Politica 13 Ottobre 2020 10:50

Covid-19, il nuovo Dpcm: locali chiusi alle 24 e feste private limitate a 6 persone

Stretta su feste e cerimonie e no alla sosta fuori dai locali nel nuovo Dpcm. Consigliata mascherina anche in casa tra non conviventi. Conte ha firmato

Covid-19, il nuovo Dpcm: locali chiusi alle 24 e feste private limitate a 6 persone

È arrivata ieri sera tardi la firma del presidente Giuseppe Conte sul nuovo Dpcm per combattere l’emergenza Covid-19. Mascherine obbligatorie, locali chiusi a mezzanotte e una stretta su cerimonie civili e religiose. Via all’alleggerimento della quarantena, da 14 a 10 giorni, e via libera al tampone unico.

MASCHERINE ALL’APERTO

Sì alle mascherine obbligatorie, al chiuso (tranne che nella propria abitazione) e all’aperto, a esclusione nel secondo caso di quei luoghi in cui il rispetto del distanziamento sia garantito. Esclusi anche i bambini sotto i sei anni, chi stia esercitando attività sportiva (e non motoria) e i soggetti con disabilità che renda impossibile l’uso della mascherina o i loro accompagnatori che non riuscirebbero a comunicare con loro altrimenti. In aggiunta, si raccomanda caldamente l‘uso della mascherina anche in casa quando in presenza di persone non conviventi.

LEGGI IL DPCM DEL 13 OTTOBRE 2020

LOCALI E FESTE

Restano chiuse le discoteche e sospese tutte le attività che prevedano il ballo, sia all’aperto che al chiuso. I servizi di ristorazione (pub, bar, ristoranti e pasticcerie) possono rimanere aperti fino alle 24, se fanno servizio al tavolo, e fino alle 21 in caso contrario. Nel secondo caso è fatto divieto di consumazione nelle vicinanze del locale dopo l’orario di chiusura.

Le feste conseguenti a cerimonie civili e religiose si potranno svolgere con un massimo di 30 invitati. È raccomandato, inoltre, di evitare feste e ricevimenti privati superiori a sei persone. Congressi e fiere sono permessi nel rispetto delle regole di distanziamento tra individui già previste.

CORSI DI FORMAZIONE

Restano permessi i corsi di formazione specifica in medicina generale. Così anche le attività degli Istituti di formazione dei Ministeri (Difesa, Interno, Economia e Giustizia). Si specifica che la formazione specialistica per i medici e i tirocini per le professioni sanitarie possono continuare anche non in presenza.

Sono sospese le gite scolastiche e qualsiasi uscita programmata dalle scuole di ogni ordine e grado, con la sola eccezione delle attività di tirocinio previste dal Ministero dell’Istruzione.

SPORT E SPETTACOLI

Palestre e piscine restano aperte, previo rispetto delle norme anti-assembramenti. Sono vietate per, tutte le competizioni e le attività connesse a sport di contatto amatoriale. Stop al calcetto e al basket dunque. Proseguono invece gli eventi sportivi sia individuali che di squadra, ma la presenza del pubblico dovrà restare limitata al 15% della capienza totale. Non oltre 1000 spettatori all’aperto e 200 al chiuso, con prenotazione, mascherina e misurazione della temperatura all’ingresso. Alle Regioni è permesso modificare il numero di spettatori in base alle capacità delle proprie strutture.

Gli spettacoli musicali, teatrali e cinematografici sono concessi con posti pre-assegnati e distanziati, nel rispetto della distanza interpersonale. Massimo 1000 spettatori all’aperto e 200 al chiuso in ogni singola sala.

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
Vaccini, Regimenti (Lega): «Diversificare acquisto e non limitarsi a quelli a mRNA, serve migliore offerta per cittadini»
L'eurodeputata della Lega chiede chiarimenti alla Commissaria alla Salute Kyriakides «sul contratto stipulato recentemente con Pfizer solleverebbe l’azienda da qualsiasi responsabilità una volta consegnate le dosi»
Covid-19, gli effetti sulla salute mentale (uno studio italiano)
di Francesco Minelli, Psicologo/Psicoterapeuta
di Francesco Minelli, Psicologo/Psicoterapeuta
Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»
«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Erich Grimaldi, Presidente del Comitato Cure Domiciliari Covid-19
Vaccini, Regimenti (Lega): «Velocizzare campagna e puntare su produzione in Ue»
«L'Italia e l'Europa hanno tutto il potenziale per produrre i vaccini sul proprio territorio» sottolinea l'eurodeputata della Lega Luisa Regimenti
Riaperture, Vineis (CSS): «Così si rischia di mantenere lunga coda dell’epidemia»
La chiave del successo inglese: un lockdown incisivo «pianificato e temporizzato» e una vaccinazione rapida ed efficace. L’intervista a Paolo Vineis, professore di epidemiologia all’Imperial College di Londra e vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 aprile, sono 143.863.870 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.058.640 i decessi. Ad oggi, oltre 928,68 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...