Salute 7 Dicembre 2017

Chirurghi, formazione in ritardo e troppo a “macchia di leopardo”. Allarme di SIC e ACOI: lanciato il progetto Op2IMISE

Le due principali società scientifiche chirurgiche italiane lanciano il progetto Op2IMISE per sviluppare una metodologia di formazione standardizzata a livello nazionale per ottimizzare la qualità e l’efficienza della chirurgia

La chirurgia mininvasiva ha ormai dimostrato di avere il miglior rapporto costo-efficacia e di poter garantire ai pazienti maggiori vantaggi: minore trauma degli accessi chirurgici, tempi di recupero e di ospedalizzazione più brevi, dolore post-operatorio inferiore alle tecniche tradizionali, minore incidenza di complicanze associate a minori rischi intraoperatori grazie allo sviluppo delle tecniche di imaging. Tuttavia, in Italia l’uso della laparoscopia è tra i più bassi in Europa. Tra i fattori che hanno portato a questo basso utilizzo figurano gli scarsi investimenti economici e l’insufficiente dotazione tecnologica nelle strutture sanitarie, ma anche la mancata formazione dei giovani chirurghi. Ed è proprio questo il motivo che ha spinto le due maggiori società scientifiche chirurgiche italiane, ACOI (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani) e SIC (Società Italiana di Chirurgia), a promuovere il progetto Op2IMISE (Open To Innovative Surgery Experience): nato in collaborazione con il Centro di ricerca e Studio della Sanità Pubblica (CESP) dell’Università degli Studi di Milano Bicocca e con il contributo incondizionato di Medtronic, il progetto intende sviluppare e applicare una metodologia standardizzata a livello nazionale di formazione per ottimizzare la qualità ed efficienza della chirurgia. Marco Montorsi, Presidente SIC, ha presentato il progetto in occasione de “Gli stati generali della chirurgia italiana”.

Professore, è stata posta l’attenzione su un tema fondamentale, quello della formazione in chirurgia, necessaria per fare progressi a beneficio non solo del paziente, ma anche del sistema sanitario.

«Certamente, l’ambizione di questo progetto è proprio quello di migliorare la penetrazione della chirurgia laparoscopica, utilizzata a macchia di leopardo nel nostro Paese, colmando quindi un gap ancora presente. In Italia ci sono dei centri eccellenti così come dei centri che soffrono, in cui c’è bisogno di formazione. Questo progetto intende essere il punto di partenza per far crescere una generazione di nuovi chirurghi che possano, nel giro di poco tempo, apprendere e far crescere la penetrazione di questa tecnica in Italia».

Un progetto che mira a estendere l’eccellenza e soprattutto a standardizzarla, per far sì che in tutta Italia questo modello di formazione sia distribuito in modo il più possibile uniforme.

«Esatto, i punti di forza sono proprio questi: due grandi società scientifiche, le maggiori del Paese, che si mettono insieme alle istituzioni e alle compagnie di device; un’accurata selezione dei partecipanti in modo tale da scegliere le persone con la maggior motivazione e con la maggior possibilità di successo; un percorso che continuerà negli anni successivi per monitorare che le tecniche insegnate poi vengano realmente apprese e realmente messe in opera nei diversi ospedali di lavoro».


Articoli correlati
Infarto, dimezzati accessi in PS per paura contagio da Covid-19. Indolfi (Sic): «Temiamo aumento mortalità per malattie cardiovascolari»
Il monito del presidente della Società Italiana di Cardiologia: «Con sintomi gravi - dolore toracico, sudorazione o difficoltà respiratorie - non bisogna esitare, si deve chiamare subito il 118. Negli ospedali ci sono percorsi dedicati ai cardiopatici, differenziati da quelli per i pazienti affetti da Covid-19»
Coronavirus, De Paolis (Sic): «Usate le mascherine, formidabile strumento contro pandemia in corso»
Il monito arriva dalla Società Italiana di Chirurgia e potrebbe risultare fondamentale nella lotta alla diffusione del coronavirus: «Le mascherine devono essere usate da tutti. Se lo facciamo moltiplichiamo l’efficacia del distanziamento sociale»
Contenzioso, Marini (ACOI): «Completare al più presto Legge Gelli, per noi chirurghi le assicurazioni continuano ad aumentare»
«La medicina difensiva costa 15 miliardi all’anno, bisogna muoversi» sottolinea il presidente dell’Associazione Chirurghi Ospedalieri che poi chiede si avvii il percorso di unificazione tra le varie associazioni di categoria
De Paolis (SIC): «Chirurgia italiana parli con voce unica. Avviato percorso tra le varie associazioni per rilancio professione»
In occasione del 121° Congresso della Società Italiana di Chirurgia, il presiedente Paolo De Paolis ha poi sottolineato il tema delle eccessive aspettative dei pazienti nei confronti del medico chirurgo: «Le possibilità del chirurgo sono moltissime, sono cresciute grazie alle nuove tecnologie ma ci troviamo sempre di fronte a un nemico terribile che è la malattia, il tumore»
Superticket, Speranza tira dritto: «Va abolito». Bonaccini: «Tolto in Emilia-Romagna riducendo gli sprechi»
VIDEO INTERVISTA | "Mi batterò perché l'abolizione del superticket avvenga nel tempo più breve possibile" dice il Ministro della Salute, Roberto Speranza. Da Bologna, nelle stesse ore, il Presidente della Regione Stefano Bonaccini, spiega come in Emilia-Romagna si sono trovate le risorse per adottare la stessa misura
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 28 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco