Salute 22 Aprile 2020 17:22

Covid-19, la Lombardia a caccia degli anticorpi. Da domani al via i test sierologici a tappeto

Monti (Presidente Commissione Sanità Regione Lombardia): «Senza tamponi e reagenti puntiamo sui test per trovare immuni e ripartire»

di Federica Bosco
Covid-19, la Lombardia a caccia degli anticorpi. Da domani al via i test sierologici a tappeto

In Lombardia si lavora per ripartire. Da domani test sierologici nelle province di Bergamo, Brescia, Cremona e Lodi, mentre una gara di procedura semplificata e di massima urgenza permetterà di individuare nuovi test in grado di diagnosticare il Covid. Una svolta importante come sottolinea  Emanuele Monti, presidente della Commissione Sanità di Regione Lombardia.

«Oggi abbiamo fatto le prime prove, ma la vera prova di massa partirà domani. È una grandiosa innovazione che ci ha permesso di ovviare alla carenza di tamponi. Infatti qualche settimana fa ci siamo dovuti scontrare con la dura realtà della mancanza di reagenti perché l’80% viene prodotto in Germania che ha deciso di bloccare l’esportazione e di usarli tutti per il proprio Paese. Questa soluzione quindi ci permette di diagnosticare il Covid e di avere positivi e negativi. Partiamo domani con l’obiettivo di ampliare sempre di più lo spettro di popolazione che potrà farne uso».

Come sarà la procedura, da chi inizierete e con che ordine sottoporrete la popolazione ai test?

«Innanzitutto ci muoveremo per ATS, per le nostre agenzie sul territorio, con priorità al personale sociosanitario; ma poi anche i lavoratori che svolgono attività essenziali, come ad esempio le forze dell’ordine, e via via tutta la popolazione. Per farlo, abbiamo bisogno di una grande quantità di test e per questo motivo venerdì scorso abbiamo lanciato una manifestazione di interesse che apre le porte di Regione Lombardia a tutti i test possibili e immaginabili che ovviamente possono diagnosticare il Covid».

LEGGI ANCHE: PATENTE IMMUNITA, NICORA (DG SAN MATTEO): «PROBABILE CHE CHI HA ANTICORPI SIA IMMUNE AL COVID-19. PRESTO SAPREMO PER QUANTO TEMPO»

Quindi tutti coloro che prenderanno parte a questa gara dovranno presentare un test che possa garantire gli stessi risultati di quelli del San Matteo di Pavia?

«Ringraziamo il San Matteo di Pavia per la ricerca scientifica che ha portato avanti e che ci ha permesso di scoprire gli anticorpi neutralizzanti capaci di immunizzare il virus e differenziare il test da quelli sulle immunologie che vengono utilizzati anche in centri privati accreditati e che vengono proposti a pagamento. Ecco, la differenza sostanziale, come studiato al San Matteo, è tra test che diagnosticano il Covid e test epidemiologici degli anticorpi, ma che non riconoscono gli anticorpi neutralizzanti che dicono se il paziente non è più positivo e se è negativizzato al virus. Il tema è quello di riuscire a neutralizzare il virus. Oggi è il San Matteo in grado di farlo, ma sono benvenuti tutti i test che potranno garantire questa definizione, per poter ampliare sempre più lo spettro delle persone screenate in Lombardia e tornare alla normalità, perché avere la patente di immunità ed essere immune al virus significa tanto».

Si sta parlando di fase 2 a partire dal 4 maggio, è proprio così? Sarà fattibile come data?

«Stiamo lavorando. Come Regione Lombardia abbiamo tenuto denti stretti e nervosismo sotto le scarpe per lavorare a questa data. In primis dobbiamo mettere in sicurezza il territorio: i risultati ottenuti sono eccezionali, abbiamo dimezzato i pazienti in terapia intensiva, non siamo mai andati oltre il limite fisiologico di Spagna e Francia che hanno dovuto arrivare all’amara decisione di non curare delle persone, ed ora, riportando la situazione in maggiore sicurezza, contiamo entro i prossimi dieci giorni di arrivare alla soglia che ci permetterà di poter riaprire, ovviamente con delle regole, per portare le persone alla normalità, ma preservando la propria salute e quella degli altri».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Regione Lombardia investe 7,5 milioni di euro nelle cure domiciliari
Nuove tecnologie, telemedicina e personale specializzato gli ambiti di sviluppo su cui è concentrata l’attenzione di pubblico e privato. Da MedicaAir nuovi studi per migliorare la consistenza dei cibi per pazienti con insufficienza respiratoria
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...