sintomi sono molto blandi. Questo significa che l’unico modo per difendersi è correre a vaccinarsi. Come sappiamo il numero di dosi disponibili è sempre maggiore e in questo momento effettuare un ciclo completo di vaccinazione è la maggiore garanzia per arrestare la circolazione del virus».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie. In Italia aumentano i casi e il Ministero diffonde le linee guida per le quarantene
In Italia accertati 505 casi, 26 in più di 4 giorni fa. Il Ministero della Salute ha diffuso una circolare sulle misure da adottare in vista di possibili quarantene. In attesa di direttive su un’eventuale campagna vaccinale lo Spallanzani di Roma ha annunciato di essere già pronto a partire con la vaccinazione
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Formazione, digitalizzazione e continuità ospedale-territorio: a Tor Vergata le ricette per la sanità del futuro
Nell’evento preparatorio del prossimo Forum Risk Managment dal titolo “PNRR e gestione del rischio in sanità” i principali attori della sanità a confronto
di Francesco Torre
Un italiano su 2 usa ausili, oltre il 75% li compra di tasca propria
Un italiano su due utilizza ausili. Secondo l'indagine rATA, gli occhiali sono gli ausili più utilizzati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale