Salute 23 Aprile 2020

Campania, ancora stand-by sui test sierologici. Confronto serrato tra Regione e laboratori

Ciaramella (Consigliere Regione Campania): «Rete laboratoristica partner fondamentale, lavoriamo per trovare un’intesa che guidi fase 2»

Una partenza a macchia di leopardo, nelle varie Regioni, per i test sierologici che attestano la presenza in un organismo degli anticorpi Igg e Igm contro il Coronavirus. In Lombardia si comincia oggi nelle province di Bergamo, Brescia, Cremona e Lodi: una svolta importante per accelerare la ripartenza dell’attività produttiva. Ben diversa la situazione in Campania, dove, all’indomani dell’ordinanza regionale che consente, a partire dal prossimo lunedì, la riapertura di librerie, cartolerie e ed esercizi di ristorazione (solo per attività di consegna a domicilio), l’avvio dei test sierologici è in una fase di stallo.

Nei giorni scorsi la Regione aveva bloccato la partenza di questi test nei laboratori privati, stroncando sul nascere la richiesta da parte delle associazioni di categoria dei centri di analisi, con la motivazione di “dover aspettare l’esito della sperimentazione nazionale da parte del Ministero della Salute”. La Regione Campania, finora, ha autorizzato l’uso di questi test solo in casi ben precisi nelle strutture pubbliche e per il personale sanitario.

LEGGI ANCHE: TAMPONI E TEST SUGLI ANTICORPI, IL RUOLO DEI LABORATORI PRIVATI NELLA LOTTA AL COVID-19

La cautela è d’obbligo, come ha confermato ai nostri microfoni la presidente nazionale della Federazione Italiana Biotecnologi, la dottoressa Antonella Carillo, cui abbiamo chiesto un parere tecnico: «Non si conoscono gli effetti nel lungo periodo del virus SARS-CoV-2 e la comunità scientifica, oggi, non può far altro che basarsi su nozioni apprese da altri tipi di virus. Dunque – afferma Carillo – anche il livello e la durata della protezione offerta dagli anticorpi va riconsiderata alla luce del nostro attuale grado di conoscenza del COVID-19. I test sierologici indicano soltanto se il soggetto sia venuto o meno in contatto con il virus senza riuscire a dare alcuna certezza sul quando ciò sia effettivamente accaduto, e se, al momento dell’esecuzione del test, il virus fosse ancora presente nell’organismo. Questi test pertanto non riescono a dare indicazioni sull’attuale rischio per la salute del singolo soggetto e di chi gli è accanto – conclude – pur dimostrandosi utili per lo studio epidemiologico ed immunologico di risposta al virus».

Eppure, nell’imminenza della fase 2, l’esigenza di una sorta di “patentino d’immunità” si fa sempre più pressante per tutti lavoratori della filiera produttiva del Mezzogiorno d’Italia. Abbiamo intervistato la Consigliera Regionale PD della Regione Campania Antonella Ciaramella, impegnata nel mediare il confronto tra le realtà laboratoristiche private della sanità territoriale e le istituzioni regionali. «L’essenza della fase 2 sarà la sicurezza di tornare al lavoro e per le strade. Ci sono alcuni strumenti fondamentali come le mascherine e i dispositivi di protezione, ma anche la conoscenza è un’arma importante per affrontare il virus sul lungo periodo – dichiara Ciaramella -. Con le analisi il quadro epidemiologico si chiarirà e avremo un’idea più precisa della diffusione e, quindi, del rischio di diffusione e delle misure più adatte a scongiurarlo. Conoscere il rischio è, infatti, il primo passo per contenerlo. E in questo la rete laboratoristica sarà un partner fondamentale».

LEGGI ANCHE: TEST SIEROLOGICI, IL PRESIDENTE DEL POLICLINICO SAN MATTEO DI PAVIA FRENA L’ENTUSIASMO: «NON SONO IL VACCINO, DOVREMO CONVIVERE COL VIRUS»

La difformità sul territorio nazionale nell’applicazione di questi test di screening potrebbe essere la spina nel fianco per una ripartenza coerente. «Non esiste purtroppo al momento in Italia un accordo sugli esami da farsi e sul bacino di persone al quale farli, e ritengo che questo problema vada affrontato e risolto – spiega la Consigliera regionale -. Nel mio ultimo incontro con oltre 45 rappresentanti delle diverse realtà dei laboratori campani, sono uscite diverse proposte costruttive che porterò all’attenzione della Regione. È essenziale – continua –  in questo frangente, instaurare un dibattito aperto e continuo tra politica e realtà scientifiche. Solo attraverso lo scambio di informazioni e la fiducia possiamo arrivare a politiche condivise che guidino la fase 2».

La posta in gioco è alta: si tratta di riavviare l’attività produttiva anche nei servizi accessori, di ripristinare un mondo del lavoro con nuove regole in materia di sicurezza e prevenzione, per tutelare tutto il personale coinvolto e le loro famiglie: «L’obiettivo nel mondo del lavoro deve essere la maggiore sicurezza possibile sulla base dell’evidenza scientifica – afferma Ciaramella -.  Come consigliere regionale non sta a me pronunciarmi sull’efficacia di questo e quell’esame. Il mio compito è portare all’attenzione della Giunta e del Consiglio Regionale l’esperienza e il parere autorevole di una parte importante della sanità territoriale campana – i laboratori d’analisi in questo caso – in modo tale – conclude – che le decisioni istituzionali si fondino su informazioni ampie, verificate e rappresentative».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Coronavirus e influenza, la sfida della diagnosi differenziale fra urgenze e necessità di precisione
Cauda (Gemelli): «Secondo uno studio il 25% dei francesi non ha alcuna intenzione di sottoporsi alla vaccinazione contro il coronavirus. Servirà uno sforzo importante da parte di infettivologi e medici di famiglia»
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 647.674 (31.084 in più rispetto a ieri). 215.085 i […]
Identificato e colpito il tallone di Achille del SARS-CoV-2. Lo studio della Sapienza
I risultati del lavoro, in pubblicazione sulla rivista Pharmacological Research, aprono la strada a strategie innovative per la terapia medica di questo tipo di infezioni virali
Campania, De Luca: «Chiudere tutto tranne attività essenziali. Si torna al lockdown»
«Chiuderemo tutto tranne le attività essenziali. Si torna al lockdown come già fatto a marzo». Il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, chiede al Governo nazionale il lockdown totale e annuncia che lui si muoverà proprio in questo senso. «Oggi siamo chiamati a prendere decisioni forti, definitive ed efficaci, per far fronte a una situazione […]
Napoli, Zuccarelli (Omceo): «La città è malata, serve responsabilità o presto ci saranno centinaia di morti»
Lancia un forte appello alla responsabilità collettiva Bruno Zuccarelli, vice presidente dell’Ordine dei Medici di Napoli. «Non rendiamo vana la sofferenza dei mesi scorsi, altrimenti molto presto saremo costretti a vedere sfilate di carri militari impegnati a trasportare altrove le bare dei nostri cari. Il Covid non lascia seconde occasioni, i nostri medici lo sanno bene»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 30 ottobre, sono 45.041.948 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.181.321 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...