Mondo 22 Giugno 2018

Cannabis terapeutica tra ricerca e scetticismo. L’esperto: «Legislazione mondiale non omogenea. Entro fine anno regolarizzata in 40 Paesi»

Nonostante le qualità medicali degli estratti della pianta siano universalmente riconosciute, non tutte le nazioni hanno adottato una legislazione che ne permette la commercializzazione e l’utilizzo. Pachta: «Necessario trovare il giusto equilibrio e utilizzare cannabis in medicina limitandone gli abusi»

di Arnaldo Iodice - Inviato ad Atene (Grecia)

La comunità scientifica internazionale è ormai concorde nel ritenere gli estratti della cannabis un valido e comprovato rimedio terapeutico contro una grande quantità di patologie. In diversi casi, inoltre, i principi attivi estratti dalla pianta rappresentano, per molti pazienti affetti da malattie neurodegenerative, l’unica soluzione capace di avere qualche effetto benefico sul loro organismo. Insomma, decenni di esperimenti e studi confermano le proprietà terapeutiche della cannabis. Eppure sono tanti (persone comuni ma anche operatori sanitari) a nutrire diversi pregiudizi su questo tipo di medicina. Il motivo? Adoperare questo tipo di medicina «non è semplice», per non parlare del «doppio tipo di utilizzo» che si può fare della cannabis. Così il Dottor Pavel Pachta, tra i principali esperti nella regolamentazione internazionale delle droghe.

Dottor Pachta, ricerche e studi condotti in tutto il mondo dimostrano che la cannabis può essere utilizzata come medicinale. Ma perché l’utilizzo terapeutico degli estratti della pianta non è così diffuso a livello internazionale?

«Perché non è diffuso? Penso principalmente per due problemi. Primo perché è un medicinale a base di erbe ed utilizzarle non è molto semplice nemmeno per i medici. In secondo luogo può anche essere utilizzata a scopi ricreativi, quindi le persone possono diventarne dipendenti, e per questo esiste un sentimento negativo nei confronti della cannabis. Molte sostanze hanno un doppio utilizzo, quindi sono molto positive in termini medici ma possono anche essere oggetto di abuso. Si tratta sempre di trovare il giusto equilibrio. Quindi la strada da seguire è quella di utilizzare la cannabis in medicina riuscendo al tempo stesso a limitare gli abusi. Quindi sicuramente la cannabis può essere utilizzata in medicina e si può anche limitarne gli abusi. Questa è la strada da seguire».

Quali sono i Paesi più avanzati al mondo per quanto riguarda la regolamentazione della cannabis?

«È difficile dare un giudizio in merito. Penso che siano pochi i Paesi che hanno già esperienza in tal senso, come il Canada o Israele. La prima nazione è stata l’Olanda ed altri Paesi l’hanno seguita. C’è la situazione particolare degli Stati Uniti, dove è legale a in 29 stati ma non lo è a livello federale. In tutto il mondo sono più di 30 i Paesi che hanno stabilito un sistema regolatorio e forse arriveremo a 40 entro la fine dell’anno. Quindi penso, come ho detto in una delle mie presentazioni qui ad Atene, che nessuno sia perfetto e che si possa sempre imparare dagli altri, perché troviamo elementi positivi in alcuni Paesi ed elementi negativi in altri».

 

 

Articoli correlati
Cannabis terapeutica, Lodi (neurologo): «È efficacie per alcune forme rare di epilessia»
Ambrosetto (neurologo): «I pazienti comprendano che non stanno fumando uno spinello ma assumendo un farmaco». Parlano gli esperti del Gruppo di ricerca sulla Cannabis Terapeutica istituito dalla Lega Italiana contro l’Epilessia
di Isabella Faggiano
Cannabis, il senatore M5S Matteo Mantero: «Vi spiego perché legalizzandola tuteliamo la salute pubblica»
Il Ddl prevede la possibilità di coltivare fino a 3 piante femmine in casa propria o in forma associata e di detenere fino a 15 grammi di sostanza. «Lo scopo - sottolinea - è quello di consentire a quelle persone di utilizzare il prodotto più sicuro, perché ovviamente è molto più sicura la cannabis che io mi coltivo in casa piuttosto che quella che compro dalla spacciatore che può essere tagliata con sostanze nocive, inquinanti, o che aumentano l’effetto psicotropo»
Droghe, Italia al terzo posto in Europa per consumo. Cazzaniga (Tossicologo): «Primi approcci già da 13-14 anni. Gravi conseguenze per cervello, muscoli e pelle»
Secondo i dati dell’Osservatorio europeo di droghe e tossicodipendenze (EMCDDA) è la cannabis la principale sostanza stupefacente consumata in Italia e in Europa. La cocaina è stata assunta negli ultimi 12 mesi da 3,5 milioni di individui di cui 2,3 milioni sono giovani con meno di 34 anni. L’esperto: «Con droghe sintetiche rischio decadimento neurologico»
di Federica Bosco
Cannabis terapeutica, la proposta della Sirca: «Aumentare la produzione italiana». E il M5S accoglie l’appello
Il Presidente della Società Italiana Ricerca Cannabis Paolo Poli sottolinea: «Produciamo troppo poco rispetto al fabbisogno». Gruppo Cinque Stelle: «Garantire continuità terapeutica, l’accesso alle cure a base di cannabis sia garantito equamente su tutto il territorio nazionale»
Cannabis terapeutica, Ministro Grillo: «Sforzo per garantire disponibilità in ogni farmacia»
Visita a Firenze della titolare della Salute con il Sottosegretario Bartolazzi. Associazione pazienti denunciano difficoltà trovare sostanza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali