Salute 13 settembre 2016

BancomHeart, Gulizia (ANMCO): «Una card con i dati del cuore per italiani e migranti»

Contro le malattie cardiache, prima causa di morte in Italia e tra le patologie più frequenti riscontrate nei migranti in arrivo nel nostro Paese, nasce il progetto BancomHeart: una card che contiene tutti i dati sulla salute del cuore necessari per una corretta e tempestiva assistenza. Intervista a Michele Gulizia, presidente Associazione Nazionale Medici Cardiologi Ospedalieri e promotore dell’iniziativa

Sembra proprio un bancomat, ma non contiene soldi bensì informazioni fondamentali sulla salute del nostro cuore. Si chiama “BancomHeart”, ed è una card contenente tutti i dati necessari per una tempestiva assistenza cardiologica in caso di necessità. Il progetto, di cui si è parlato a Roma nell’ambito del congresso Esc, il prestigioso raduno degli iscritti alla European Society of Cardiology, riguarda non solo gli italiani, ma anche i migranti che giungono nel nostro Paese. Abbiamo chiesto a Michele Gulizia, presidente di ANMCO, l’associazione dei cardiologi ospedalieri e promotore dell’iniziativa, di illustrarcene i contenuti.

«La popolazione migrante non cerca solo lavoro e stabilità ma anche assistenza sanitaria. I migranti vengono soprattutto da quei Paesi confinanti sul nostro bacino del Mediterraneo e sono accomunati da alcune problematiche: l’endocardite, le infezioni e la prevenzione cardiovascolare che in quelle zone, di fatto, non esiste».

Lei è anche promotore di un progetto molto importante e sta girando il Mediterraneo per esportarlo. Ce ne parli.

«Sì, è la Banca del Cuore, questa cassaforte digitale di dati sanitari che contiene anche l’elettrocardiogramma e una breve anamnesi del soggetto. Noi abbiamo rilasciato più di 18mila card chiamate “BancomHeart”, in analogia alla ben più famosa carta di debito, e adesso le stiamo esportando in questi Paesi per offrire loro due aspetti importanti. Uno relativo alla consapevolezza della prevenzione, perché così possiamo più facilmente censire questi soggetti sotto il profilo cardiovascolare, abituandoli a un regime dietetico diverso, abbassando i valori di pressione e colesterolomia. E, soprattutto, prevenire e curare quelle infezioni che fanno sì che questi soggetti diventino dei valvulopatici, ovvero dei cardiopatici valvolari importanti, in giovanissima età: infatti, quando emigrano nel nostro Paese e ricevono – com’è giusto – assistenza sanitaria, spesso vanno incontro a sostituzioni valvolari».

E’ una questione che riguarda anche l’Italia, infatti voi girate il Paese diffondendo il vostro “BancomHeart”: secondo alcuni dati recenti dell’Istat c’è un problema di mancato accesso alle cure, forse per povertà o per scarsa consapevolezza della necessità di curarsi.

«In effetti non c’è difficoltà ad accedere alle cure ma la gente è abituata male, è convinta di andare al pronto soccorso per farsi misurare la pressione e non si rende conto che intasa una struttura che è dedicata solo all’emergenza. C’è una disaffezione da parte del paziente alla medicina generale che invece assume un ruolo importante soprattutto nella prevenzione cardiovascolare, ma non solo: pensiamo ad esempio alle vaccinazioni, di grande rilievo nel nostro Sistema sanitario nazionale. Per quanto riguarda il discorso della banca del Cuore, ovviamente in Italia attecchisce in maniera diversa: noi rilasciamo gratuitamente queste card e il tracciato che facciamo serve da screening immediato per il paziente, anche per la prevenzione di malattie importanti come la morte cardiaca improvvisa. Questo perché il banale elettrocardiogramma ti permette di capire se sei scompensato, se sei affetto da cardiopatia a trasmissione genetica come la sindrome di Brugada, del QT lungo, del QT corto o la displasia aritmogena che purtroppo hanno nella fibrillazione ventricolare il primo e ultimo momento di manifestazione della malattia. Nei 18mila pazienti che abbiamo screenato ne abbiamo trovati il 2,31% affetti da fibrillazione atriale o da alcune di queste patologie, e sono potuti ricorrere prontamente alle cure del cardiologo. Addirittura, in un caso reso noto dal governatore del Veneto Luca Zaia, un paziente assolutamente asintomatico che era andato in un ambulatorio a farsi rilasciare la “BancomHeart” ha scoperto di essere affetto da una gravissima cardiopatia ischemica acuta, con tre coronarie otturate, e fu salvato».

Articoli correlati
Catania, al via il congresso: “I progressi della terapia antiinfettiva”
Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale. È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di […]
Migranti Diciotti, Medici Senza Frontiere: «Al Baobab negato diritto a cure mediche»
Alcuni degli ospiti del centro Caritas di Rocca di Papa rintracciati a Roma al centro sociale del Tiburtino. L’Ong: «L'operazione ha anche violato confidenzialità medica»
Nave Diciotti, De Martini (Lega): «Da medico dico basta strumentalizzazioni. Garantite cure a migranti, mentre i malati italiani…»
L’oculista eletto in Sardegna per il partito di Salvini replica a quanti hanno polemizzato con la gestione sanitaria della vicenda e ricorda: «Perché nessuno si indigna per i cittadini che arrivano da noi medici piangendo perché non hanno soldi per medicine?». Poi promette l’impegno per la sanità della sua Regione: «Siamo passati da otto Asl a un unico Ats, peggioramento evidente. Ora invertire tendenza»
Migranti, FNOMCeO su caso Diciotti: «Grazie ai medici impegnati: abbiamo dovere deontologico di assistere tutti gli essere umani»
Il Presidente della Federazione degli Ordini Filippo Anelli: «Plauso ai colleghi che si battono per i diritti fondamentali dell’uomo»
Diciotti, Vella si dimette dall’Aifa. «Impossibile tollerare trattamento migranti in territorio che garantisce salute universale»
«Situazione deontologicamente incompatibile con mia permanenza come vertice». Così Stefano Vella in una lettera indirizzata al Ministro Grillo e tutte le autorità sanitarie regionali e nazionali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...
Formazione

Caos numero chiuso: tra annunci di abolizione e ondate di ricorsi

Governo vara stop ai test medicina, poi la retromarcia. Spiazzati Grillo (Salute) e Bussetti (MIUR): «Aumento accessi e borse di studio». Anelli (FNOMCeO): «Risolvere imbuto formativo». Ma l’esa...