Salute 25 Febbraio 2020

Coronavirus, Bassetti (Sita): «Con questi numeri non è pandemia». Russo (FI): «Occasione per ribadire centralità medico»

Alla Camera il convegno promosso dall’associazione Giuseppe Dossetti – I valori: «Basiamoci su una medicina fondata sulle evidenze e non sugli allarmi. Il Case Fatality Rate è del 2,3%». «È necessario che i medici imparino a comunicare meglio», ha detto il presidente dell’OMCeO Roma Antonio Magi

di Tommaso Caldarelli

«L’inverno andrà via e la primavera arriverà prima o poi» : le parole di positività pronunciate da S.E. la dottoressa Xuan Zheng, ministro consigliere delegato dell’Ambasciatore della Repubblica Popolare Cinese in Italia, inquadrano il clima della giornata di studi dedicata al Coronavirus alla Sala dei Gruppi della Camera dei Deputati. O, se non altro, gli auspici: perché l’appuntamento convocato dall’Associazione Giuseppe Dossetti–I valori era in programma da molti giorni, prima del weekend di fuoco del Coronavirus che ha visto sfortunatamente salire il conto dei contagi e delle vittime su suolo italiano proprio fra sabato 22 e domenica 23; né si è nascosto il dispiacere per i tanti relatori provenienti da zone dove sono state disposte misure di contenimento e che proprio per questo non hanno potuto partecipare all’appuntamento, come d’altronde è capitato ai tanti esponenti che erano stati precettati nelle ultime ore in tavoli di crisi o in altri appuntamenti istituzionali.

Il cuore del convegno (“Coronavirus: Dubbi, Certezze e Fake News”) è stato comunque rappresentato dall’ampia relazione del dottor Matteo Bassetti, direttore della clinica di malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova e presidente della Sita (Società italiana di terapia anti-infettiva): «Non c’è da sminuire il livello dell’allarme in corso ma c’è da prestare attenzione ai dati a nostra disposizione. Abbiamo ad oggi oltre 200 articoli che sono stati pubblicati in brevissimo tempo in letteratura, sul Lancet, su Jama, che ci consentono di mettere insieme dei dati interessanti e confortanti. Se ci riferiamo al focolaio principale, quello cinese, si è partiti con un tasso iniziale di mortalità del 14% nei primissimi momenti, in pochi giorni si è scesi all’11% e giù giù fino al 4%, segno che i colleghi cinesi hanno da subito capito come comportarsi e quali terapie e profilassi approntare; fuori dalla Cina il tasso di letalità non è mai salito sopra lo 0,5%-0,8%. Il Case Fatality Rate, ovvero l’indice complessivo relativo alla patologia, ammonta così al 2,3%», ha spiegato Bassetti.

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, ROSSI (OMCeO MILANO): «MANCANO PROTEZIONI MINIME». VAJANI (OMCeO LODI): «DIVERSI COLLEGHI IN QUARANTENA»

«Perciò, basandoci su una medicina fondata sulle evidenze e non sugli allarmi, possiamo trarre alcune conclusioni», ha continuato l’infettivologo genovese: «Primo, ad oggi non è corretto parlare di pandemia. Parliamo sicuramente di un fenomeno epidemico ma prima di usare parole forti è necessario aspettare. Secondo, per fenomeni di questo tipo è corretto dire che le scelte di contenimento e di quarantena sono opportune e necessarie. Terzo, che il miglior strumento per una adeguata profilassi è il badare ad una accurata igiene delle mani: penso ad esempio alle mascherine, che le persone portano anche per molte ore e che usate in questo modo sono del tutto inutili. Si tratta infatti di dispositivi che dopo 8/10 ore perdono la loro capacità filtrante». Ancora: «Ribadiamo che è opportuno vaccinarsi per le patologie per le quali è disponibile ad oggi il vaccino e usare i mezzi di informazione ufficiali e le fonti più attendibili per tenersi aggiornati» .

«Mi sento di rassicurare tutti – ha concluso Bassetti – sulla capacità della rete infettivologica italiana di affrontare la vicenda in corso. Come è noto non ci sono ancora scelte terapeutiche approvate per questa malattia, ma i colleghi stanno utilizzando farmaci anti HIV, antimalarici, antivirali compatibili con buoni risultati. Vi assicuro che in qualche modo ci arrangeremo, e con successo».

«Stiamo avendo delle psicosi collettive in Italia in questo momento – ha aggiunto ai nostri microfoni Corrado Stillo, presidente dell’Osservatorio tutela civica dell’Associazione Dossetti -. ma gli esperti hanno dato molte notizie per rassicurare l’opinione pubblica». 

Molti interventi dei relatori hanno sottolineato quanto questa situazione emergenziale possa essere un’occasione per ribadire la centralità del ruolo del medico: «Abbiamo la possibilità di dire quanto sia importante resistere a derive antiscientifiche, quanto sia giusto ricordarsi che i medici servono e non vanno demonizzati», ha detto l’onorevole Paolo Russo, deputato della commissione bilancio per Forza Italia, uno degli ospiti istituzionali presenti al convegno; allo stesso tempo, in un breve seppur appassionato intervento, il dottor Antonio Magi, presidente OMCeO Roma, giunto negli ultimi minuti di lavoro, ha fatto presente che questo clima da semi-psicosi dimostri come sia essenziale, per il settore delle professioni mediche, di dotarsi di maggiori competenze comunicative: «Noi dobbiamo saper informare e farlo in maniera corretta. Dobbiamo saper spiegare prove ed evidenze e saperle trasmettere alle persone, ai cittadini comuni. Probabilmente dobbiamo rivedere i metodi del nostro comunicare».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 5 agosto, il totale delle persone che hanno contratto il […]
Indagine sieroprevalenza in Italia: 1,5 milioni di persone entrate in contatto con SARS-Cov-2. Nella sanità il dato più alto
Presentati al Ministero della salute i risultati dell’indagine sulla sieroprevalenza sul SARS-Cov-2. Le persone che hanno sviluppato gli anticorpi sono sei volte di più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia
«Quando parliamo di coronavirus dobbiamo usare la parola razzismo»
Due articoli paralleli su New England Journal of Medicine e Lancet affrontano il peso delle disparità razziali: il Covid-19 non colpisce tutti allo stesso modo. Sei misure per intervenire
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Coronavirus, Gimbe: «In 7 giorni +23% nuovi casi. Stop a posizioni estreme che disorientano cittadini»
Nell’ultima settimana +328 nuovi casi, +361 “attualmente positivi” e, per la prima volta dopo mesi salgono i ricoverati con sintomi (+17). Dei 12.609 attualmente positivi il 53% è in Lombardia, il 37,4% tra Emilia-Romagna, Lazio, Piemonte, Veneto, Campania e Toscana e il 9,6% nelle altre regioni. I dati della Fondazione Gimbe
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...