Salute 21 Aprile 2021 11:19

Covid-19, l’ingegner Vacca: «Curva dei decessi cala troppo lentamente, occorrono 750mila dosi di vaccino al giorno»

Il divulgatore scientifico e matematico Roberto Vacca, 93 anni, sta analizzando la curva dei decessi da Covid-19 in Italia: «La curva sembra quasi una retta. Con questi numeri i morti continueranno per tutto il 2021 e anche nei primi mesi del 2022»

Covid-19, l’ingegner Vacca: «Curva dei decessi cala troppo lentamente, occorrono 750mila dosi di vaccino al giorno»

Se c’è una persona in grado di capire come possono svilupparsi alcuni fenomeni, quella è l’ingegner Roberto Vacca. Non perché il noto divulgatore e matematico abbia capacità divinatorie, ma perché grazie all’applicazione della matematica ai fenomeni sociali si è guadagnato l’appellativo di ‘futurologo’. Dall’alto dei suoi 93 anni (che diventeranno 94 il 31 maggio), Vacca ha ripreso a studiare la curva dei decessi per Covid in Italia attraverso l’equazione di Volterra e le notizie, al momento, non sono affatto buone.

«Si nota che la curva dovuta all’equazione di Volterra è molto poco inclinata, sembra quasi una retta che indica ancora un aumento del totale dei decessi. Con questi numeri le morti continueranno per tutto l’anno 2021 e anche nei primi mesi del 2022», spiega Vacca a Sanità Informazione.

Al momento, dunque, la matematica sembra indicare una durata ancora lunga della pandemia. Le alte temperature e la campagna vaccinale potrebbero far cambiare l’inclinazione della curva, ma molto dipenderà dalla rapidità delle somministrazioni: «Ovviamente è difficile tenere conto di questi fattori – continua l’Ingegnere -. Abbiamo alcuni esempi concreti: in Gran Bretagna, dove hanno fatto oltre 30 milioni di vaccinazioni (cioè più di metà della popolazione) hanno avuto questa diminuzione molto forte a gennaio. In UK morivano quattro volte più persone che in Italia, mentre adesso nell’ultima settimana hanno sei volte meno i decessi italiani. L’idea che la vaccinazione di massa sia vantaggiosa è ragionevole. Adesso fare delle estrapolazioni su brevi periodi non ha molto senso. Da qualche giorno sembra che il numero giornaliero dei morti sia in calo anche da noi ma per avere una tendenza dobbiamo aspettare che questa si verifichi per diversi giorni consecutivi».

Fondamentale sembra essere dunque la vaccinazione e anche la velocità della campagna. Vacca ha già ricevuto a febbraio la sua dose di vaccino, e ora invita il governo a fare presto: «Sappiamo bene che conviene vaccinarsi e conviene vaccinarsi con tutti i vaccini a disposizione. Facciamolo e teniamo gli occhi aperti, vediamo cosa succede. L’altro giorno siamo arrivati a vaccinare oltre 340mila persone al giorno. Un buon segno. L’obiettivo del governo è di arrivare a 500mila vaccinazioni, un po’ modesto: bisognerebbe arrivare a 750mila somministrazioni al giorno per avere risultati più veloci».

I dati, però, fanno paura e la matematica non mente. Vacca ha calcolato che dal primo ottobre 2020 al 20 aprile 2021 i decessi per Covid in Italia sono stati 81072. In base alla curva elaborata da Vacca, in assenza di cambiamenti, i decessi continueranno fino al 2022 con altri 108.130 morti (ma il dato cambia di giorno in giorno). «Questo tipo di previsioni basate sull’equazione di Volterra di 90 anni fa – spiega il divulgatore – sono ovviamente delle previsioni empiriche. Lo studio che feci nel 2020 previde con una certa accuratezza l’andamento dei decessi nella prima ondata. Questa seconda ondata, viceversa, è più imprevedibile: è andata su, poi stava venendo giù e dalla curva qualche mese fa la previsione era che i decessi sarebbero andati a spegnersi entro fine maggio. Invece non è andata così e i decessi hanno ripreso a salire in modo notevole».

La matematica, dunque, sembra indicarci una tendenza preoccupante che solo la campagna vaccinale può invertire, almeno stando al successo della Gran Bretagna e di Israele. Ma, come ricorda lo stesso Vacca che ha recentemente pubblicato un aggiornamento del libro “La misura del virus” (Mondadori) scritto con Marco Marvaldi, oltre ai vaccini i nostri anziani – i più colpiti dal virus – dovrebbero aver cura anche di loro stessi con un corretto stile di vita: «Prima del Covid ho affrontato il tema dell’epidemia di obesità – conclude Vacca -. È fondamentale aver cura del nostro corpo: ma lo sa che io a 93 anni peso come quando ne avevo 30? Ogni giorno faccio una leggera attività fisica con dei piegamenti sulle gambe e sulle braccia. E poi mangio pochissimo. Se tutti facessero così…».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nel post pandemia raddoppiati i casi di «cecità funzionale» correlati ad ansia e disagio psicologico
Secondo un’analisi dell’Ospedale San Giuseppe di Milano, il problema, noto come «perdita visiva o cecità funzionale», ha subito un aumento significativo nel periodo successivo alla pandemia. L’ipotesi degli esperti è che il disturbo, essendo di natura psico-somatica, sia cresciuto a causa degli effetti della pandemia sul benessere psicologico della popolazione, soprattutto bambini e adolescenti
Dall’inizio della pandemia +25% della spesa per i servizi di salute mentale rivolti ai giovani
La spesa per i servizi di salute mentale per bambini e adolescenti è aumentata di oltre un quarto dall’inizio della pandemia. L’uso della telemedicina, invece, si è stabilizzato. Questo è quanto emerso da un nuovo studio pubblicato su JAMA Network Open
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
Aviaria: nuova variante del virus più vicina all’uomo, timori per possibile pandemia
Un sottotipo del virus dell'influenza aviaria, endemico negli allevamenti di pollame in Cina, sta subendo cambiamenti mutazionali che potrebbero aumentare il rischio di trasmissione della malattia agli esseri umani. E' l'avvertimento lanciato da un gruppo di ricercatori cinesi e britannici in uno studio pubblicato sulla rivista Cell
Covid, Oms Europa: sono 36 milioni i cittadini con Long Covid, continuare con vaccini
La pandemia è stata ufficialmente dichiarata conclusa, ma ancora oggi ci sono ben mille morti a settimana in Europa. Nel frattempo, sale anche il conteggio delle vittime del Long Covid, la sindrome post-infezione, che in 3 anni è arrivata a colpire 36 milioni di persone, sempre in Europa, 1 persona su 30. Questi sono alcuni dei dati presentati questa mattina da Hans Kluge, direttore dell'Ufficio regionale europeo dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

World Obesity Day: oltre un miliardo di obesi nel mondo, quadruplicati in 30 anni i bimbi oversize

L'analisi pubblicata su ‘Lancet’: la quota di 'oversize' fra gli adulti è più che raddoppiata nelle donne e quasi triplicata negli uomini dal 1990 al 2022, nell'arco di una t...
di I.F.
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.
Lavoro

Nasce “Elenco Professionisti”, il network digitale di Consulcesi Club dedicato agli specialisti della Sanità

L’obiettivo è aiutare il professionista a migliorare la sua visibilità all’interno della comunità medico-scientifica e facilitare i contatti tra operatori. Simona Gori...