Salute 29 Novembre 2021 17:43

Come Covid-19 ha cambiato la ricerca farmaceutica, lo spiega Massimo Scaccabarozzi (Farmindustria)

Parole d’ordine: digitale e decentralizzazione. Il virus ha portato la ricerca oltre i propri limiti e ha mostrato quanto veloce si può lavorare e in maniera produttiva

L’industria farmaceutica è stata tra le più impattate dai due anni di pandemia di Covid-19. La ricerca ha dovuto trovare nuovi metodi per accelerare le proprie conclusioni e la produzione nuovi sistemi per aumentare i propri risultati. Ne parla bene il presidente di Farmindustria Massimo Scaccabarozzi, che tira le fila di tutti i cambiamenti che hanno trasformato la ricerca, tra vaccini, nuovi farmaci e anticorpi monoclonali.

«La ricerca – spiega – era già cambiata molto tempo fa. Abbiamo superato il modello chiuso, che noi chiamavamo “closed innovation” perché la facevamo all’interno dei nostri laboratori. Una metodologia che è stata produttiva per tanti anni e poi non ha più prodotto, perché le grosse patologie erano già soddisfatte, quindi siamo andati verso un modello aperto di collaborazione, di partnership con varie istituzioni pubblico-privato, privato-privato, con le start-up e questo ha dato una produttività straordinaria».

Una nuova linea dunque, sulla quale si sono poi riprodotte tutte le richieste che un virus nuovo e sconosciuto ha immesso nel sistema. Test clinici rapidi ed efficaci su numeri di persone molto alti e in grado di produrre dati puliti, prima di tutto. «Il Covid ha accelerato tutto questo e ci ha portato nella decentralizzazione dei clinical trial. Per anni lo chiedevamo e si diceva sempre che non si poteva fare, il Covid ha consentito anche di fare ricerca attraverso alcuni momenti fatti da remoto. Perché no, se tutto questo velocizza – prosegue Scaccabarozzi -? La ricerca ci sta insegnando che sono importanti due cose: il risultato, come sempre, ma soprattutto la velocità di realizzazione. Quindi tutto quello che è il digitale, la decentralizzazione e tutto quello che è stato straordinario durante la fase di Covid io mi auguro che diventi ordinario. Se lo diventerà io credo che la ricerca sarà ancora più produttiva».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il cerotto intelligente: lo applichi sulla pelle e ti “dice” come stai
I ricercatori dell’Università di Chicago: «Il nostro dispositivo è dotato di un chip che, imitando il cervello umano, è in grado di raccogliere dati da più biosensori e trarre conclusioni sulla salute di una persona». In futuro potrebbe essere utilizzato anche per inviare avvisi a pazienti e medici in caso di necessità
Giffoni Innovation Hub, grande accoglienza per “Hai mai visto un unicorno?”, il cortometraggio che parla di vita e di SMA
Ragazzi dai 18 ai 30 anni hanno partecipato alla presentazione del film realizzato da Famiglie SMA, OMaR e GoGo Frames ponendo numerose domande per giungere a una riflessione: necessario parlare, raccontarsi ed essere ascoltati, soprattutto quando c’è di mezzo una disabilità
La ricerca non può avere confini amministrativi, intervenga l’Autorità Garante
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
di Luigi Cajazzo, Direttore Generale Fondazione Ricerca Biomedica Lombardia
La ricerca scientifica dopo il Covid, Rasi (Consulcesi): «Frammentazione è il male, ora puntare sui ricercatori»
Nell’incontro a Palazzo Zuccari “Chi ricerca Trova” anche l’intervento della ministra dell’Università Maria Cristina Messa: «Con il Covid abbiamo visto che il passaggio dalla ricerca all'applicazione su larga scala è possibile in tempi stretti». Per Parente (Com.. Sanità del Senato) «occorre un piano industriale e attivare una vera sinergia tra pubblico e privato»
di Francesco Torre
Riforma IRCCS: così cambia la ricerca sanitaria. Ma ancora lontana la stabilizzazione dei precari
Alla Camera il primo via libera in commissione Affari sociali, ora la legge delega è attesa in Aula. Per il riconoscimento degli IRCCS sarà data priorità al criterio di localizzazione territoriale. Sarà garantita la comprovata competenza e professionalità anche manageriale dei componenti degli organismi governo degli IRCCS pubblici e degli organi scientifici degli IRCCS privati
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi