Salute 29 Ottobre 2020 08:51

Cannabis medica: 4 italiani su 5 favorevoli ad allargamento produzione

Secondo un sondaggio SWG gli italiani sono poco informati sull’argomento ma disponibili ad aprire ad enti e aziende la possibilità di produrre cannabis terapeutica

Poco informati, ma assolutamente disponibili ad aprire ad enti locali e aziende private la possibilità di produrre cannabis terapeutica, divisi praticamente a metà sulla possibilità di autocoltivazione della stessa per uso personale. E’ questa, in estrema sintesi, la fotografia scattata dal sondaggio di Swg per BeLeaf/PQE Group sulla cannabis medica in Italia.

Secondo i risultati della ricerca, solo il 29 per cento dei cittadini si dice pienamente a conoscenza del fatto che in Italia curare determinate malattie con la cannabis sia assolutamente legale e che sia possibile acquistarla anche in farmacia, dietro prescrizione medica. Il 54 per cento si dice solo vagamente informato, mentre il 17 per cento sostiene di non saperne assolutamente nulla. Una discrepanza che aumenta in base all’età e ai titoli di studio, con i più giovani e i laureati che si mostrano più aggiornati sulla materia.

Nonostante questa lacuna informativa, il 78 per cento degli italiani (quasi quattro cittadini su cinque) si dice d’accordo ad allargare la produzione di cannabis ad uso medico, al momento limitata all’istituto farmaceutico militare di Firenze e del tutto insufficiente a soddisfare il fabbisogno nazionale, costringendo l’Italia ad importazioni dall’estero a prezzi più alti di quelli di produzione.

Alla domanda relativa alla possibilità di allargare la produzione ad enti locali e aziende private, il 38 per cento di italiani si dice del tutto d’accordo, il 40 per cento più d’accordo che in disaccordo. Il restante 22 per cento si dice in disaccordo (solo il 7 per cento strenuamente contrario). Anche in questo caso il profilo giovane/laureato è quello più fortemente convinto.

Infine l’opinione pubblica italiana si divide esattamente a metà riguardo l’ipotesi di aprire alla coltivazione domestica per i soggetti che necessitano di cannabis medica. Con un margine d’errore del 3,4 per cento, infatti, abbiamo un 49 per cento di cittadini che si dice tendenzialmente favorevole e un 51 per cento che invece è tendenzialmente in disaccordo.

Secondo Stefano Minnucci, direttore editoriale di BeLeaf Magazine – la rivista di settore che ha commissionato il sondaggio – emergono tre aspetti fondamentali: «Il primo è la grande lacuna dal punto di vista informativo, da colmare assolutamente nel più breve tempo possibile. Il secondo la criticità della produzione in Italia: non si comprende il motivo per cui lo Stato continui a lasciare i propri cittadini in emergenza farmaco quando potrebbe allargare la produzione anche ad aziende private. E siccome è una questione semplicemente di buon senso, gli italiani l’hanno capito molto bene. La terza questione riguarda l’autoproduzione: mi sembra degno di nota – conclude – che la metà della popolazione si dica d’accordo nonostante la carenza informativa. Se ci fosse più informazione, probabilmente la percentuale sarebbe maggiore».

Quando si parla di cannabis medica in Italia, ci si riferisce ad un settore in grande crescita ma ancora tutto da esplorare. «Una chiara definizione e una maggiore armonizzazione dei requisiti sia a livello europeo che a livello mondiale – spiega Davide Buratti, GxP Compliance Operations Director & Partner di PQE Group, l’azienda leader nel settore qualità che ha finanziato la ricerca – garantirebbe sicuramente quell’accelerazione alla diffusione della cannabis medica, che sarebbe di estremo beneficio non solo per soddisfare le necessità di un numero sempre maggiore di pazienti, ma anche per stimolare fortemente la crescita del settore produttivo farmaceutico e del relativo indotto. Secondo stime della Coldiretti, una ben definita regolamentazione della produzione e commercializzazione della cannabis medica in Italia garantirebbe un reddito annuo di 1,5 miliardi di euro e l’aumento di 10.000 posti di lavoro».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Cannabis, allarme adolescenti: a 13 anni già ne fanno uso, a rischio il cervello
Uno studio europeo rivela: Italia al primo posto per il consumo di marjuana tra i ragazzi con conseguenze che possono essere devastanti dal punto di vista neurologico. Maisano (psicologa e psicoterapeuta Fatebenefratelli Sacco): «La risonanza magnetica rivela aree cerebrali danneggiate che possono col tempo compromettere funzioni percettive e cognitive dell’individuo»
Cannabis, l’allarme dell’Omceo Roma: «È pandemia nei giovanissimi con effetti devastanti»
Aumenta il numero di giovani e giovanissimi che fanno uso di cannabis con effetti sulla salute mentale. Per contrastare questo fenomeno l'Omceo di Roma ha creato un Gruppo di lavoro dedicato alla prevenzione, valutazione e divulgazione delle conseguenze della cannabis
Cannabis, nessun referendum. Molinaro (Cnr), «Cambio norme non influisce su consumo abituale»
La Corte Costituzionae ha dichiarato inammissibile il referendum per depenalizzare la coltivazione della cannabis a uso personale. Sabrina Molinaro del Cnr esprime i suoi dubbi sugli effetti di norme più liberali sui consumatori abituali
Cannabis, burocrazia e pregiudizi frenano terapie. Con formazione medici migliora accesso ai pazienti
Da Consulcesi un corso per formare e aggiornare gli operatori sanitari sui molteplici benefici e limiti delle terapie a base di cannabinoidi. Massimo Tortorella, presidente Consulcesi: «Con formazione possibile migliorare l'accesso ai tantissimi malati che ne potrebbero trarre beneficio»
Cannabis medica, in arrivo bandi per società private e pubbliche. Poli (Sirca): «Grande opportunità per il Paese»
Il Presidente della Società Italiana Ricerca Cannabis spiega a Sanità Informazione cosa aspettarci dopo l’annuncio del Sottosegretario Costa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...