Salute 25 Febbraio 2021 15:18

Sars-CoV-2, l’esperto: «Italia in ritardo con vaccini, sul fronte cure farmaco da Israele da studiare»

Antonio Cassone, ex direttore del dipartimento di malattie infettive dell’ISS nell’ambito del corso organizzato dalla scuola di specializzazione in Microbiologia e Virologia, ha spiegato i vaccini e cercato di immaginare lo scenario pandemico dei prossimi mesi mettendo in evidenza i percorsi da seguire per vincere il Covid

di Federica Bosco
Sars-CoV-2, l’esperto: «Italia in ritardo con vaccini, sul fronte cure farmaco da Israele da studiare»

«Accelerare la vaccinazione di massa e se necessario attuare un lockdown più restrittivo». Antonio Cassone di American Academy of Microbiology, durante l’incontro “Sars-CoV-2 e Vaccini” organizzato dall’università Unimore di Modena nell’ambito del corso organizzato dalla scuola di specializzazione in Microbiologia e Virologia, ha spiegato i vaccini e cercato di immaginare lo scenario pandemico dei prossimi mesi mettendo in evidenza i percorsi da seguire per vincere il Covid.

L’esperto di fama internazionale, con all’attivo più di 300 lavori su riviste internazionali, due libri sui vaccini e cinque brevetti su vaccini e immunoterapeutici, dinnanzi a una platea di studenti e docenti dell’Università di Modena ha analizzato la modalità di diffusione del virus e il sistema di attacco messo in campo dal vaccino. «Le varianti preoccupano. In questo momento ad allarmare gli esperti di tutto il mondo è quella inglese perché uccide di più – ha detto Cassone -. D’altro canto, la campagna vaccinale va a rilento ed è poco efficace contro le varianti sudafricana e brasiliana, al punto che è allo studio una modifica degli stessi vaccini».

Variabili che fanno paura

Tutto il mondo scientifico sta osservando con estrema attenzione il lavoro fatto per la produzione di vaccini efficaci contro Sars-CoV-2 da Pfizer ad AstraZeneca, passando per Sputnik, fino a Moderna, in attesa della produzione di Johnson &Johnson che sarà in una sola dose e della messa a punto del vaccino dell’Università Statale di Milano, il cui brevetto è stato depositato lo scorso 24 febbraio ed è ora alla fase di verifica sugli animali.

«Oggi esistono due aspetti da non sottovalutare, il primo riguarda la possibile evoluzione del virus. Il secondo la produzione insufficiente di vaccini – ha sottolineato l’ex direttore del dipartimento di malattie infettive dell’Iss -. A margine poi una serie di problematiche legate all’efficacia delle cure, alla perdita di immunità nel tempo, e alla possibilità che l’infezione diventi più moderata, ma sempre diversa. Per quanto riguarda l’evoluzione del virus – ha aggiunto – esiste la possibilità che il virus si ripresenti ogni anno in una veste nuova, meno aggressiva, ma simile ad una influenza. Il che potrebbe comportare la necessità di vaccinarsi ogni anno. L’Italia nella produzione dei vaccini è in ritardo, nonostante sia tra i primi paesi al mondo per la produzione di farmaci. Il percorso è differente, la procedura più complessa e i tempi più lunghi con tre fasi di sperimentazione».

Israele: si sperimenta un nuovo farmaco

Sul fronte delle cure qualche novità è in arrivo da Israele dove è partita la sperimentazione con un farmaco con EXO-CD24 che offre nuovi orizzonti e lascia aperta la pista di una correlazione tra malattie autoimmuni e Covid. Al riguardo Cassone è fiducioso, ma esprime qualche riserva per l’alta tossicità del prodotto. «Il CD24 – ha chiarito – è un farmaco già in uso per pazienti con patologia autoimmune che, come è noto, se colpiti da Covid hanno reazioni più gravi. Questo farmaco ha una funzione immunosoppressiva ed antinfiammatoria che può essere utile, ma tuttavia sono necessarie casistiche più ampie per capire se possa essere utilizzato anche in soggetti senza autoimmunità e soprattutto occorre tenere presente che va usato con prudenza in quanto si tratta di una sostanza ad alta tossicità».

Allo studio un vaccino per i più piccoli

Un accenno è stato fatto anche al virus in età pediatrica, quando si manifesta in forma di vasculite e morbo di Kawasaki. «Ancora non ci sono spiegazioni scientifiche sul perché la modalità del Covid nei bambini sia tanto differente dagli adulti – ha evidenziato Cassone – lo studio di un vaccino adatto alla popolazione più giovane, permetterà di fare capire qualcosa in più anche in questa direzione»

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, Gimbe: «Tutti i numeri in calo, in ospedale quasi esclusivamente non vaccinati»
Nuovo Report di Fondazione Gimbe: scendono nuovi casi (-14,7%), ricoveri ordinari (-3,3%) e terapie intensive (-1,6%). Ancora oltre 3 milioni di over 50 senza alcuna copertura anti-Covid
Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»
La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell'Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia
No Green pass in Uk, Andreoni (Tor Vergata): «Scelta rischiosa». Le novità su test salivari e vaccinazioni
Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma, spiega a Sanità Informazione come sta evolvendo la lotta al Covid-19
Covid-19, la Spagna ha vaccinato il 100% degli over 80. Ecco come
La maggioranza della popolazione over 80 si è vaccinata in un centro di salute pubblica del suo quartiere. Perché la campagna di vaccinazione è stata un successo
Ho contratto il Covid-19 dopo la prima dose di vaccino, cosa devo fare?
Cosa fare se una persona contrae il Covid-19 successivamente alla somministrazione della prima dose di vaccino? Il Ministero della Salute ha fornito i chiarimenti necessari tramite una circolare firmata dal Direttore della Prevenzione, Gianni Rezza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...