Salute 23 Aprile 2020

Campania, ancora stand-by sui test sierologici. Confronto serrato tra Regione e laboratori

Ciaramella (Consigliere Regione Campania): «Rete laboratoristica partner fondamentale, lavoriamo per trovare un’intesa che guidi fase 2»

Una partenza a macchia di leopardo, nelle varie Regioni, per i test sierologici che attestano la presenza in un organismo degli anticorpi Igg e Igm contro il Coronavirus. In Lombardia si comincia oggi nelle province di Bergamo, Brescia, Cremona e Lodi: una svolta importante per accelerare la ripartenza dell’attività produttiva. Ben diversa la situazione in Campania, dove, all’indomani dell’ordinanza regionale che consente, a partire dal prossimo lunedì, la riapertura di librerie, cartolerie e ed esercizi di ristorazione (solo per attività di consegna a domicilio), l’avvio dei test sierologici è in una fase di stallo.

Nei giorni scorsi la Regione aveva bloccato la partenza di questi test nei laboratori privati, stroncando sul nascere la richiesta da parte delle associazioni di categoria dei centri di analisi, con la motivazione di “dover aspettare l’esito della sperimentazione nazionale da parte del Ministero della Salute”. La Regione Campania, finora, ha autorizzato l’uso di questi test solo in casi ben precisi nelle strutture pubbliche e per il personale sanitario.

LEGGI ANCHE: TAMPONI E TEST SUGLI ANTICORPI, IL RUOLO DEI LABORATORI PRIVATI NELLA LOTTA AL COVID-19

La cautela è d’obbligo, come ha confermato ai nostri microfoni la presidente nazionale della Federazione Italiana Biotecnologi, la dottoressa Antonella Carillo, cui abbiamo chiesto un parere tecnico: «Non si conoscono gli effetti nel lungo periodo del virus SARS-CoV-2 e la comunità scientifica, oggi, non può far altro che basarsi su nozioni apprese da altri tipi di virus. Dunque – afferma Carillo – anche il livello e la durata della protezione offerta dagli anticorpi va riconsiderata alla luce del nostro attuale grado di conoscenza del COVID-19. I test sierologici indicano soltanto se il soggetto sia venuto o meno in contatto con il virus senza riuscire a dare alcuna certezza sul quando ciò sia effettivamente accaduto, e se, al momento dell’esecuzione del test, il virus fosse ancora presente nell’organismo. Questi test pertanto non riescono a dare indicazioni sull’attuale rischio per la salute del singolo soggetto e di chi gli è accanto – conclude – pur dimostrandosi utili per lo studio epidemiologico ed immunologico di risposta al virus».

Eppure, nell’imminenza della fase 2, l’esigenza di una sorta di “patentino d’immunità” si fa sempre più pressante per tutti lavoratori della filiera produttiva del Mezzogiorno d’Italia. Abbiamo intervistato la Consigliera Regionale PD della Regione Campania Antonella Ciaramella, impegnata nel mediare il confronto tra le realtà laboratoristiche private della sanità territoriale e le istituzioni regionali. «L’essenza della fase 2 sarà la sicurezza di tornare al lavoro e per le strade. Ci sono alcuni strumenti fondamentali come le mascherine e i dispositivi di protezione, ma anche la conoscenza è un’arma importante per affrontare il virus sul lungo periodo – dichiara Ciaramella -. Con le analisi il quadro epidemiologico si chiarirà e avremo un’idea più precisa della diffusione e, quindi, del rischio di diffusione e delle misure più adatte a scongiurarlo. Conoscere il rischio è, infatti, il primo passo per contenerlo. E in questo la rete laboratoristica sarà un partner fondamentale».

LEGGI ANCHE: TEST SIEROLOGICI, IL PRESIDENTE DEL POLICLINICO SAN MATTEO DI PAVIA FRENA L’ENTUSIASMO: «NON SONO IL VACCINO, DOVREMO CONVIVERE COL VIRUS»

La difformità sul territorio nazionale nell’applicazione di questi test di screening potrebbe essere la spina nel fianco per una ripartenza coerente. «Non esiste purtroppo al momento in Italia un accordo sugli esami da farsi e sul bacino di persone al quale farli, e ritengo che questo problema vada affrontato e risolto – spiega la Consigliera regionale -. Nel mio ultimo incontro con oltre 45 rappresentanti delle diverse realtà dei laboratori campani, sono uscite diverse proposte costruttive che porterò all’attenzione della Regione. È essenziale – continua –  in questo frangente, instaurare un dibattito aperto e continuo tra politica e realtà scientifiche. Solo attraverso lo scambio di informazioni e la fiducia possiamo arrivare a politiche condivise che guidino la fase 2».

La posta in gioco è alta: si tratta di riavviare l’attività produttiva anche nei servizi accessori, di ripristinare un mondo del lavoro con nuove regole in materia di sicurezza e prevenzione, per tutelare tutto il personale coinvolto e le loro famiglie: «L’obiettivo nel mondo del lavoro deve essere la maggiore sicurezza possibile sulla base dell’evidenza scientifica – afferma Ciaramella -.  Come consigliere regionale non sta a me pronunciarmi sull’efficacia di questo e quell’esame. Il mio compito è portare all’attenzione della Giunta e del Consiglio Regionale l’esperienza e il parere autorevole di una parte importante della sanità territoriale campana – i laboratori d’analisi in questo caso – in modo tale – conclude – che le decisioni istituzionali si fondino su informazioni ampie, verificate e rappresentative».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Emergenza bombole d’ossigeno in Campania, ma è complicato riconsegnare quelle esaurite
Federfarma Napoli: «Domanda aumentata del 400%». E inizia a scarseggiare anche l'ossigeno liquido: «Situazione gravissima»
Covid-19, il direttore del Lancet: «Uk e Italia peggiori della classe in Europa. Stupisce il silenzio assoluto dell’OMS»
Richard Horton al Festival della Salute Globale: «Il Covid ha tirato fuori anche il meglio di noi medici»
di Tommaso Caldarelli
Molecolare, antigenico e sierologico: quale test va fatto caso per caso
L’Istituto Superiore di Sanità e il Ministero della Salute hanno redatto una nota tecnica per spiegare quando va effettuato il tampone molecolare, quando quello antigenico e quando il test sierologico
Covid-19, Rostan (IV): «Misure straordinarie per Covid hotel in Campania»
Secondo la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera «servono programmazioni che consentano di riconvertire le strutture rendendole funzionali ad accogliere i pazienti Covid in piena sicurezza per il personale e per gli ospiti stessi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli