Salute 22 Aprile 2020 17:22

Covid-19, la Lombardia a caccia degli anticorpi. Da domani al via i test sierologici a tappeto

Monti (Presidente Commissione Sanità Regione Lombardia): «Senza tamponi e reagenti puntiamo sui test per trovare immuni e ripartire»

di Federica Bosco
Covid-19, la Lombardia a caccia degli anticorpi. Da domani al via i test sierologici a tappeto

In Lombardia si lavora per ripartire. Da domani test sierologici nelle province di Bergamo, Brescia, Cremona e Lodi, mentre una gara di procedura semplificata e di massima urgenza permetterà di individuare nuovi test in grado di diagnosticare il Covid. Una svolta importante come sottolinea  Emanuele Monti, presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia.

«Oggi abbiamo fatto le prime prove, ma la vera prova di massa partirà domani. È una grandiosa innovazione che ci ha permesso di ovviare alla carenza di tamponi. Infatti qualche settimana fa ci siamo dovuti scontrare con la dura realtà della mancanza di reagenti perché l’80% viene prodotto in Germania che ha deciso di bloccare l’esportazione e di usarli tutti per il proprio Paese. Questa soluzione quindi ci permette di diagnosticare il Covid e di avere positivi e negativi. Partiamo domani con l’obiettivo di ampliare sempre di più lo spettro di popolazione che potrà farne uso».

Come sarà la procedura, da chi inizierete e con che ordine sottoporrete la popolazione ai test?

«Innanzitutto ci muoveremo per ATS, per le nostre agenzie sul territorio, con priorità al personale sociosanitario; ma poi anche i lavoratori che svolgono attività essenziali, come ad esempio le forze dell’ordine, e via via tutta la popolazione. Per farlo, abbiamo bisogno di una grande quantità di test e per questo motivo venerdì scorso abbiamo lanciato una manifestazione di interesse che apre le porte di Regione Lombardia a tutti i test possibili e immaginabili che ovviamente possono diagnosticare il Covid».

LEGGI ANCHE: PATENTE IMMUNITA, NICORA (DG SAN MATTEO): «PROBABILE CHE CHI HA ANTICORPI SIA IMMUNE AL COVID-19. PRESTO SAPREMO PER QUANTO TEMPO»

Quindi tutti coloro che prenderanno parte a questa gara dovranno presentare un test che possa garantire gli stessi risultati di quelli del San Matteo di Pavia?

«Ringraziamo il San Matteo di Pavia per la ricerca scientifica che ha portato avanti e che ci ha permesso di scoprire gli anticorpi neutralizzanti capaci di immunizzare il virus e differenziare il test da quelli sulle immunologie che vengono utilizzati anche in centri privati accreditati e che vengono proposti a pagamento. Ecco, la differenza sostanziale, come studiato al San Matteo, è tra test che diagnosticano il Covid e test epidemiologici degli anticorpi, ma che non riconoscono gli anticorpi neutralizzanti che dicono se il paziente non è più positivo e se è negativizzato al virus. Il tema è quello di riuscire a neutralizzare il virus. Oggi è il San Matteo in grado di farlo, ma sono benvenuti tutti i test che potranno garantire questa definizione, per poter ampliare sempre più lo spettro delle persone screenate in Lombardia e tornare alla normalità, perché avere la patente di immunità ed essere immune al virus significa tanto».

Si sta parlando di fase 2 a partire dal 4 maggio, è proprio così? Sarà fattibile come data?

«Stiamo lavorando. Come Regione Lombardia abbiamo tenuto denti stretti e nervosismo sotto le scarpe per lavorare a questa data. In primis dobbiamo mettere in sicurezza il territorio: i risultati ottenuti sono eccezionali, abbiamo dimezzato i pazienti in terapia intensiva, non siamo mai andati oltre il limite fisiologico di Spagna e Francia che hanno dovuto arrivare all’amara decisione di non curare delle persone, ed ora, riportando la situazione in maggiore sicurezza, contiamo entro i prossimi dieci giorni di arrivare alla soglia che ci permetterà di poter riaprire, ovviamente con delle regole, per portare le persone alla normalità, ma preservando la propria salute e quella degli altri».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Vaccino Covid-19, Chimici e Fisici a Speranza: «Ci inserisca tra le categorie prioritarie da vaccinare»
«Nessun professionista sanitario deve essere escluso dalla lista delle categorie prioritarie da vaccinare» sottolinea la Presidente della FNCF, Nausicaa Orlandi
In Gran Bretagna contagi fuori controllo, cambia il piano vaccinale
Un cardiologo italiano racconta: «Variante più contagiosa, ora si predilige vaccinare il maggior numero di persone con la prima dose, ritardando la seconda. Ci vorranno almeno due o tre mesi per vedere un vero effetto del vaccino»
di Federica Bosco
Incubo terza ondata, i numeri tornano a salire in tutto il mondo
Risalgono i contagi in tutto il mondo, gli esperti temono la terza ondata. Al primo posto gli Stati Uniti con 3 milioni di nuovi casi in 15 giorni, segue il Regno Unito vittima della variante inglese. Italia ottava con tasso di mortalità ancora alto. In Cina si torna a morire per Covid
L’OMS lancia un’indagine in 26 Paesi europei per valutare le conseguenze del Covid sulla psiche
De Girolamo (IRCCS Fatebenefratelli): «Questionario online per 10000 cittadini tra i 18 e i 70 anni per conoscere ripercussione che avrà il virus su sfera economica, percezione della malattia attraverso l’informazione e ruolo del vaccino»
di Federica Bosco
All’ospedale San Paolo di Milano supereroi per i piccoli pazienti
Il primario di Pediatria: «Necessario infondere ottimismo. Momenti come quello regalato dalla onlus Supereroi Acrobati sono fondamentali nel percorso di guarigione»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...