Salute 9 Ottobre 2020 10:00

Covid-19, lo psichiatra: «Parlare continuamente della pandemia farà dilagare disturbi d’ansia»

Giovanni de Girolamo (Fatebenefratelli) interviene al Festival della Scienza Medica: «Le informazioni siano sobrie, limitate e non contraddittorie». E dà tre consigli ai medici per migliorare la salute psicofisica

di Tommaso Caldarelli
Covid-19, lo psichiatra: «Parlare continuamente della pandemia farà dilagare disturbi d’ansia»

«È evidente ed è stato abbondantemente dimostrato che un nuovo lockdown generale sarebbe disastroso dal punto di vista economico, e quindi sociale. Questo potrebbe certamente produrre effetti psicologici molto duri: è difficile che una persona possa essere felice in una situazione disastrosa dal punto di vista economico e sociale. Ma se ci riferiamo agli effetti del lockdown in quanto tale e alle conseguenze psicologiche ed emotive che esso comporta, non bisogna giungere a conclusioni semplicistiche: c’è anche chi durante il lockdown ha riorientato positivamente la propria vita». Giovanni de Girolamo, responsabile della U.O. di Psichiatria Epidemiologica e Valutativa dell’IRCCS Fatebenefratelli e docente di Psichiatria alla Cattolica di Milano, sarà protagonista di un atteso panel al Festival della Scienza Medica di Bologna; sabato 10 ottobre terrà un evento fortemente voluto dall’organizzazione del festival, trasmesso in streaming, che si chiamerà “Al di là del virus: società, comportamenti, pandemia e infodemia”. Sanità Informazione lo ha raggiunto per un’intervista telefonica.

Professor de Girolamo, nei suoi studi più recenti si fa il punto su quanto gli strumenti che la telemedicina mette oggi a disposizione possano essere d’aiuto nel trattamento delle fattispecie di malattia mentale. Ci spieghi quale è la situazione.

«In generale la pandemia ha di certo determinato una svolta per l’accettabilità, da parte del sistema sanitario e da parte degli utenti, della telemedicina che, come è noto, esisteva anche prima, ma era meno diffusa ed accettata, anche da parte degli operatori sanitari. Sotto la pressione di eventi esterni abbiamo assistito ad una profonda modificazione delle abitudini e delle attitudini individuali, ed istituzionali, e questi strumenti oggi possono davvero aiutare anche per il monitoraggio di tanti pazienti, con disturbi di varia natura. Come al solito non bisogna generalizzare; ad esempio, una recente revisione Cochrane ha dimostrato in maniera per certi versi inattesa che le videochiamate usate per tenersi in contatto con anziani nelle case di riposo non sono particolarmente efficaci per lenire il senso di isolamento e la depressione che il fatto di trovarsi in un ospizio può generare. Valuterei con prudenza anche l’utilizzo di questi strumenti per situazioni a rischio quali storie di conflitto familiare, o di abuso di sostanze. L’utilizzo degli strumenti tecnologici ci aiuta ed è possibile estenderlo al massimo, senza fare però della telemedicina un feticcio».

Una parte davvero interessante della sua recente produzione riguarda uno “stress test” dei servizi di salute mentale che trattano i pazienti con disturbi mentali. Lei asserisce che l’attuale configurazione di questi servizi non è “a prova di disastro”, come è accaduto almeno all’inizio anche con la pandemia.

«I servizi di salute mentale non sono addestrati e configurati per intervenire nei disastri su larga scala, sia prodotti dall’uomo che naturali. Si tratta di situazioni rilevanti per la sanità pubblica, in cui oltre alle valutazioni ed agli interventi di tipo strettamente sanitario, vanno attivati anche interventi diretti alla salute psichica delle popolazioni esposte. Da questo punto di vista, i molti studi condotti sino ad oggi dimostrano che, fortunatamente, la maggior parte delle persone esposte a situazioni traumatiche generalizzate sono resilienti e non hanno conseguenze psicologiche o psichiatriche a breve o a lunga durata; tuttavia, una quota minoritaria delle vittime ha invece conseguenze, e ciò è dovuto alla presenza di specifici fattori di rischio, ben indagati nell’abbondante letteratura relativa al disturbo post-traumatico da stress (PTSD). Essere stati a rischio della vita, come ad esempio aver subito un ricovero durante una pandemia, o esser finito in rianimazione, sono eventi traumatici, il soffrire di preesistenti disturbi di ansia o depressivi è un altro fattore di rischio. Dinanzi a questi scenari, vengono spesso evocati interventi non necessari o addirittura controindicati».

Ci spieghi.

«Un esempio largamente diffuso di questi errori è relativo al cosiddetto ‘debriefing’. Dopo un terremoto, o dopo una tragedia su ampia scala, spesso viene suggerito di mettere su gruppi di discussione affinché le persone parlino del trauma subito, ne discutano tra loro, esprimano i loro “sentimenti” circa l’evento, il modo in cui lo hanno vissuto, e simili. Se però uno va a controllare sui siti dell’OMS e della Croce Rossa che hanno ampia esperienza nella gestione dei disastri, e guarda la letteratura più accreditata, emerge che la strategia consigliata è esattamente opposta: il debriefing non solo non è indicato, ma è controindicato, e questa raccomandazione ha un preciso razionale neurobiologico. Il PTSD e i disturbi stress-correlati non sono null’altro che l’incapacità del soggetto di dimenticare, di andare avanti: la persona ha continui ricordi intrusivi, flashback dell’evento; quindi se io non faccio altro che rafforzargli la memoria dell’evento traumatico, chiedendogli di rappresentarlo, di parlarne, di tenerlo presente, aumento le probabilità che la vicenda dolorosa si consolidi nelle sue memorie e nel suo vissuto. Bisognerebbe invece favorire il meccanismo fisiologico del forgetting: a un certo punto la persona va avanti, dimentica; siamo costruiti per superarle, le cose. E in questo c’è una anche pesante responsabilità del sistema mediatico».

Lei parlerà appunto di infodemia, che era la successiva domanda che volevo porle.

«Studi recenti hanno mostrato che c’è una correlazione diretta tra esposizione mediatica, tv, giornali, con una sovraesposizione di contenuti che parlano della pandemia, e disturbi d’ansia: è quello che il Direttore Generale dell’OMS ha ufficialmente chiamato ‘infodemia’, che costituisce un problema rilevante nel corso dell’attuale pandemia. L’infodemia è caratterizzata dalla mescolanza di verità, verità parziali e falsità. Se una persona spaventata dalla pandemia continua a rimuginare su tematiche relative a quel che è accaduto ed a quel che potrebbe accadere, e per di più è sommersa da notizie di tutti i tipi, peggiora. Qui si pone un problema reale di sanità pubblica: le informazioni dovrebbero essere sobrie, limitate e non contraddittorie. Se una persona viene sommersa da informazioni confuse il suo benessere può esserne danneggiato e questo riguarda non solo la comunicazione rivolta al grande pubblico ma anche la comunicazione scientifica. A partire da febbraio, sono stati prodotti una marea, un numero incredibile di articoli scientifici, il che pone seri problemi di selezione ed assimilazione dentro questo oceano di parole: alcuni studi recenti hanno sottolineato i rischi che questa situazione provoca per i medici interessati a sapere esattamente come stanno le cose, cosa è efficace e cosa non lo è».

Salute e benessere mentale degli operatori sanitari, a che punto siamo su questo?

«L’Istituto Superiore di Sanità ha prodotto delle raccomandazioni per gli operatori sanitari: questo documento, che definirei rivolto al futuro, è una tappa di un percorso da realizzare. I colleghi, in sintesi, sino ad oggi hanno in gran maggioranza retto bene la pressione dovuta ad una situazione eccezionale, certo con alcuni timori, giustificati, e una dose pur presente di stress. Non tutti godono di un adeguato supporto istituzionale, e parliamo di situazioni in cui il rischio per la salute è effettivo, reale; fortunatamente abbiamo superato la primissima fase, quella in cui mancavano i DPI e il timore dilagava, ed oggi siamo in una situazione più da guerra di trincea. Tre consigli per i colleghi: mai rinunciare al riposo notturno, mantenere un po’ di attività fisica pur con la dovuta prudenza e, se possibile, ridurre il fumo. Sono alcuni dei semplici accorgimenti che possono migliorare la salute psicofisica».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Cannabis, l’allarme dell’Omceo Roma: «È pandemia nei giovanissimi con effetti devastanti»
Aumenta il numero di giovani e giovanissimi che fanno uso di cannabis con effetti sulla salute mentale. Per contrastare questo fenomeno l'Omceo di Roma ha creato un Gruppo di lavoro dedicato alla prevenzione, valutazione e divulgazione delle conseguenze della cannabis
Disturbi mentali, Nardone: «Dopo pandemia e guerra, richiesta di supporto psicologico sempre più pressante»
Come sono cambiate le esigenze psicologiche della popolazione mondiale negli ultimi anni, e come affrontarle? Se ne parlerà nel terzo convegno mondiale Brief Strategic and Systemic Therapy World Network, che si terrà ad Arezzo i giorni 2-3-4-5 giugno
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 maggio, sono 525.383.960 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.283.599 i decessi. Ad oggi, oltre 11,42 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...