Salute 15 settembre 2017

Cannabis ad uso terapeutico, la Puglia: «Siamo pronti alla produzione»

Si è svolta ieri la Conferenza internazionale sull’uso medico della Cannabis Medicinale, presso il Centro Congressi Fiera del Levante di Bari. L’iniziativa, la prima in Italia, è stata promossa dalla Regione Puglia e dall’AReSS, l’Agenzia Regionale per la Salute ed il Sociale ed hanno partecipato esperti e ricercatori italiani ed esteri

L’uso della cannabis a scopo terapeutico è da sempre un tema molto dibattuto e molto delicato. Con l’obiettivo di affrontare l’argomento ed illustrare i risultati raggiunti in Puglia l’AReSS, l’Agenzia Regionale Strategica per la Salute ed il Sociale, ha organizzato a Bari un evento specifico che si è articolato in quattro sessioni: due sedute e due Workshop in cui si sono alternati medici ed esperti provenienti da diversi istituti di ricerca nazionali ed internazionali.

Nel primo incontro sono stati presentati gli aggiornamenti sullo stato della ricerca e fornite le indicazioni scientifiche per gli operatori sanitari in merito alla somministrazione di medicinali a base di Cannabis; la seconda seduta è stata dedicata ai pazienti che si trovano ad affrontare sofferenze fisiche e psicologiche invalidanti e alla possibilità di tutelarli e alleviarne le angosce attraverso il supporto farmacologico della cannabis. Durante i due workshop tecnici, sono stati approfonditi sia gli aspetti medico-legali che il tema della fitochimica della cannabis e degli sviluppi futuri di questo settore.

Il Presidente della Regione Puglia Michele Emiliano, in veste anche di Assessore alle Politiche della Salute, ha introdotto il convegno a cui hanno partecipato: il Commissario straordinario AReSS Puglia Giovanni Gorgoni; il Presidente Omceo Bari, Filippo Anelli; il Presidente dell’Ordine dei Farmacisti di Bari, Luigi D’Ambrosio Lettieri; il Presidente Federfarma Puglia Vito Domenico Michele Novielli; il Presidente Ipasvi Saverio Andreula.

«Il diritto alla salute viene prima di qualsiasi luogo comune. Abbiamo constatato una richiesta forte e permanente da parte dei cittadini con patologie oncologiche o neurologiche che hanno bisogno del farmaco e non riescono ad ottenerlo», queste le parole del Governatore della Regione Puglia, Michele Emiliano, al Resto del Gargano. «Per questo, abbiamo rilanciato l’ipotesi che in provincia di Lecce, nel Salento, possa essere avviata una produzione del farmaco dalla Regione Puglia attraverso le proprie strutture pubbliche – continua -. Se il Governo nazionale vuole intervenire sull’argomento lo faccia, altrimenti lasci libere le regioni di provvedere da sole».

 

 

Articoli correlati
Droghe, Italia al terzo posto in Europa per consumo. Cazzaniga (Tossicologo): «Primi approcci già da 13-14 anni. Gravi conseguenze per cervello, muscoli e pelle»
Secondo i dati dell’Osservatorio europeo di droghe e tossicodipendenze (EMCDDA) è la cannabis la principale sostanza stupefacente consumata in Italia e in Europa. La cocaina è stata assunta negli ultimi 12 mesi da 3,5 milioni di individui di cui 2,3 milioni sono giovani con meno di 34 anni. L’esperto: «Con droghe sintetiche rischio decadimento neurologico»
di Federica Bosco
Emergenza neve: garantita l’assistenza sul territorio H24, grazie ai medici pugliesi
I medici della Continuità assistenziale e di Emergenza territoriale di tutta la Puglia stanno affrontando da molte ore l’emergenza neve da tempo annunciata, con grande senso di responsabilità. L’assistenza alla cittadinanza è stata garantita in maniera ininterrotta per 24 ore al giorno. Le emergenze vengono gestite dal settore 118 con la presenza fondamentale dei medici […]
Cannabis terapeutica, la proposta della Sirca: «Aumentare la produzione italiana». E il M5S accoglie l’appello
Il Presidente della Società Italiana Ricerca Cannabis Paolo Poli sottolinea: «Produciamo troppo poco rispetto al fabbisogno». Gruppo Cinque Stelle: «Garantire continuità terapeutica, l’accesso alle cure a base di cannabis sia garantito equamente su tutto il territorio nazionale»
FNOMCeO: medici 118 in agitazione in Toscana e Puglia
Due Regioni, la Toscana e la Puglia, che non potrebbero essere più distanti – non solo geograficamente – ma che, in questi giorni, sono accomunate da analoghi attacchi a medici e infermieri. E se, in Puglia, i medici del 118 di Fimmg Emergenza hanno dichiarato da tempo lo stato di agitazione, in Toscana scende in […]
Il 13 settembre a Bari la giornata nazionale contro le violenze agli operatori sanitari. FNOMCeO: «Forma di violenza due volte cieca»
Sarà dedicata a Paola Labriola, la psichiatra barese uccisa da un suo paziente nel 2013. Il Presidente della Federazione dell’Ordine dei Medici Anelli annuncia una campagna di sensibilizzazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...