Salute 22 Aprile 2020 17:22

Covid-19, la Lombardia a caccia degli anticorpi. Da domani al via i test sierologici a tappeto

Monti (Presidente Commissione Sanità Regione Lombardia): «Senza tamponi e reagenti puntiamo sui test per trovare immuni e ripartire»

di Federica Bosco
Covid-19, la Lombardia a caccia degli anticorpi. Da domani al via i test sierologici a tappeto

In Lombardia si lavora per ripartire. Da domani test sierologici nelle province di Bergamo, Brescia, Cremona e Lodi, mentre una gara di procedura semplificata e di massima urgenza permetterà di individuare nuovi test in grado di diagnosticare il Covid. Una svolta importante come sottolinea  Emanuele Monti, presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia.

«Oggi abbiamo fatto le prime prove, ma la vera prova di massa partirà domani. È una grandiosa innovazione che ci ha permesso di ovviare alla carenza di tamponi. Infatti qualche settimana fa ci siamo dovuti scontrare con la dura realtà della mancanza di reagenti perché l’80% viene prodotto in Germania che ha deciso di bloccare l’esportazione e di usarli tutti per il proprio Paese. Questa soluzione quindi ci permette di diagnosticare il Covid e di avere positivi e negativi. Partiamo domani con l’obiettivo di ampliare sempre di più lo spettro di popolazione che potrà farne uso».

Come sarà la procedura, da chi inizierete e con che ordine sottoporrete la popolazione ai test?

«Innanzitutto ci muoveremo per ATS, per le nostre agenzie sul territorio, con priorità al personale sociosanitario; ma poi anche i lavoratori che svolgono attività essenziali, come ad esempio le forze dell’ordine, e via via tutta la popolazione. Per farlo, abbiamo bisogno di una grande quantità di test e per questo motivo venerdì scorso abbiamo lanciato una manifestazione di interesse che apre le porte di Regione Lombardia a tutti i test possibili e immaginabili che ovviamente possono diagnosticare il Covid».

LEGGI ANCHE: PATENTE IMMUNITA, NICORA (DG SAN MATTEO): «PROBABILE CHE CHI HA ANTICORPI SIA IMMUNE AL COVID-19. PRESTO SAPREMO PER QUANTO TEMPO»

Quindi tutti coloro che prenderanno parte a questa gara dovranno presentare un test che possa garantire gli stessi risultati di quelli del San Matteo di Pavia?

«Ringraziamo il San Matteo di Pavia per la ricerca scientifica che ha portato avanti e che ci ha permesso di scoprire gli anticorpi neutralizzanti capaci di immunizzare il virus e differenziare il test da quelli sulle immunologie che vengono utilizzati anche in centri privati accreditati e che vengono proposti a pagamento. Ecco, la differenza sostanziale, come studiato al San Matteo, è tra test che diagnosticano il Covid e test epidemiologici degli anticorpi, ma che non riconoscono gli anticorpi neutralizzanti che dicono se il paziente non è più positivo e se è negativizzato al virus. Il tema è quello di riuscire a neutralizzare il virus. Oggi è il San Matteo in grado di farlo, ma sono benvenuti tutti i test che potranno garantire questa definizione, per poter ampliare sempre più lo spettro delle persone screenate in Lombardia e tornare alla normalità, perché avere la patente di immunità ed essere immune al virus significa tanto».

Si sta parlando di fase 2 a partire dal 4 maggio, è proprio così? Sarà fattibile come data?

«Stiamo lavorando. Come Regione Lombardia abbiamo tenuto denti stretti e nervosismo sotto le scarpe per lavorare a questa data. In primis dobbiamo mettere in sicurezza il territorio: i risultati ottenuti sono eccezionali, abbiamo dimezzato i pazienti in terapia intensiva, non siamo mai andati oltre il limite fisiologico di Spagna e Francia che hanno dovuto arrivare all’amara decisione di non curare delle persone, ed ora, riportando la situazione in maggiore sicurezza, contiamo entro i prossimi dieci giorni di arrivare alla soglia che ci permetterà di poter riaprire, ovviamente con delle regole, per portare le persone alla normalità, ma preservando la propria salute e quella degli altri».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, Palermo (Anaao): «Se non cambiano idea, 90mila no vax rischieranno la vita»
Il Segretario Nazionale di Anaao-Assomed spiega a Sanità Informazione perché l’obbligo vaccinale andrebbe preso in considerazione
Il 96% dei deceduti per Covid-19 non era vaccinato. Onder (ISS): «Ampia copertura per proteggere gli “iperfragili”»
Pubblicato il report ISS sui decessi per Covid-19 degli ultimi 8 mesi. I morti non vaccinati sono 23 volte di più di quelli che avevano ricevuto la doppia dose e sono comunque deceduti a causa del virus
Covid-19, Ecdc: «Concentrarsi su casi sintomatici e integrare sorveglianza influenza»
Per il Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc) è il momento di passare «dalla sorveglianza di emergenza» attivata contro Covid «alla sorveglianza di routine dei patogeni respiratori» in generale
Green pass e badanti, le FAQ del Governo. Cosa c’è da sapere
Come comportarsi con badanti conviventi senza Green pass o positive al Covid-19? Le risposte di Palazzo Chigi
Covid-19, Lorenzin: «Mio obbligo vaccinale e Green pass molto simili»
L'ex ministra della Salute ha partecipato all'ultimo congresso Sumai: «Medici fondamentali per convincere quella nicchia di pazienti che non si vuole vaccinare»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 20 ottobre, sono 241.574.393 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.913.555 i decessi. Ad oggi, oltre 6,67 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?