Salute 7 Aprile 2020 14:49

Guariti da Covid-19, Vineis (CSS): «Risposta immunitaria durerebbe almeno 6 mesi, ma sono solo opinioni dei ricercatori»

«Per stimare la circolazione del virus in Italia è utile un’indagine campionaria di popolazione con un test anticorpale, ma non sappiamo molto sulla durata o l’efficacia dell’immunizzazione. E senza un test efficace e accurato, c’è il rischio di falsi positivi che darebbero ai soggetti la falsa sensazione di essere protetti». L’intervista al Vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità Paolo Vineis

Guariti da Covid-19, Vineis (CSS): «Risposta immunitaria durerebbe almeno 6 mesi, ma sono solo opinioni dei ricercatori»

Realizzare un’indagine siero-epidemiologica nazionale su Covid-19 con un test anticorpale. È questa la proposta dell’Associazione Italiana di Epidemiologia (Aie) contenuta in una nota indirizzata, tra gli altri, al Ministero della Salute, al Dipartimento di Protezione Civile e al Presidente del Comitato Tecnico Scientifico Covid-19. L’obiettivo? Stimare l’effettiva circolazione dell’infezione e valutare il grado di immunità della popolazione.

Così come altri virus, anche il SARS-CoV-2, infatti, lascia una traccia di risposta immunitaria nelle persone che ha infettato e, di conseguenza, chi ha avuto la Covid-19 può essersi immunizzato. La lenta riapertura del Paese potrebbe passare per questi esami rapidi del sangue che devono essere validati dai tecnici del Comitato scientifico; il rischio, infatti, è avere falsi positivi o falsi negativi. Ma quanto dura “la patente d’immunità” e quanto è efficace? E, soprattutto, chi è guarito è immune dal contagio?

A queste domande ha risposto il professor Paolo Vineis, Vicepresidente del Consiglio Superiore di Sanità, ordinario di epidemiologia all’Imperial College di Londra e Past President dell’Associazione Italiana Epidemiologia (AIE).

LEGGI ANCHE: PATENTE DI IMMUNITA, REZZA (ISS) FRENA: «AL NORD POTREBBE AIUTARE, MA DOVE VIRUS HA CIRCOLATO POCO SERVE ALTRO»

Professor Vineis, dall’ultimo report dell’Imperial College di Londra emerge che in Italia sarebbero 5,9 milioni le persone infettate dal Coronavirus, ovvero il 9,8% dell’intera popolazione, e che le misure di contenimento avrebbero evitato una catastrofe sanitaria. Cosa ne pensa?

«Penso che sia molto difficile fornire stime sul numero di persone infette. Il numero cui lei si riferisce è stato ottenuto attraverso un metodo di “back-calculation”, cioè calcolo a ritroso a partire dalla mortalità osservata e applicando assunzioni come il tasso di letalità negli infetti. La stima mi pare plausibile, ma sono in corso ulteriori affinamenti da parte del team di Ferguson all’Imperial College. Invece mi sembra credibile il fatto che le misure di contenimento messe in atto dal governo abbiano evitato circa 38mila morti. Bisogna tener presente che queste stime sono sempre accompagnate da un intervallo di credibilità che esprime tra l’altro le incertezze sulle assunzioni usate (per le morti evitate: l’intervallo sta fra 13mila e 84mila)».

Qual è la proposta dell’AIE al comitato tecnico-scientifico per stimare l’effettiva circolazione dell’infezione da nuovo Coronavirus in Italia?

«Noi riteniamo che sia utile effettuare un’indagine campionaria di popolazione per stimare la proporzione di infetti con un test anticorpale. Mentre il tampone indaga sugli acidi nucleici virali (RNA) ed è un indicatore dell’infezione in corso (per cui rimane positivo solo per 2-3 settimane nelle persone infette), gli anticorpi indicano che c’è stata una risposta immunitaria e dunque il soggetto può essersi immunizzato. Ma non sappiamo molto, in particolare quanto dura l’immunizzazione e quanto sia efficace».

In che modo è praticabile questa proposta?

«È prima di tutto necessario disporre di un test anticorpale efficace e accurato. Ci stanno lavorando vari laboratori in Italia, principalmente afferenti agli IRCCS e al gruppo di 300 ricercatori che hanno firmato un appello al governo mettendosi a disposizione».

LEGGI ANCHE: COVID-19, PRONTO IL NUOVO TEST PER IDENTIFICARE I PAZIENTI CON ANTICORPI

Ma qual è l’attendibilità di questi test anticorpali per stabilire chi è immunizzato?

«Non lo sappiamo, per questo è importante disporre di un test accurato che funga da “gold standard” verso cui paragonare i test commerciali. Il rischio è che i test diano origine a molti risultati falsamente positivi, che darebbero ai soggetti la falsa sensazione di essere protetti mentre non lo sono».

Chi è guarito è immune dal contagio?

«Si tratta di un virus nuovo e la storia naturale dell’infezione è ignota. Sono tutte domande cui è necessario rispondere tramite gli studi siero-epidemiologici. Finora le evidenze migliori vengono da uno studio di Woelfel pubblicato su Nature e basato su soli 9 pazienti. Per questi aspetti, rimando all’ottima pubblicazione dell’Accademia dei Lincei su COVID-19. C’è un’evidenza ancora aneddotica – sarebbe meglio parlare di opinione personale dei ricercatori – secondo cui sia la risposta immunitaria che la resistenza all’infezione dovrebbero durare almeno 6-12 mesi. Ovviamente non abbiamo ancora osservazioni così lunghe».

Secondo lei, qual è la strada migliore da intraprendere per riaprire gradualmente scuole, uffici e tutto il resto e, quando questo potrà avvenire?

«Credo che anche su questo nessuno abbia ancora una risposta. Le stime matematiche fatte da alcuni, tra cui l’Imperial College, consistono nel valutare l’impatto sull’evoluzione dell’epidemia della rinuncia o attenuazione di diverse misure di contenimento (come la riapertura delle scuole, l’attenuazione del lockdown). Ma è prematuro trarne conseguenze pratiche ai fini delle decisioni. Apprezzo la prudenza di alcuni politici, che non è però di tutti».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Long Covid: rischio sovrastimato? Comunità scientifica divisa
Tracy Beth Høeg dell’Università della California, San Francisco, e il suo team di ricerca hanno affermato che c'è una buona probabilità che il Long Covid sia stato sovrastimato. Le conclusioni del loro lavoro hanno sollevato un polverone di polemiche all'interno della comunità scientifica
Long Covid: più vicini a un test del sangue per la diagnosi
I pazienti con Long Covid presentano chiare differenze nella funzione immunitaria e ormonale rispetto alle persone senza sindrome post-infezione. Questo significa che nel plasma potrebbero esserci molecole specifiche in grado di aiutarci a identificare coloro che hanno il Long Covid da chi no
Long Covid: il rischio aumenta quanto più a lungo dura l’infezione
Anche la durata dell'infezione è un importante fattore predittivo del Long Covid, responsabile della persistenza dei sintomi anche dopo settimane e mesi dalla fine della malattia. A dimostrarlo è uno studio italiano
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...