Salute 17 Novembre 2020 12:17

C’è un legame tra dislessia e la mancanza di ritmo: musica e danza possono aiutare i ragazzi con DSA

Uno studio dell’Università Bicocca e dell’Istituto Besta apre nuove ipotesi sul disturbo dell’apprendimento più diffuso. I ricercatori: «Abbiamo rilevato che nei dislessici il tempo che intercorre tra sguardo e azione è di circa mezzo secondo. Ma per avere ritmo servono sincronizzazione e tempo di intervento»

di Federica Bosco

Esiste una relazione tra ritmo e dislessia. La conferma è arrivata di recente dalla ricerca condotta dall’Università Milano Bicocca in collaborazione con l’Istituto Besta e pubblicato su Scientific Report. Lo studio, realizzato da Maria Teresa Guasti, Natale Stucchi (docenti dell’Università Bicocca) ed Elena Pagliarini (ricercatrice dell’Università di Padova), ha riconosciuto nei dislessici la mancanza di quel meccanismo che caratterizza il ritmo, ovvero la sfasatura di una frazione di secondo tra quello che si dice e quello che si guarda.

PERCHÈ LA LETTURA DEL DISLESSICO NON È FLUENTE

«Grazie al fatto che il ritmo ci permette di anticipare, ovvero di predire un evento futuro, noi possiamo essere sfasati o desincronizzati rispetto a quello che stiamo facendo e a quello che andremo a fare un secondo dopo – spiega la professoressa Maria Teresa Guasti, docente di glottologia e linguistica –. Per avere un ritmo occorre una sequenza di suoni e pause organizzati temporalmente con una struttura temporale che permetta al soggetto di agire per anticipare un evento futuro. Quindi un comportamento ritmico deve avere due elementi importanti, il primo è la sincronizzazione e il secondo è il tempo di intervento».

«In qualche modo c’è una distanza tra quello che si guarda e quello che si sta facendo – aggiunge il professor Natale Stucchi, docente di psicologia generale, riportando il modello ritmico alla lettura – ed è proprio questa sincronia tra sguardo ed azione che permette al soggetto di essere fluente perché è preparato e sa esattamente quello che deve fare. Attraverso lo studio abbiamo rilevato che il tempo che intercorre tra sguardo ed azione è di circa mezzo secondo. Un tempo apparentemente breve che invece mette in luce tutte le difficoltà del dislessico che non è sincrono».

LO STUDIO DELL’UNIVERSITÀ BICOCCA SU DUE GRUPPI DI ADULTI E BAMBINI

Come correggere il gap che oggi interessa il 3,2% degli studenti? Lo studio cui hanno preso parte due gruppi di adulti (15 con dislessia e 23 senza) e due di bambini (18 con dislessia e 29 senza), ha permesso di formulare possibili correttivi con un impiego costante del ritmo nella quotidianità attraverso attività motorie (come ginnastica ritmica e danza) o ludiche, musica e canto su tutti.

«Ai gruppi presi in esame nello studio abbiamo dato una sequenza ritmica. Ad un certo punto abbiamo introdotto un elemento che indicava quando dovevano fare una certa azione, ovvero schiacciare un pulsante del computer. Attraverso la misurazione di quel gesto, abbiamo potuto evidenziare che le persone con dislessia erano leggermente in ritardo, non perché avessero tempi di reazione diversi, ma non riuscivano ad anticipare così bene come i normo lettori. Nella lettura se c’è anche una incapacità minima di anticipare, ovvero poche frazioni di secondo, questo la rende meno fluente».

MUSICA E DANZA PER MIGLIORARE LE CONDIZIONI DEI DISLESSICI

Alla luce di questo risultato, per correggere e migliorare la condizione di un dislessico è fondamentale fare un’attività che dia ritmo e quindi sia in grado di aiutare il dislessico ad anticipare. Al riguardo il professor Stucchi non ha dubbi: «Tutte le attività che spingono ad anticipare per poter fare fluentemente qualche cosa sono attività ottime. Da questo punto di vista sono indicate la musica, la danza ma qualsiasi attività motoria, che permetta di coordinare e produrre una sequenza temporale regolare».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Leucemia, nei podcast “Diamo voce al futuro” di AIL e Janssen storie di pazienti per sostenere la ricerca
L’obiettivo è rendere le terapie con cellule Car-T sostenibili dal sistema sanitario nazionale e accessibili a tutti
di Federica Bosco
Amalia Bruni: «Burocrazia ottusa nemica della ricerca. Ma non cambierei la scelta di restare in Calabria»
I suoi studi sull’Alzheimer hanno dato un grande contributo per capire i meccanismi della malattia. Oggi la corsa per la presidenza della Regione appoggiata da Pd e M5S: «La sanità torni in mano ai calabresi, ripagheremo i debiti»
di Francesco Torre
DSA, passa la legge per avere strumenti compensativi nei concorsi pubblici
Soddisfazione dell’Associazione Italiana Dislessia. La vicepresidente Antonella Trentin: «Ora ridurre le discriminazioni sul luogo di lavoro. Ci battiamo perché passi la legge per tutelare i DSA nelle carriere universitarie, negli esami di stato e nell’esame della patente»
di Federica Bosco
Ipovisione e cecità, il “miracolo” della terapia genica
Falsini (oculista): «Sono attualmente eleggibili al trattamento i pazienti con difetto del gene RPE65. Ma, grazie ai progressi della scienza, la terapia genica sarà presto utilizzabile anche per le malattie ereditarie della retina causate da una mutazione diversa»
di Isabella Faggiano
Le emozioni possono aiutare la scienza. La storia di Sammy, il giovane alla ricerca di una cura per l’invecchiamento precoce
“Sammy-seq”, “base-editing” e farmaci che rallentano la progressione della patologia: ecco le tre scoperte che hanno rivoluzionato il trattamento della progeria, la patologia dell’invecchiamento precoce
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?