Salute 13 Settembre 2016

BancomHeart, Gulizia (ANMCO): «Una card con i dati del cuore per italiani e migranti»

Contro le malattie cardiache, prima causa di morte in Italia e tra le patologie più frequenti riscontrate nei migranti in arrivo nel nostro Paese, nasce il progetto BancomHeart: una card che contiene tutti i dati sulla salute del cuore necessari per una corretta e tempestiva assistenza. Intervista a Michele Gulizia, presidente Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri e promotore dell’iniziativa

Sembra proprio un bancomat, ma non contiene soldi bensì informazioni fondamentali sulla salute del nostro cuore. Si chiama “BancomHeart”, ed è una card contenente tutti i dati necessari per una tempestiva assistenza cardiologica in caso di necessità. Il progetto, di cui si è parlato a Roma nell’ambito del congresso Esc, il prestigioso raduno degli iscritti alla European Society of Cardiology, riguarda non solo gli italiani, ma anche i migranti che giungono nel nostro Paese. Abbiamo chiesto a Michele Gulizia, presidente di ANMCO, l’associazione dei cardiologi ospedalieri e promotore dell’iniziativa, di illustrarcene i contenuti.

«La popolazione migrante non cerca solo lavoro e stabilità ma anche assistenza sanitaria. I migranti vengono soprattutto da quei Paesi confinanti sul nostro bacino del Mediterraneo e sono accomunati da alcune problematiche: l’endocardite, le infezioni e la prevenzione cardiovascolare che in quelle zone, di fatto, non esiste».

Lei è anche promotore di un progetto molto importante e sta girando il Mediterraneo per esportarlo. Ce ne parli.

«Sì, è la Banca del Cuore, questa cassaforte digitale di dati sanitari che contiene anche l’elettrocardiogramma e una breve anamnesi del soggetto. Noi abbiamo rilasciato più di 18mila card chiamate “BancomHeart”, in analogia alla ben più famosa carta di debito, e adesso le stiamo esportando in questi Paesi per offrire loro due aspetti importanti. Uno relativo alla consapevolezza della prevenzione, perché così possiamo più facilmente censire questi soggetti sotto il profilo cardiovascolare, abituandoli a un regime dietetico diverso, abbassando i valori di pressione e colesterolomia. E, soprattutto, prevenire e curare quelle infezioni che fanno sì che questi soggetti diventino dei valvulopatici, ovvero dei cardiopatici valvolari importanti, in giovanissima età: infatti, quando emigrano nel nostro Paese e ricevono – com’è giusto – assistenza sanitaria, spesso vanno incontro a sostituzioni valvolari».

E’ una questione che riguarda anche l’Italia, infatti voi girate il Paese diffondendo il vostro “BancomHeart”: secondo alcuni dati recenti dell’Istat c’è un problema di mancato accesso alle cure, forse per povertà o per scarsa consapevolezza della necessità di curarsi.

«In effetti non c’è difficoltà ad accedere alle cure ma la gente è abituata male, è convinta di andare al pronto soccorso per farsi misurare la pressione e non si rende conto che intasa una struttura che è dedicata solo all’emergenza. C’è una disaffezione da parte del paziente alla medicina generale che invece assume un ruolo importante soprattutto nella prevenzione cardiovascolare, ma non solo: pensiamo ad esempio alle vaccinazioni, di grande rilievo nel nostro Sistema sanitario nazionale. Per quanto riguarda il discorso della banca del Cuore, ovviamente in Italia attecchisce in maniera diversa: noi rilasciamo gratuitamente queste card e il tracciato che facciamo serve da screening immediato per il paziente, anche per la prevenzione di malattie importanti come la morte cardiaca improvvisa. Questo perché il banale elettrocardiogramma ti permette di capire se sei scompensato, se sei affetto da cardiopatia a trasmissione genetica come la sindrome di Brugada, del QT lungo, del QT corto o la displasia aritmogena che purtroppo hanno nella fibrillazione ventricolare il primo e ultimo momento di manifestazione della malattia. Nei 18mila pazienti che abbiamo screenato ne abbiamo trovati il 2,31% affetti da fibrillazione atriale o da alcune di queste patologie, e sono potuti ricorrere prontamente alle cure del cardiologo. Addirittura, in un caso reso noto dal governatore del Veneto Luca Zaia, un paziente assolutamente asintomatico che era andato in un ambulatorio a farsi rilasciare la “BancomHeart” ha scoperto di essere affetto da una gravissima cardiopatia ischemica acuta, con tre coronarie otturate, e fu salvato».

Articoli correlati
Frontiera Italia-Slovenia, rafforzati controlli sanitari alla frontiera. Fedriga (FVG): «Verificare in sicurezza stato di salute delle persone intercettate»
Accordo tra Regione Friuli-Venezia Giulia e Prefettura di Trieste per un protocollo operativo a tutela della salute delle Forze di Polizia, degli operatori e dei migranti stessi. Saranno allestite strutture di primissima accoglienza con i requisiti minimi essenziali di igiene e profilassi. Soddisfatto il SAP
di Federica Bosco
Tubercolosi e migranti, Galli (Simit): «Il problema sono le condizioni di vita, non il paese di appartenenza»
Massimo Galli, Professore Ordinario Malattie Infettive Università degli Studi di Milano e Presidente della SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali) ha voluto far chiarezza sul contenuto di una sua intervista di qualche giorno fa in cui si parlava di migranti e tubercolosi. Di seguito la precisazione: «Dopo aver constatato che era stato sintetizzato male […]
Europee, parla Bartolo il medico record di preferenze: «Porto a Bruxelles il mio impegno per la formazione»
Pietro Bartolo è stato il quinto candidato più votato in tutta Italia alle ultime elezioni per il Parlamento europeo: «Vorrei che il ‘mio’ mare smetta di essere un cimitero e rivendico il mio impegno con Sanità di Frontiera per formare i camici bianchi ad assistere i migranti”
Presentata a Roma l’iniziativa “Ospedale amico delle donne migranti – la salute non ha etnia”
Realizzare modelli e strumenti di inclusione sociale ed economica. Questo è l’obiettivo del progetto “Ospedale amico delle donne migranti – la salute non ha etnia” realizzato in collaborazione dalla ASL Roma 1 e da Fondazione TIM, che sostiene progetti che valorizzano il ruolo delle nuove tecnologie insieme a capacità di gestione ed efficienza, per realizzare […]
I migranti non trasmettono malattie ma hanno difficoltà ad accedere alle cure: tutti i dati del rapporto Oms
I risultati del primo 'Rapporto sulla salute dei rifugiati e dei migranti nella Regione Europea dell'Oms' presentati oggi alla presenza del ministro Giulia Grillo. «A volte abbiamo preconcetti sulla salute dei migranti, ma ora abbiamo concrete basi scientifiche per ridurre i miti a riguardo», è il commento di Piroska Östlin, vicedirettore dell'OMS Europa in merito al Rapporto sulla salute dei rifugiati e dei migranti nella Regione Europea dell'Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone