Voci della Sanità 20 Aprile 2021 16:11

Vaccini, Regimenti (Lega): «Velocizzare campagna e puntare su produzione in Ue»

«L’Italia e l’Europa hanno tutto il potenziale per produrre i vaccini sul proprio territorio» sottolinea l’eurodeputata della Lega Luisa Regimenti

«La campagna vaccinale in Europa deve procedere con maggiore velocità, altrimenti sarà complicato rispettare l’obiettivo del 70% di cittadini immunizzati entro l’estate. Un traguardo possibile, comunque, se l’Ue punterà con decisione sulla sicurezza dei vaccini e su nuovi trattamenti anti Covid-19, che potrebbero essere sviluppati nei prossimi mesi». Lo afferma l’eurodeputata della Lega e membro della Commissione Sanità pubblica Luisa Regimenti, che aggiunge: «Sarà importante fare tesoro delle ricerche e degli studi svolti finora. L’auspicio è che l’Europa possa produrre i sieri direttamente sul proprio territorio, possibilità che spero possa presto riguardare anche l’Italia, che ha tutto il potenziale industriale per poterlo fare».

Per Regimenti «a preoccupare di più sono le varianti, quella britannica in maniera particolare, ma la seconda generazione di vaccini dovrebbe coprirle con buone possibilità di successo. Intanto, però, siamo costretti a subire il silenzio della Commissione sull’andamento dei negoziati con l’azienda statunitense Novavax – conclude – mentre l’Ema potrebbe forse dare il via libera nei prossimi mesi all’impiego del vaccino russo Sputnik, che per ora sconta la mancanza di impianti di produzione sul territorio europeo».

Articoli correlati
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Caso Zitromax, Aifa: «Non esistono antibiotici efficaci per il Covid-19»
Dopo il grande clamore suscitato dalla carenza dell’Azitromicina e la segnalazione di Federfarma, arriva la risposta dell’Agenzia Italiana del Farmaco: «Carenza causata da prescrizione del farmaco al di fuori delle indicazioni previste»
Allarme carenza Zitromax, «Italia unico Paese in Europa in cui è introvabile». Federfarma invia segnalazione ad Aifa
Le linee guida non prevedono l’uso di Azitromicina nella terapia per il Covid-19 ma gli scaffali sono vuoti un po’ ovunque. Tobia (Federfarma): «Mancanza farmaco pericoloso per chi ne ha davvero bisogno». Scotti (Fimmg): «Medici che fanno il loro dovere non prescrivono Azitromicina in modo inappropriato»
Il neonatologo: «Siamo costretti a separare le mamme non vaccinate dai loro figli»
Ambrogio Di Paolo (Presidente SIN Lazio): «Con l’ordinanza della Regione Lazio si può entrare negli ospedali soltanto con il Green pass rafforzato. E molte mamme non sono vaccinate, per disinformazione»
Dalla Lega al Pd, l’obbligo vaccinale convince le forze politiche. Fuori dal coro Fdi: «Misura inefficace»
Tutte le forze di maggioranza approvano la misura varata il 5 gennaio dal CdM. Secondo Paola Boldrini (Pd) misura necessaria «per la collettività e per dare sollievo ai professionisti sanitari ormai al collasso». Tiramani (Lega) rivela: «Io minacciato dai no vax». Per il M5S «bisogna agire presto per evitare che gli ospedali siano di nuovo paralizzati dall'emergenza»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 gennaio, sono 330.836.470 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.545.953 i decessi. Ad oggi, oltre 9,66 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre