Salute 7 Dicembre 2017

Chirurghi, formazione in ritardo e troppo a “macchia di leopardo”. Allarme di SIC e ACOI: lanciato il progetto Op2IMISE

Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare una metodologia di formazione standardizzata a livello nazionale per ottimizzare la qualità e l’efficienza della chirurgia

La chirurgia mininvasiva ha ormai dimostrato di avere il miglior rapporto costo-efficacia e di poter garantire ai pazienti maggiori vantaggi: minore trauma degli accessi chirurgici, tempi di recupero e di ospedalizzazione più brevi, dolore post-operatorio inferiore alle tecniche tradizionali, minore incidenza di complicanze associate a minori rischi intraoperatori grazie allo sviluppo delle tecniche di imaging. Tuttavia, in Italia l’uso della laparoscopia è tra i più bassi in Europa. Tra i fattori che hanno portato a questo basso utilizzo figurano gli scarsi investimenti economici e l’insufficiente dotazione tecnologica nelle strutture sanitarie, ma anche la mancata formazione dei giovani chirurghi. Ed è proprio questo il motivo che ha spinto le due maggiori società scientifiche chirurgiche italiane, ACOI (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani) e SIC (Società Italiana di Chirurgia), a promuovere il progetto Op2IMISE (Open To Innovative Surgery Experience): nato in collaborazione con il Centro di ricerca e Studio della Sanità Pubblica (CESP) dell’Università degli Studi di Milano Bicocca e con il contributo incondizionato di Medtronic, il progetto intende sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione per ottimizzare la qualità ed efficienza della chirurgia. Marco Montorsi, Presidente SIC, ha presentato il progetto in occasione de “Gli stati generali della chirurgia italiana”.

Professore, è stata posta l’attenzione su un tema fondamentale, quello della formazione in chirurgia, necessaria per fare progressi a beneficio non solo del paziente, ma anche del sistema sanitario.

«Certamente, l’ambizione di questo progetto è proprio quello di migliorare la penetrazione della chirurgia laparoscopica, utilizzata a macchia di leopardo nel nostro Paese, colmando quindi un gap ancora presente. In Italia ci sono dei centri eccellenti così come dei centri che soffrono, in cui c’è bisogno di formazione. Questo progetto intende essere il punto di partenza per far crescere una generazione di nuovi chirurghi che possano, nel giro di poco tempo, apprendere e far crescere la penetrazione di questa tecnica in Italia».

Un progetto che mira a estendere l’eccellenza e soprattutto a standardizzarla, per far sì che in tutta Italia questo modello di formazione sia distribuito in modo il più possibile uniforme.

«Esatto, i punti di forza sono proprio questi: due grandi società scientifiche, le maggiori del Paese, che si mettono insieme alle istituzioni e alle compagnie di device; un’accurata selezione dei partecipanti in modo tale da scegliere le persone con la maggior motivazione e con la maggior possibilità di successo; un percorso che continuerà negli anni successivi per monitorare che le tecniche insegnate poi vengano realmente apprese e realmente messe in opera nei diversi ospedali di lavoro».


Articoli correlati
Carenza medici, Luca Zaia: «Concorsi deserti in Veneto, problema grave». Marini (Acoi): «Parole di verità, noi pronti a piano straordinario»
Il presidente dell’Associazione nazionale dei chirurghi ospedalieri commenta le parole di Luca Zaia: «Pronti a fornire il nostro contributo alle Regioni così come al Ministero per mettere in campo azioni urgenti che evitino che si superi il livello di guardia e accelerare i tempi di una indispensabile e seria riforma della formazione professionale»
Marini (Acoi): «Rivoluzionare formazione o usciamo dalle scuole»
«Il ministro Grillo conosce i nodi della sanità’ e voglio ringraziarla per l’attenzione che ha posto sul tema specializzandi e sul nostro progetto degli Ospedale-Scuola. Il tema centrale è la formazione e non c’è dubbio che se alle buone intenzioni non seguiranno i fatti i chirurghi italiani valuteranno l’uscita dalle reti formative nazionali». Lo ha […]
38° Congresso Acoi, Marini: «Chirurgia sta morendo, serve riforma della formazione»
A Matera il congresso dell’Associazione chirurghi medico ospedalieri. Il ministro Grillo: «Bisogna cambiare la formazione post laurea dei medici che aiuti ad avere un sistema più fluido, come nel resto d'Europa». Presentato il libro "Scienza, Carità, Arte negli antichi Ospedali d'Italia”
Azioni legali contro i medici, Marini (ACOI): «Campagna sms contro chirurghi inaccettabile»
«Eticamente e moralmente rappresenta una vera e propria aggressione nei nostri confronti» commenta Pierluigi Marini, presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani (ACOI)
Contraccezione, Onda: «Italia al 26esimo posto in Europa per accesso agli anticoncezionali, il counseling e l’informazione online»
«La salute sessuale e riproduttiva rappresenta un diritto umano fondamentale che deve essere preservato e tutelato. Di fatto, però, in Italia manca ancora oggi un programma organico e strutturato di educazione all’affettività e alla sessualità» sostiene Francesca Merzagora, Presidente Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. Questa lacuna spiega in parte perché […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Salute

Boom di denunce per “malpractice”, i chirurghi non ci stanno: «Nessuno vuole fare più questo mestiere»

Dei 35mila procedimenti che si aprono ogni anno oltre il 90% si risolvono in un nulla di fatto. Il Presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi (CIC), Filippo La Torre: «Serve legge che regoli la m...