Salute 10 Aprile 2020

Patente immunità, Nicora (dg San Matteo): «Probabile che chi ha anticorpi sia immune al Covid-19. Presto sapremo per quanto tempo»

Il direttore generale del Policlinico pavese: «Il test potrà essere effettuato sia a pazienti sintomatici che ad individui asintomatici, ma le sperimentazioni verranno decise da politiche di sanità pubblica delle singole regioni. Questi test sierologici non sostituiscono i tamponi nasali, i soli a poter certificare se una persona è infetta e contagiosa»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

È cominciato il conto alla rovescia per la diffusione del test made in Italy che permetterà di tracciare e individuare i soggetti infettati e che hanno sviluppato gli anticorpi neutralizzanti IgG contro il Covid-19, quegli anticorpi che, impedendo al virus di replicarsi, permetteranno, con molta probabilità, di diventare immuni verso la malattia e di ottenere, eventualmente, la cosiddetta “patente di immunità”.

«Dal momento che le ditte di diagnostica saranno pronte alla commercializzazione, in circa 7-10 giorni, ogni laboratorio potrà essere in grado di effettuare il test». Ad annunciarlo, in un’intervista a Sanità Informazione, è Carlo Nicora, medico di sanità pubblica e direttore generale del Policlinico San Matteo di Pavia. L’attività di ricerca scientifica che ha permesso lo sviluppo e la validazione del Test sierologico automatizzato per la diagnosi di infezione da Covid-19 di una ditta italiana di diagnostica di laboratorio è stata condotta all’interno del laboratorio di Virologia dello stesso ospedale, diretto dal professore Fausto Baldanti.

LEGGI ANCHE: COVID-19, PRONTO IL NUOVO TEST PER IDENTIFICARE I PAZIENTI CON ANTICORPI

L’esame funziona come un normale prelievo ematico, effettuabile in qualsiasi ospedale o laboratorio autorizzati, e sarà possibile ottenerne i risultati nel giro di una o due ore al massimo. Si tratta di un  test quantitativo che misura la quantità (valore) di anticorpi presenti nel sangue (IgM e IgG): «Il test quantitativo di cui parliamo – specifica il direttore generale del Policlinico San Matteo di Pavia – misura il valore degli anticorpi neutralizzanti in persone che hanno contratto l’infezione e sono in convalescenza o guariti. Sono i soggetti che hanno sicuramente sviluppato anticorpi che impediscono al virus di replicarsi e quindi, con molta probabilità, da ritenersi immuni verso la malattia (patente di immunità), ma che non certificano (con le conoscenze attuali) l’essere o no infettivi, che può essere attestato solo dalla effettuazione di due tamponi nasali».

Quando il test entrerà ufficialmente in commercio sarà possibile avviare degli studi che coinvolgano ampi gruppi di popolazione e «solo dall’analisi di questi studi – sottolinea Nicora – potremo avere un’indicazione sulla percentuale di immuni. Il test potrà essere effettuato sia a pazienti sintomatici che ad individui asintomatici, ma le sperimentazioni verranno decise da politiche di sanità pubblica che le varie regioni decideranno di adottare».

LEGGI ANCHE: GUARITI DA COVID-19, VINEIS (CSS): «RISPOSTA IMMUNITARIA DUREREBBE ALMENO 6 MESI, MA SONO SOLO OPINIONI DEI RICERCATORI»

Il test permetterà, dunque, di tracciare e individuare i soggetti infettati che hanno sviluppato gli anticorpi neutralizzanti IgG contro il Covid-19. Ma questa immunità garantirà a questi stessi individui di non ammalarsi nuovamente? «Con le conoscenze attuali – risponde Carlo Nicora – possiamo affermare con ragionevolezza che questi soggetti non si ammaleranno nuovamente. Ma solo con i prossimi studi di ricerca saremo in grado di dare una risposta certa e definitiva sulla immunità duratura».

Attenzione, lo stesso test non potrà essere utilizzato per “scovare” i pazienti asintomatici: «Nelle fasi iniziali della malattia (incubazione di 0-14 giorni e nella fase dei sintomi, cioè malattia in atto) – dice il direttore generale del Policlinico San Matteo di Pavia – i test sierologici non sostituiscono i tamponi nasali, i soli a poter certificare se una persona è infetta e contagiosa. Chi risulta negativo alla ricerca degli anticorpi neutralizzanti significa che non è ancora venuto a contatto con il Covid-19, pertanto può infettarsi e quindi ammalarsi. Di conseguenza, deve obbligatoriamente: indossare la mascherina in presenza di altri individui, mantenere sempre il distanziamento sociale di almeno 1 metro, utilizzare i guanti dove previsto ed arieggiare i locali, se frequentati da altre persone. Tutto questo dovrà essere mantenuto fino a quando non verrà decretata dalle autorità sanitarie la fine dell’epidemia nell’area dove vive o fino a quando – conclude Nicora – non sarà disponibile un vaccino».

 

Articoli correlati
Nuovo report cabina di regia: «Ancora un aumento dei casi. Mantenere misure di precauzione ed evitare assembramenti»
«Il grande impegno di tutta la popolazione nella fase di riapertura ed il mantenimento di misure rigorose permette oggi di avere un impatto più contenuto sulla salute della popolazione e sul sistema sanitario rispetto ad altri paesi europei»
Il video dell’Oms per raccontare la reazione italiana a Covid-19: «Il Paese non si è arreso»
Una raccolta di immagini che sviscera tutto quello che è accaduto in questi mesi, dai primi casi alle difficoltà del lockdown. L'Organizzazione mondiale della Sanità parla dell'esempio dell'Italia con alcuni esperti, da Locatelli a Brusaferro. Speranza: «Non vanificare i sacrifici fatti»
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 306.235 (1.912 in più rispetto a ieri). 107.269 i […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...