Salute 25 Febbraio 2021 15:18

Sars-CoV-2, l’esperto: «Italia in ritardo con vaccini, sul fronte cure farmaco da Israele da studiare»

Antonio Cassone, ex direttore del dipartimento di malattie infettive dell’ISS nell’ambito del corso organizzato dalla scuola di specializzazione in Microbiologia e Virologia, ha spiegato i vaccini e cercato di immaginare lo scenario pandemico dei prossimi mesi mettendo in evidenza i percorsi da seguire per vincere il Covid

di Federica Bosco
Sars-CoV-2, l’esperto: «Italia in ritardo con vaccini, sul fronte cure farmaco da Israele da studiare»

«Accelerare la vaccinazione di massa e se necessario attuare un lockdown più restrittivo». Antonio Cassone di American Academy of Microbiology, durante l’incontro “Sars-CoV-2 e Vaccini” organizzato dall’università Unimore di Modena nell’ambito del corso organizzato dalla scuola di specializzazione in Microbiologia e Virologia, ha spiegato i vaccini e cercato di immaginare lo scenario pandemico dei prossimi mesi mettendo in evidenza i percorsi da seguire per vincere il Covid.

L’esperto di fama internazionale, con all’attivo più di 300 lavori su riviste internazionali, due libri sui vaccini e cinque brevetti su vaccini e immunoterapeutici, dinnanzi a una platea di studenti e docenti dell’Università di Modena ha analizzato la modalità di diffusione del virus e il sistema di attacco messo in campo dal vaccino. «Le varianti preoccupano. In questo momento ad allarmare gli esperti di tutto il mondo è quella inglese perché uccide di più – ha detto Cassone -. D’altro canto, la campagna vaccinale va a rilento ed è poco efficace contro le varianti sudafricana e brasiliana, al punto che è allo studio una modifica degli stessi vaccini».

Variabili che fanno paura

Tutto il mondo scientifico sta osservando con estrema attenzione il lavoro fatto per la produzione di vaccini efficaci contro Sars-CoV-2 da Pfizer ad AstraZeneca, passando per Sputnik, fino a Moderna, in attesa della produzione di Johnson &Johnson che sarà in una sola dose e della messa a punto del vaccino dell’Università Statale di Milano, il cui brevetto è stato depositato lo scorso 24 febbraio ed è ora alla fase di verifica sugli animali.

«Oggi esistono due aspetti da non sottovalutare, il primo riguarda la possibile evoluzione del virus. Il secondo la produzione insufficiente di vaccini – ha sottolineato l’ex direttore del dipartimento di malattie infettive dell’Iss -. A margine poi una serie di problematiche legate all’efficacia delle cure, alla perdita di immunità nel tempo, e alla possibilità che l’infezione diventi più moderata, ma sempre diversa. Per quanto riguarda l’evoluzione del virus – ha aggiunto – esiste la possibilità che il virus si ripresenti ogni anno in una veste nuova, meno aggressiva, ma simile ad una influenza. Il che potrebbe comportare la necessità di vaccinarsi ogni anno. L’Italia nella produzione dei vaccini è in ritardo, nonostante sia tra i primi paesi al mondo per la produzione di farmaci. Il percorso è differente, la procedura più complessa e i tempi più lunghi con tre fasi di sperimentazione».

Israele: si sperimenta un nuovo farmaco

Sul fronte delle cure qualche novità è in arrivo da Israele dove è partita la sperimentazione con un farmaco con EXO-CD24 che offre nuovi orizzonti e lascia aperta la pista di una correlazione tra malattie autoimmuni e Covid. Al riguardo Cassone è fiducioso, ma esprime qualche riserva per l’alta tossicità del prodotto. «Il CD24 – ha chiarito – è un farmaco già in uso per pazienti con patologia autoimmune che, come è noto, se colpiti da Covid hanno reazioni più gravi. Questo farmaco ha una funzione immunosoppressiva ed antinfiammatoria che può essere utile, ma tuttavia sono necessarie casistiche più ampie per capire se possa essere utilizzato anche in soggetti senza autoimmunità e soprattutto occorre tenere presente che va usato con prudenza in quanto si tratta di una sostanza ad alta tossicità».

Allo studio un vaccino per i più piccoli

Un accenno è stato fatto anche al virus in età pediatrica, quando si manifesta in forma di vasculite e morbo di Kawasaki. «Ancora non ci sono spiegazioni scientifiche sul perché la modalità del Covid nei bambini sia tanto differente dagli adulti – ha evidenziato Cassone – lo studio di un vaccino adatto alla popolazione più giovane, permetterà di fare capire qualcosa in più anche in questa direzione»

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
CIMO-FESMED: «Vergognoso sfruttare pandemia per un task shifting contro i medici»
CIMO-FESMED ribadisce la propria posizione in relazione a diversi interventi giudicati poco lungimiranti se non ostili alla categoria dei medici
Specialistica ambulatoriale, Cisl medici Lazio: «Serve un serio e sereno tavolo di confronto»
di Dott. Luciano Cifaldi, Oncologo, Segretario generale Cisl Medici Lazio. 
di Dott. Luciano Cifaldi, Oncologo, Segretario generale Cisl Medici Lazio.
Riaperture, Vergallo (Aaroi-Emac): «Pressione terapie intensive ancora importante. Bilanciare esigenze di salute con economia»
Il Presidente dell'Associazione anestesisti rianimatori ospedalieri: «Le decisioni spettano alla politica ma devono seguire, con criteri di prudenza, la scienza e la situazione attuale del SSN. Un’ondata successiva, a distanza di qualche mese, sarebbe ancora più pericolosa delle precedenti perché si aggiungerebbe a un numero esistente di contagi e ricoveri e non a un valore soglia pari a zero»
È più rischioso prendere un aereo o fare il vaccino? La risposta è nel Micromort
Il Micromort è un’unità di rischio che indica una probabilità di morte su un milione e viene utilizzato per calcolare il rischio di morte per ogni attività quotidiana. Come applicarlo al caso J&J?
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 aprile, sono 142.112.632 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.030.299 i decessi. Ad oggi, oltre 904,92 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Politica

Cosa prevede il nuovo decreto legge, tra scudo penale e obbligo vaccinale per i sanitari

Licenziato il nuovo decreto legge a firma del Consiglio dei Ministri. Tutta Italia rossa e arancione fino al 30 aprile, ma scuole aperte fino al primo anno di secondaria. Arrivano obbligo vaccini per ...