Salute 19 Ottobre 2021 13:17

Cannabis ed epilessia, LICE: «Affidarsi al medico specialista per definire corretta terapia»

«Molti medici – spiega la Presidente LICE Laura Tassi – privi delle corrette credenziali cliniche e scientifiche nel settore dell’Epilessia, inducono rischiosi tentativi terapeutici con sostanze che possono causare anche gravi conseguenze e riguardo le quali non esistono studi di efficacia e sicurezza»

Cannabis ed epilessia, LICE: «Affidarsi al medico specialista per definire corretta terapia»

Nella diagnosi e cura delle Epilessie, soprattutto per impostare la terapia delle forme rare e severe, è importante affidarsi a neurologi, neuropsichiatri infantili e pediatri esperti. A ribadirlo è la Lega Italiana Contro l’Epilessia (LICE) perché «ogni paziente presenta una storia clinica differente e solo un medico esperto nella gestione delle epilessie è in grado di stabilire il percorso terapeutico più idoneo».

Il Cannabidiolo nella cura delle Epilessie

Un concetto valido ancor di più quando si ha a che fare con i derivati della Cannabis e, nello specifico, con il Cannabidiolo (CBD), una molecola che negli ultimi anni ha destato grande interesse come ulteriore soluzione terapeutica per il trattamento di alcune Epilessie farmaco-resistenti.

«Assistiamo con preoccupazione ad una escalation della pubblicità di prodotti contenenti derivati della Cannabis, il più delle volte senza avere nemmeno la certezza della qualità e della quantità dei principi attivi contenuti nei prodotti stessi, venduti per lo più attraverso Internet. Molti medici – spiega la Presidente LICE Laura Tassi – privi delle corrette credenziali cliniche e scientifiche nel settore dell’Epilessia, si presentano come esperti sia della patologia che della sua cura, inducendo a rischiosi tentativi terapeutici con sostanze che possono causare anche gravi conseguenze e riguardo le quali non esistono studi di efficacia e sicurezza. Infine, sono già state presentate specifiche richieste alle Istituzioni a livello regionale per estendere l’utilizzo della “Cannabis Medica” per qualunque forma di Epilessia, pur in assenza di evidenze scientifiche».

«Il Cannabidiolo non deve essere considerato innocuo»

La prescrizione di una terapia a base di Cannabidiolo (CBD) per trattare le crisi epilettiche da parte di un medico non esperto nella gestione delle epilessie «è potenzialmente pericolosa e controproducente – prosegue la LICE -. Malgrado non abbia effetti psicotropi come altri cannabinoidi (es. THC), il Cannabidiolo (CBD) non deve essere considerato innocuo poiché presenta rischi concreti se non utilizzato sotto il controllo di un epilettologo esperto. Numerose variabili possono influenzare l’esposizione ai rischi o ai benefici del Cannabidiolo (CBD), aspetti che possono essere gestiti principalmente attraverso la prescrizione ed il corretto monitoraggio da parte del proprio medico specialista. Infine, si ricorda che, ad oggi, le evidenze scientifiche hanno dimostrato l’efficacia del Cannabidiolo (CBD) come preparato farmaceutico soltanto in alcune rare forme di epilessia e, malgrado sia verosimile che ci possano essere benefici clinici anche in altre forme di epilessia, ciò non è al momento provato. Ancor meno nota è l’efficacia e la tossicità di altri principi attivi presenti nei derivati della cannabis».

Le evidenze scientifiche a supporto dell’uso di Cannabidiolo (CBD) come preparato farmaceutico, «non possono e non devono essere estese anche all’utilizzo della Cannabis. Questo – evidenzia la LICE – sia per la presenza di altri cannabinoidi che potrebbero avere effetti opposti sia perché non ci sono dati a supporto di un favorevole rapporto rischio/beneficio. Per le evidenze scientifiche fino ad ora prodotte, l’uso medico della Cannabis può rappresentare un trattamento di supporto ai trattamenti standard se non hanno prodotto gli effetti desiderati o hanno provocato effetti secondari non tollerabili».

«Affidarsi sempre a medici esperti»

La pandemia ha messo in luce i progressi della ricerca scientifica e le conseguenti applicazioni in ambito clinico. «Affidiamoci sempre al medico specialista nella diagnosi e cura delle diverse forme di Epilessia – conclude il Past-President di LICE Oriano Mecarelli – è il solo che potrà consigliare le soluzioni terapeutiche migliori, basate sulle evidenze scientifiche, e quindi con profili di sicurezza ed efficacia documentati e approvate dalle competenti autorità regolatorie».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Cannabis, allarme adolescenti: a 13 anni già ne fanno uso, a rischio il cervello
Uno studio europeo rivela: Italia al primo posto per il consumo di marjuana tra i ragazzi con conseguenze che possono essere devastanti dal punto di vista neurologico. Maisano (psicologa e psicoterapeuta Fatebenefratelli Sacco): «La risonanza magnetica rivela aree cerebrali danneggiate che possono col tempo compromettere funzioni percettive e cognitive dell’individuo»
Cannabis, l’allarme dell’Omceo Roma: «È pandemia nei giovanissimi con effetti devastanti»
Aumenta il numero di giovani e giovanissimi che fanno uso di cannabis con effetti sulla salute mentale. Per contrastare questo fenomeno l'Omceo di Roma ha creato un Gruppo di lavoro dedicato alla prevenzione, valutazione e divulgazione delle conseguenze della cannabis
Prima di morire si rivede davvero il film della propria vita, lo studio
Per la prima volta sono state trovate le prove che poco prima di morire tutta la vita ti passa davanti
Cannabis, nessun referendum. Molinaro (Cnr), «Cambio norme non influisce su consumo abituale»
La Corte Costituzionae ha dichiarato inammissibile il referendum per depenalizzare la coltivazione della cannabis a uso personale. Sabrina Molinaro del Cnr esprime i suoi dubbi sugli effetti di norme più liberali sui consumatori abituali
In arrivo il primo Piano d’Azione Internazionale per la gestione dell’epilessia
Realizzato anche grazie al contributo di FIE e IBE. A maggio si vota la ratifica. Cervellione (FIE/ELO): «L’Italia non può farsi trovare impreparata, chiediamo un tavolo permanente presso il Ministero della Salute»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali