Salute 10 Aprile 2020 15:40

Patente immunità, Nicora (dg San Matteo): «Probabile che chi ha anticorpi sia immune al Covid-19. Presto sapremo per quanto tempo»

Il direttore generale del Policlinico pavese: «Il test potrà essere effettuato sia a pazienti sintomatici che ad individui asintomatici, ma le sperimentazioni verranno decise da politiche di sanità pubblica delle singole regioni. Questi test sierologici non sostituiscono i tamponi nasali, i soli a poter certificare se una persona è infetta e contagiosa»

di Isabella Faggiano
Patente immunità, Nicora (dg San Matteo): «Probabile che chi ha anticorpi sia immune al Covid-19. Presto sapremo per quanto tempo»

È cominciato il conto alla rovescia per la diffusione del test made in Italy che permetterà di tracciare e individuare i soggetti infettati e che hanno sviluppato gli anticorpi neutralizzanti IgG contro il Covid-19, quegli anticorpi che, impedendo al virus di replicarsi, permetteranno, con molta probabilità, di diventare immuni verso la malattia e di ottenere, eventualmente, la cosiddetta “patente di immunità”.

«Dal momento che le ditte di diagnostica saranno pronte alla commercializzazione, in circa 7-10 giorni, ogni laboratorio potrà essere in grado di effettuare il test». Ad annunciarlo, in un’intervista a Sanità Informazione, è Carlo Nicora, medico di sanità pubblica e direttore generale del Policlinico San Matteo di Pavia. L’attività di ricerca scientifica che ha permesso lo sviluppo e la validazione del Test sierologico automatizzato per la diagnosi di infezione da Covid-19 di una ditta italiana di diagnostica di laboratorio è stata condotta all’interno del laboratorio di Virologia dello stesso ospedale, diretto dal professore Fausto Baldanti.

LEGGI ANCHE: COVID-19, PRONTO IL NUOVO TEST PER IDENTIFICARE I PAZIENTI CON ANTICORPI

L’esame funziona come un normale prelievo ematico, effettuabile in qualsiasi ospedale o laboratorio autorizzati, e sarà possibile ottenerne i risultati nel giro di una o due ore al massimo. Si tratta di un  test quantitativo che misura la quantità (valore) di anticorpi presenti nel sangue (IgM e IgG): «Il test quantitativo di cui parliamo – specifica il direttore generale del Policlinico San Matteo di Pavia – misura il valore degli anticorpi neutralizzanti in persone che hanno contratto l’infezione e sono in convalescenza o guariti. Sono i soggetti che hanno sicuramente sviluppato anticorpi che impediscono al virus di replicarsi e quindi, con molta probabilità, da ritenersi immuni verso la malattia (patente di immunità), ma che non certificano (con le conoscenze attuali) l’essere o no infettivi, che può essere attestato solo dalla effettuazione di due tamponi nasali».

Quando il test entrerà ufficialmente in commercio sarà possibile avviare degli studi che coinvolgano ampi gruppi di popolazione e «solo dall’analisi di questi studi – sottolinea Nicora – potremo avere un’indicazione sulla percentuale di immuni. Il test potrà essere effettuato sia a pazienti sintomatici che ad individui asintomatici, ma le sperimentazioni verranno decise da politiche di sanità pubblica che le varie regioni decideranno di adottare».

LEGGI ANCHE: GUARITI DA COVID-19, VINEIS (CSS): «RISPOSTA IMMUNITARIA DUREREBBE ALMENO 6 MESI, MA SONO SOLO OPINIONI DEI RICERCATORI»

Il test permetterà, dunque, di tracciare e individuare i soggetti infettati che hanno sviluppato gli anticorpi neutralizzanti IgG contro il Covid-19. Ma questa immunità garantirà a questi stessi individui di non ammalarsi nuovamente? «Con le conoscenze attuali – risponde Carlo Nicora – possiamo affermare con ragionevolezza che questi soggetti non si ammaleranno nuovamente. Ma solo con i prossimi studi di ricerca saremo in grado di dare una risposta certa e definitiva sulla immunità duratura».

Attenzione, lo stesso test non potrà essere utilizzato per “scovare” i pazienti asintomatici: «Nelle fasi iniziali della malattia (incubazione di 0-14 giorni e nella fase dei sintomi, cioè malattia in atto) – dice il direttore generale del Policlinico San Matteo di Pavia – i test sierologici non sostituiscono i tamponi nasali, i soli a poter certificare se una persona è infetta e contagiosa. Chi risulta negativo alla ricerca degli anticorpi neutralizzanti significa che non è ancora venuto a contatto con il Covid-19, pertanto può infettarsi e quindi ammalarsi. Di conseguenza, deve obbligatoriamente: indossare la mascherina in presenza di altri individui, mantenere sempre il distanziamento sociale di almeno 1 metro, utilizzare i guanti dove previsto ed arieggiare i locali, se frequentati da altre persone. Tutto questo dovrà essere mantenuto fino a quando non verrà decretata dalle autorità sanitarie la fine dell’epidemia nell’area dove vive o fino a quando – conclude Nicora – non sarà disponibile un vaccino».

 

Articoli correlati
Ancona assediata dal Covid, la testimonianza di un medico: «Pazienti più giovani e malattia più aggressiva. Attesa di 3-4 giorni in PS»
Daniele Fumelli lavora all’ospedale Torrette di Ancona e descrive una situazione preoccupante: «È come la prima ondata. Gran parte dei ricoveri sono sotto i 70 anni, abbiamo complicanze a 50 anni, intubati a 35 anni». Variante inglese riscontrata nel 58% dei campioni, scuole chiuse e città semi-deserta
La Gran Bretagna si prepara a riaprire, previsto per il 21 giugno il liberi tutti
La scelta di vaccinare più persone con una sola dose sembra essere vincente; il Canada invece ci ripensa e rimanda la seconda somministrazione
di Federica Bosco
World Obesity Day, ecco l’impatto della pandemia sui pazienti affetti da obesità
Foschi (SICOB): «Includere obesità nei Lea. Priorità per i vaccini? I pazienti non sono censiti, rischiamo di rallentare tutta la campagna»
Vaccino anti Covid-19, una sola dose a chi ha già contratto il virus
Somministrazione unica per i “guariti”, ad almeno tre mesi di distanza dalla documentata infezione ed entro i 6 mesi dalla stessa. È quanto prevede la circolare del Ministero della Salute che riprende il parere del Consiglio superiore di sanità
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 4 marzo, sono 115.199.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.560.287 i decessi. Ad oggi, oltre 268,57 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 marzo: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 marzo, sono 115.199.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.560.287 i decessi. Ad oggi, oltre 268,57 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...